Totale: cinque raffinerie francesi su sei sono stazionarie

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

PARIGI - Due delle sei raffinerie francesi francesi sono ora stazionarie e altri tre sono in una fase di "arresto". Questo è il risultato dello sciopero chiamato dal CGT e dal CFDT per denunciare la soppressione della festa di Whit Monday in azienda.

La compagnia petrolifera, il principale raffinatore europeo, ha tuttavia assicurato che nel medio termine non ci saranno "problemi" con le stazioni di servizio 5626 (tra cui 2000 sotto il marchio Elan) Francia. Il Ministero dell'Industria ha affermato giovedì che non c'è "nessun rischio di scarsità nel breve termine".

Ciò non è però il parere di Charles Foulard, delegato centrale sindacale CGT. Sulla base delle informazioni raccolte sul campo, assicura che "alcuni depositi vivano le ultime ore". Sospetta persino che la multinazionale abbia preso in considerazione le riserve strategiche della Francia.

Ha detto che non c'era ancora alcuna ripresa del dialogo con la Direzione generale. "Il presupposto" a qualsiasi sospensione del movimento era "il ritiro dell'applicazione della legge nel giorno della solidarietà", ha aggiunto. "I dipendenti sono più determinati che mai, andranno tutto il resto".

Lo sciopero arriva pochi giorni dopo l'Assemblea generale di Total actionnnaires, che ha approvato i conti 2004 segnate da un utile netto record di 9,61 miliardi e durante i quali Thierry Desmarest, capo del gruppo, ha ribadito il suo impegno a dialogo sociale.

Fonte: SDA-ATS www.Swissinfo.org

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *