Perché non va male?


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Test, Editions Fayard, Transversales Collezione diretto da Jacques Robin e Joël de Rosnay

Al centro degli abusi incredibile e terrificante che l'uomo pratica il suo proposito, c'è paura e l'infelicità: le 1 000 miliardi di dollari all'anno spesi per armamenti, che cosa sono, se non il prezzo della paura e di dominio? Il 500 miliardi spesi per i farmaci e le sostanze stupefacenti, così come sono, se i prezzi pagati un numero crescente di persone a dimenticare la propria vita come troppo duro o troppo blando? E 500 miliardi di spesa pubblicitaria annuale, che cosa significano quando sappiamo che solo un quinto di quella quantità sufficiente per combattere efficacemente la fame, per garantire l'accesso all'acqua e all'assistenza sanitaria di base per tutti gli esseri umani che vivono su questo pianeta?

Questo non è quello di mostrare catastrofismo dire che il rischio di umanità prematuramente fine alla sua avventura a causa della sua incapacità di affrontare le sfide ambientali, fattori sociali, finanziarie e culturali che la minacciano.

Ma queste sfide possono essere l'occasione, come nel caso del processo biologico di evoluzione, un salto di qualità, culturale e politica questa volta nel senso della sua umanizzazione.

Il rapporto tra trasformazione personale e trasformazione collettiva non si esprime con la vecchia mentalità di opposizione o riforme strutturali. E 'nella complementarietà di una tensione dinamica tra questi due approcci trasformativi che entrambe le riforme devono esseri pensieri e comportamenti. Si tratta semplicemente di sognare un altro mondo possibile. Dobbiamo riconoscere e sperimentare altri modi di essere nel mondo già presenti ma non vedere. Si tratta di una mutazione qualitativa della democrazia, che unisce il meglio della passione e della ragione umana, dobbiamo riuscire, la democrazia è una comunità umana l'equivalente di "lavoro su di sé" che porta un individuo ricerca della saggezza.
Patrick Viveret, filosofo, è consigliere della Corte dei conti. Egli è l'autore di Ripensare la ricchezza (Editions de l'Aube). L'ex direttore di Scienza Cultura trasversale, che ospita anche il Centro Internazionale Pierre Mendes France ed è stato uno dei fondatori dell'associazione Interazioni, trasformazione personale, trasformazione sociale.


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *