gas in uscita nucleare con turbine a vapore in Vallonia


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

articolo sintetico Laurent Minguet, Autore di blog NowfutureTra cui molte figure interessanti che dimostrano che un nucleare phase-out è possibile con turbine a gas a vapore. Applicazione crittografato Vallonia.

Altro: dibattito sul nucleare uscita o visitare il nostro forum sul nucleare

uscita nucleare per i manichini

In attesa della Federazione Vallonia-Bruxelles 100% di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili, che passerà attraverso una fase transitoria sulla base di tre nuove centrali a turbina a vapore e gas. Queste stazioni TGV sono la culla ideale per lo sviluppo di energia rinnovabile, perché è facile a variare la produzione in base alle esigenze effettive. Questo non è il caso del nucleare, che produce la stessa quantità di energia in continuo, anche di notte quando la domanda è bassa. L'ostacolo principale per l'abbandono dell'atomo in Belgio non è il costo delle energie rinnovabili è la forza d'urto della lobby nucleare. Egli è riuscito a infiltrarsi EDORA, la federazione di energia elettrica da fonti rinnovabili, che non ha mai preso una posizione sul nucleare nonostante Fukushima.

Molte persone sono preoccupati per il rilascio del l'industria nucleare in Belgio. La posta in gioco è alta: è sostituito da 2025 capacità produttiva delle centrali nucleari o di megawatt 5.900 (MW), di cui la metà è in Tihange.

In 2009, Vallonia ha prodotto poco meno di 34 TWh o miliardi di kWh (1), tra cui 24 10 TWh TWh nel Tihange e non nucleare. Dal momento che la regione vallona consuma solo 24 TWh all'anno (2), per soddisfare i nostri consumi dovrebbe quindi sostituire il nucleare con una capacità produttiva di 14 TWh all'anno.

Una soluzione semplice: 2 CCGT

In attesa Vallonia alimentata 100% di energia elettrica da fonti rinnovabili, TWh 14 1.800 può essere prodotta da centrali elettriche MW turbina a vapore-gas (TGV) aggiuntivo, l'esecuzione di poco meno di ore 8.000 all'anno (90% del tempo). Un progetto 900 MW ha già ottenuto una licenza per morsa. Resta 14 anni per realizzare un secondo progetto della stessa risma. E può andare molto rapidamente tra la decisione e l'attuazione degli investimenti, ci vogliono tra i 3 e 4 anni.

Qual è il costo per MWh prodotto?

L'investimento di queste due piante è pari solo a un miliardo di euro, meno di un anno di "affitto nucleare" (utili da capitale Electrabel derivanti dal fatto che la società non è più ammortizzare la sua centrale) stimata dal regolatore di energia federale CREG a due miliardi. Il costo di questo investimento, finanziato 5 20% su anno è 4 € / MWh, che deve essere aggiunto 3 € / MWh costi operativi (3).

Oggi, il prezzo del gas per un grande consumatore di circa 28 € / MWh. Con una produzione regolare, come una centrale nucleare, un treno centrale può raggiungere un rendimento del 58%. Il costo di energia elettrica sarebbe di circa 55 € / MWh (un po 'meno del doppio del prezzo del gas), tre volte meno di quello che è a carico del consumatore residenziale.

Nessuno può prevedere con certezza quale sarà il prezzo del gas in futuro, ma di dare ordini di grandezza, il prezzo al terminal di Zeebrugge (anno di anticipo) per passare da 12 € e 22 € / MWh 2009 (4). Il prezzo di mercato franco a bordo (esclusi i trasporti) è di circa 10 € / MWh (4 $ / MMBtu).

Che cosa circa la produzione CO2?

Un motivo 198 kg CO2 MWh primaria, CCGT ulteriore emetterà ogni anno alcuni 4,8 Mt CO2, sulla produzione associata allo stimolo di forni ad alta Liegi (5) o combustione 1,5 milioni di tonnellate di petrolio .

Per compensare questa produzione CO2 richiederebbe, per esempio, olio combustibile riscaldamento domestico sostituto, inquinanti e costose, mediante riscaldamento con pellet (granuli), molto più economici.

In realtà, ci sono una moltitudine di modi per ridurre la produzione di gas serra (GHG) attraverso l'efficienza energetica (lampadine a risparmio, elettrodomestici A +, pompe di calore, automobili sobri, caldaie efficienti, etc.) per non parlare della tecniche gas cogenerazione che riducono 25% produzione CO2 rispetto al calore ed energia separata.

A questo proposito, sarebbe meglio continuare a promuovere la produzione di elettricità decentrata da gas cogenerazione cui prestazioni di energia primaria supera 90%, piuttosto che costruire grandi CCGT.

Inoltre, l'aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili (eolico, fotovoltaico, biomasse) a ridurre direttamente CO2 produzione generato da fossili (carbone, petrolio, gas).

Il governo vallone vuole aumentare la produzione annua del vento da 4 2020 TWh, con un risparmio annuo di almeno 1,3 milioni di tonnellate equivalenti CO2 (MtéqCO2).

Vallonia ha già raggiunto l'obiettivo dell'UE di ridurre CO2

Per il piano energia-clima europeo, Vallonia non esiste. E 'stato il Belgio che si impegna a limitare le sue emissioni di gas serra (GHG) in 123 MtéqCO2 2020 15% o meno di 144,5 2 MtéqCO1990 dell'anno di riferimento. (6)

In 1990, 54,7 Vallonia ha emesso MtéqC02 (7) contro meno di 46 2007 o 16,5 Mt% in meno. Vallonia ha già raggiunto l'obiettivo europeo imposto il Belgio a 2020.

Inoltre, nella sua dichiarazione di politica regionale, la Vallonia ha fissato un più ambizioso obiettivo di riduzione del 30% di gas serra in 2020. Dobbiamo poi limitare le nostre emissioni di gas a effetto serra a 38 Mt (8) è 8 Mt inferiore a quello che l'Europa ci serviva.

Anche con CCGT transitoria, la Vallonia resta uno dei migliori studenti della classe europea per gli obiettivi di riduzione CO2.

Energia elettrica da fonti rinnovabili? A quale costo?

Oggi, il costo dell'energia elettrica più competitiva nella Regione vallona è quello di avvolgere 54 € / MWh prendendo come ipotesi un prezzo di € 1,25 / W finanziato 5 20% per anni 2.200 h direzione del vento, e 15 € costi operativi per MWh (4)

Il vantaggio di CCGT in relazione al nucleare è molto flessibile fornisce la elettricità per produzione rinnovabile. È la culla ideale per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Inoltre, è questo modello che ecologisti hanno proposto dal 20 anni come alternativa al nucleare. Fedele a questa visione, sono stati gli architetti della legge in uscita nucleare per evitare il disastro di Fukushima si verifica un Tihange giorno. È il mantenimento delle centrali nucleari che dovrebbero farci temere il black out e non viceversa.

In ultima analisi, l'equilibrio tra produzione di energia rinnovabile e il consumo sarà fornito da fluttuante stoccaggio, probabilmente grazie agli impianti di pompaggio della turbina, come Coo. Questa tecnica è ben padroneggiata per decenni, e permette un ritorno di oltre 75% dell'energia elettrica immagazzinata ad un costo ragionevole.

100% di energia elettrica da fonti rinnovabili? Ha il potenziale esiste in Vallonia?

Con l'assunzione di 6 3 MW di turbine km2 (2.000 h / anno), il potenziale eolico in zona agricola (8.350 km2) è 300 TWh.

Il potenziale fotovoltaico di quella zona è 835 TWh. La differenza essenziale tra la potenza fotovoltaico ed eolico è che solo quest'ultimo è compatibile con la produzione agricola.

Sulla carta poi, senza la produzione agricola, questa zona potrebbe produrre 1.135 TWh di energia elettrica, rispetto alle nostre esigenze di energia elettrica 24 TWh.

Anche supponendo che si debba generare alcuni TWh supplementari per compensare le perdite di stoccaggio, solo 3 4% a% dei quali sarebbe sufficiente per raggiungere l'autarchia elettrica da fonti rinnovabili.

Il potenziale rinnovabile del suolo Vallone supera di gran lunga le nostre esigenze di consumo.

Naturalmente, ciò non esclude che si possa anche importare elettricità rinnovabile. E 'probabile che, anche se il potenziale esiste ampiamente, sarà opportuno continuare a importare una parte della nostra energia da fonti rinnovabili come biomassa o energia elettrica se il mercato offre prezzi più competitivi.

Bruxelles e poi?

Su 6 TWh che consuma la regione di Bruxelles (9), sostituirà circa 3 TWh di energia elettrica nucleare, ogni anno, l'equivalente della produzione di un impianto TGV 350 MW. Sarà anche ottenere un'ulteriore riduzione di un milione di tonnellate di CO2 sapendo 4,3 Mt vengono rilasciati oggi.

Con l'energia funzionari edifici ad alta efficienza del parco 70% delle emissioni (Mt 3) a Bruxelles, vi è un enorme potenziale di risparmio energetico e l'efficienza energetica.

A Bruxelles troppo, lo sviluppo della cogenerazione a gas decentrata resa 90% è preferibile costruire una grande CCGT.

Che teme la fine del nucleare?

I generatori di energia elettrica nucleare francesi che sono i gruppi Suez (Electrabel) e EDF (SPE) godono di un reddito annuo di 1,75 2,3 miliardi da CREG. Essi hanno quindi grande interesse per estendere il più possibile questi radioattivo latte vaccino.

Per raggiungere questo obiettivo, molti messaggi sono stati distribuiti dalla lobby dell'atomo: il timore di carenza in caso di chiusura, la paura di un gas ad effetto serra con un aumento in grado di adempiere ai nostri impegni europei, la paura di aumento dei prezzi dell'elettricità, posti di lavoro e competenze.

Una lobby di massa è stato distribuito per convincere i responsabili delle decisioni di alcuni partiti politici dei vantaggi del nucleare.

Questa hall è entrata anche ambienti accademici, comprese le università, alcune sedie sono sovvenzionati dall'industria nucleare.

Il grande pubblico ha sofferto forum propaganda nucleare inviare il suo messaggio attraverso infomercials TV, campagne radio e poster di 20 m2.

Questa sede hall continuamente all'interno EDORA, la federazione di energia elettrica da fonti rinnovabili, che non ha mai preso una posizione ufficiale sul nucleare.



Conclusioni ...

Il disastro di Fukushima ha avuto il merito di ricordare dubbia arrogante ed avido mondo tecnologico che, anche all'interno di un paese tra i più avanzati, mondo democratico e prudente, non giocare con il fuoco nucleare.

Belgi pagare di più per l'elettricità rispetto alla maggior parte dei loro vicini europei, alcuni dei quali non hanno nemmeno l'energia nucleare.

esistono le tecnologie di produzione e lo stoccaggio di energia elettrica da fonti rinnovabili. Si tratta di una grande opportunità per sviluppare il know-how, la tecnologia e l'occupazione, senza alcun rapporto con l'industria nucleare.

Se il costo di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è un po 'più costoso rispetto al costo attuale di fonti di energia convenzionali che non includono le esternalità che esse generano, è significativamente inferiore al prezzo pagato piccoli e grandi consumatori di energia elettrica Belgio.

Non temere il costo di fonti rinnovabili, perché è trasparente: dà piena visibilità sui prezzi futuri. Questo non è il caso dei combustibili fossili, i cui prezzi sono estremamente volatile, né l'energia nucleare che le generazioni future pagheranno il conto per secoli.

Laurent Minguet

riferimenti

(1) Electrabel. La centrale nucleare di Tihange.
(2) Di cui 1 TWh di perdite di distribuzione
(3) Energy Portal Vallonia. 2009 bilancio provvisorio
(4) risparmio e politiche (JP Hansen-J. Percebois) di Boeck 2010 energia.
(5) Arcelor Mittal / Ougrée: quando l'inquinamento è grande, IEW, marzo 25 2010.
(6) http://www.plan.be/websites/tfdd_88/fr/r5fr_fichessite725.html
(7) http://environnement.wallonie.be/enviroentreprises/pages/etatenviindustrie.asp?doc=syn-ind-ges
(8) http://gouvernement.wallonie.be/declaration-de-politique-regionale-wallonne
(9) 2008-2012 piano di assegnazione della regione Bruxelles-Capitale (febbraio 2008)


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *