Il riscaldamento globale nella regione artica

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Gli Stati membri interessati, ma non coinvolto.

I rappresentanti delle nazioni 8 artiche, compresi gli Stati Uniti, si sono incontrati a Reykjavik (Islanda) per decidere una possibile risposta alla valutazione di impatto climatico nella regione artica, pubblicato due settimane prima. In esso il frutto di quattro anni di ricerca, gli scienziati 300 hanno espresso timori circa l'aumento delle temperature attuali nella regione polare. Ma il rapporto dai negoziati condotti dai membri del Consiglio artico
non sembra rispondere alle sfide. Essa si limita a riconoscere il problema e per incoraggiare l'adozione di misure efficaci contro-senza specificare quali.

In particolare, nessuna strategia comune per limitare l'emissione di gas ad effetto serra responsabili del cambiamento climatico nell'Artico potrebbe essere fermato, e questo soprattutto sotto la pressione degli Stati Uniti. L'amministrazione Bush dice particolare attenzione al volontariato
e la ricerca sulle tecnologie energetiche e lo stoccaggio di anidride carbonica rinnovabili per migliorare la situazione. Il presidente della Union of Concerned Scientists, un'organizzazione indipendente che riunisce scienziati e cittadini, nel frattempo ha definito questa posizione "irresponsabile al limite." WP 25 / 11 / 04 (Consiglio artico sollecita azione sul riscaldamento)

http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/articles/A11104-2004Nov24.html

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *