La settimana dello sviluppo sostenibile di aprile 1 7 a 2008er

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

La settimana dello sviluppo sostenibile sarà la prossima settimana.

L'organizzazione della Settimana dello sviluppo sostenibile (SDS) è stato deciso dal Consiglio dei Ministri nel mese di novembre 2002. Guidati dal Ministero dell'Ecologia, dello sviluppo e sviluppo sostenibile (MESD), questa operazione ha lo scopo di:

- Informare il pubblico circa i componenti dello sviluppo sostenibile (sviluppo economico, la tutela dell'ambiente, il progresso sociale) e la loro complementarità necessaria: non ci può essere sviluppo economico senza progresso sociale e la tutela dell'ambiente.

- Motivare e il comportamento supporto cambiamento spiegando le buone pratiche quotidiane da adottare per lo sviluppo sostenibile.

Sviluppo sostenibile Settimana 2008

Il tema della settimana sarà 2008 produzione e consumo sostenibili. Questo tema è al bivio di componenti 3 dello sviluppo sostenibile.

I nostri modelli di produzione e consumo hanno un impatto diretto sullo sviluppo sostenibile: quando compriamo un prodotto, compriamo anche le condizioni di lavoro di coloro che producono, condizioni di produzione, l'evoluzione e la distruzione del prodotto e, quindi, il loro impatto sul pianeta e sugli esseri umani.

I partecipanti devono organizzare le loro azioni in base al tema produzione e consumo sostenibili, essi possono essere trattati nei suoi vari aspetti (rifiuti, energia, commercio equo, dei trasporti, eco-etichette, alloggio, turismo, tempo libero ...), al fine di informare e per educare il pubblico, e dargli i mezzi per agire nella vita di tutti i giorni.

Informazioni speciali: studenti della progetto Echo Moteur² il doping acqua Gillier Pantone parteciperà a questa settimana e la 4 5 aprile a Douai.

Altro: Scarica il pas de Nord programma Calais con il progetto Eco-Engine (Gillier Pantone) di Douai School of Mines

Il progetto moteur² Echo in corso

Search Engine eventi 1939 2008 della settimana

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *