I telefoni cellulari e gli standard di radiazioni GSM: Scaricare


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

antenne GSM e standard di radiazioni elettromagnetiche: lo stato della questione da Etopia, centro di intrattenimento e la ricerca in ecologia politica. Belgio.

Un documento completo in materia di inquinamento elettromagnetico e in particolare le radiazioni dei telefoni cellulari.

Introduzione

Più 8 milioni di abbonamenti GSM in Belgio e di sviluppo che è stata completata: la crescita della telefonia mobile non lo fa gratis dalla vigilanza di tutti coloro che sono preoccupati per il suo impatto sulla salute. esplosione. Il punto di questione delle norme in Belgio in particolare alla luce delle sfide istituzionali di misure che gli altri paesi prendono di rispettare il principio di precauzione.

Il 7 2000 giugno, il ministro federale della Sanità ha chiesto alla Commissione sicurezza del consumatore un parere sulla radiazione da antenne di telefonia mobile. Il 21 2000 giugno, il governo federale ha designato tre esperti di riferire sullo stato della ricerca scientifica e dare un parere sulle norme che dovrebbero essere adottate in questo senso.

Gli insegnanti Maertens e Verschaeve ammettono che effetti biologici preoccupanti possono essere causati da questa radiazione e si riferiscono, senza impostare qualsiasi standard, la proposta di ICNIRP (41,2 V / m per 900 58,25 MHz e v / m 1800 MHz) . Il professore Danze è più sicuro e offre valori attuate in Svizzera (4 e 6 V / m). BIPT ha condotto misurazioni e ha scoperto che i campi magnetici misurati vicino alle antenne raramente superato il 2V / m.

La commissione per la sicurezza dei consumatori ritiene che esso deve adottare i limiti più restrittivi possibili e propone 4V / m 900MHz e 6V / m 1800MHz. Per il Consiglio di salute, si parla di un limite per 3V / m.

Inoltre, la Regione vallona 1999 sostenuto standard di 3V / m.


Scarica il file (un abbonamento alla newsletter può essere richiesto): I telefoni cellulari e gli standard di radiazioni GSM

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *