Quando il governo preferisce lobby ...

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

I partiti di sinistra e gli ambientalisti hanno denunciato lunedì la "repressione" contro gli attivisti anti-GM, specialmente lo scorso fine settimana in Solomiac, Gers.

José Bové e altri sei manifestanti sono stati arrestati Domenica sera dalle forze di sicurezza durante una manifestazione, senza tanti complimenti dispersa dalle forze di sicurezza contro gli organismi geneticamente modificati.

I manifestanti, che erano circa 500, si erano riuniti alla chiamata del collettivo "Faucheurs d'OGM" per tagliare un campo di mais transgenico. Molti di loro sono stati feriti.

"L'accusa comincia allo stesso tempo con l'esagerazione repressiva che questo governo si è abituato e l'arbitrarietà che continua a mostrare", ha dichiarato la Lega dei Diritti Umani in una dichiarazione.

Per l'LDH, "queste piantagioni o prove non sono state precedute da alcun dibattito democratico e sono state imposte, inclusi gli agricoltori vicini".

Si invita pertanto la magistratura, che ha portato accuse contro molti "mietitori volontari", tra cui l'ex portavoce della Confederazione Paysanne José Bové e verde Noël Mamère MP, "non cedere ai desideri del governo ".

Il Partito Comunista, che chiede una moratoria sulla cultura GM esterna, ha anche "condannato la repressione" contro i militanti anti-GM.

"Questi uomini e donne difendono la salute pubblica rifiutando di coltivare gli OGM in un ambiente aperto. Fondamentalmente, essi esigono la rigorosa applicazione del principio di precauzione ", ha scritto.

Sul lato ambientale, Greenpeace ha denunciato la "repressione senza precedenti da parte delle forze dell'ordine" nei Gers, senza chiedere il taglio di campi in cui si sviluppano gli OGM.

L'organizzazione preferisce concentrarsi sulla pubblicazione di elenchi di prodotti contenenti OGM per incoraggiare i francesi a non consumare e ad "rompere il mercato".

La Confederazione contadina ha anche condannato "questa disgrazia della violenza della polizia completamente sproporzionata".

"Mentre 80% della popolazione si dichiara contro gli OGM, lo Stato si oppone alle loro preoccupazioni solo con violenza e repressione. Ha scelto di proteggere gli interessi finanziari delle aziende biotech contro la volontà della popolazione"Dice.

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *