Il riscaldamento globale, il timore principale del francese

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Il riscaldamento globale è in prima linea dei timori francesi del terrorismo prima, secondo un sondaggio esclusivo CSA / Canal +, pubblicato Martedì.
Secondo l'indagine, condotta in occasione del lancio di una rivista Martedì politica in anticipo sul canale a pagamento, 51% degli intervistati francesi temono soprattutto il riscaldamento globale.
Il terrorismo è temuto da 43% degli intervistati alla domanda "potenziali minacce" per il futuro delle pensioni (28%), le epidemie (19%), l'insicurezza del cibo (18%), esperimenti genetici (17%) e la penuria di petrolio (9%).
Il campione nazionale rappresenta più di 1.000 15 età e anziani, selezionati con il metodo delle quote (sesso, età, professione) dopo la stratificazione per regione e le dimensioni della città.
Chiamato "Il futuro è adesso", la rivista Canal + politica anticipazione, presentato da Ruth Elkrief che inizia Martedì in 20H55 tema sarà carenza di petrolio, tra cui l'esaurimento dei giacimenti e impennata dei prezzi del petrolio .
Secondo il sondaggio, 37% degli intervistati ritiene che i politici responsabili sono meglio in grado di fornire una buona risposta a questo problema, 29% contro i leader economici e 28% per gli individui e le loro associazioni, in particolare.
Se l'olio è mancante, 66% degli intervistati sarebbe disposto a prendere i mezzi pubblici, 36% sarebbe disposto a limitare la velocità del traffico automobilistico sulle strade e 29% in meno di riscaldare le loro case.
L'emissione di Canal + sarà invitato Francois Hollande, primo segretario del partito socialista. Sarà presente anche sul set: Hervé Gaymard, Ministro dell'Economia, Michel-Edouard Leclerc, co-presidente dell'associazione dei distributori E. Leclerc e Nicolas Hulot, Presidente della Fondazione Nicolas Hulot per la Natura e la uomo.
"2013, la fine del petrolio", una sorta di anticipazione del giorno del giudizio film scenario con Gwendoline Hamon e Hippolyte Girardot precederà la discussione.

Maggiori informazioni qui.

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *