Terra congelato in una nuvola stella

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

La teoria della "palla di neve" Terra descrive la glaciazione completa della Terra c'è da 600 800 milioni di anni. Per spiegare questo cataclisma, Alexander Pavlov della University of Colorado Boulder, e colleghi propongono in Geophysical Research Letters una nuova ipotesi. I ricercatori suggeriscono che meno di un miliardo di anni, il nostro sistema solare ha attraversato per un periodo di 500 000 anni fa, una nube interstellare moderatamente densa che ha portato a un flusso crescente di raggi cosmici anomali ACR (Anomalous Cosmic Ray).
Questi ACR sono ioni, risultante da fotoionizzazione o scambio di carica sul neutro nube interstellare di gas e sottoposto ad accelerazioni a seguito di collisioni che si verificano quando ortent il vento solare. Ora, secondo i modelli computerizzati di dello studio gli autori, l'aumento del flusso di ACR per un milione di anni sarebbe stato sufficiente a sconvolgere stratosfera della Terra del tutto.
Durante questo periodo, è possibile che una inversione dei poli magnetici della Terra hanno favorito la penetrazione atmosferica di raggi cosmici in quantità maggiore, i raggi che a sua volta aiutato treno più ossidi di azoto (NOx ). Le concentrazioni di questi gas è aumentato tra il 100 20 e 40 km di altitudine potrebbero distruggere 40% dello strato di ozono protettivo (questa cifra salendo al 80% nelle regioni polari).
Pertanto, la combinazione di bassa luminosità a causa di nube interstellare e uno strato di ozono notevolmente ridotto potrebbe spiegare una glaciazione totale della superficie della Terra. A conferma di questa teoria, i ricercatori si concentrerà ora sull'analisi livelli 235 di uranio nelle rocce di quel tempo lontano (il U235 non è prodotto naturalmente sulla Terra, ma è presente in nubi stellari).

LAT 05 / 03 / 05 (Massive cloud-maggio-hanno congelato la terra)
http://www.agu.org/pubs/crossref/2005/2004GL021890.shtml
http://www.agu.org/pubs/crossref/2005/2004GL021601.shtml
http://www.nasa.gov/home/hqnews/2005/mar/HQ_05066_giant_clouds.html


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *