Vegetali VS Proteine ​​animali: salute, nutrizione e ambiente


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Proteine ​​animali e vegetali - Poteri nutrizionali e problemi ambientali

Le proteine ​​sono macromolecole idrosolubili utilizzate nella costituzione di qualsiasi tessuto organico (ossa, muscoli ... ecc.). Fanno fisiologicamente le funzioni di ormoni, enzimi, anticorpi.

Se le proteine ​​esistono in innumerevoli forme, tutte consistono solo in un assemblaggio molecolare di aminoacidi 22 chiamato proteinogenico. Essenziali per il funzionamento del corpo, che purtroppo non possono produrli, le proteine ​​entrano nel loro metabolismo attraverso il cibo. In realtà, ci sono due tipi di proteine: proteine ​​di origine animale e di origine vegetale.

A seconda della categoria a cui appartengono, le proteine ​​sono di particolare interesse per l'organismo e la loro produzione. E essendo oggetto di attività umane, questo rappresenta un problema ambientale. Intorno alle proteine, sta sviluppando sempre più una nuova forma di nutrizione conosciuta come la dieta iperproteica che dà orgoglio alle proteine ​​a scapito di carboidrati e grassi. Lo scopo di questo schema è quello diper ottenere un peso di forma che ci soddisfa personalmente indipendentemente dal nostro indice di massa corporea.

Bistecca al barbecue

Proteine: fonti e bisogni

Le proteine ​​sono le macromolecole che costituiscono il nostro corpo e quella di ogni essere vivente. Poiché sono forniti al corpo solo attraverso il cibo, dobbiamo garantire che il cibo sia abbastanza abbondante e in modo equilibrato.

Degli amminoacidi proteici 22 che ingeriamo, se tutti si dicono che sono "condizionalmente essenziali", ci sono alcuni 8 che si dice siano "essenziali", e questo, senza condizioni. Omettendo questi amminoacidi essenziali 8, il corpo può, mediante proteasi e idrolisi, sciogliersi nella misurazione degli aminoacidi della proteina di riserva in base alla funzione per cui è destinato. Pertanto, l'essenzialità dei cosiddetti amminoacidi "condizionalmente essenziali" è dovuta alla loro corretta o cattiva sintesi da parte dell'organismo, mentre l'altro 8 deve essere imperativamente fornito dalla dieta attraverso le proteine.

Le proteine ​​di origine animale sono quelle che contengono gli amminoacidi più essenziali, ma sono relativamente basse negli amminoacidi standard. D'altra parte, sono presenti in gran parte nelle proteine ​​di origine vegetale. Le proteine ​​vegetali sono povere di aminoacidi essenziali, quindi l'importanza dibilancia i suoi pasti anche tra proteine ​​animali e vegetali.

Caratteristiche delle proteine ​​animali

Oltre ad essere quelle che contengono gli amminoacidi e la vitamina B12 più essenziali, le proteine ​​di origine animale hanno un forte potere acidificante perché rilasciano negli acidi del corpo come acido solforico, acido fosforico e cloridrico. Questi acidi vengono trattati ed eliminati dai reni, ma l'eccessivo consumo di carne, in particolare di carne rossa, porta a disfunzioni renali e persino a cancro e malattie cardiovascolari. Pollame, uova, pesce, pesce e altre proteine ​​animali e vegetali non hanno un tale impatto sui reni.

È quindi necessario, nutrendosi di proteine ​​animali, fare attenzione a non abusare della carne e, soprattutto, a non eccedere come raccomandato da ANSES, 500g di carne rossa a settimana.
Le proteine ​​animali hanno il vantaggio di essere assimilate rapidamente dal corpo e sono più digeribili delle proteine ​​vegetali. Istidina, fenilalanina, leucina, metionina, lisina, isoleucina, valina, treonina, triptofano sono gli aminoacidi essenziali che forniscono proteine ​​animali per il corpo.

La tabella seguente illustra l'alto contenuto proteico di alcuni alimenti di origine animale.

Proteine ​​di origine animale, comparative in contenuto di massa

Caratteristiche delle proteine ​​vegetali

Queste sono le proteine ​​più importanti nelle abitudini alimentari dei diversi paesi. Sfortunatamente in Francia e in Occidente più in generale, rappresentano solo il 30% rispetto al 35% delle proteine ​​consumate.

Dopo la loro dissoluzione per proteasi, le proteine ​​vegetali producono, inversamente, quegli animali, amminoacidi considerati deboli e volatili. Questi amminoacidi sono così chiamati perché sono in definitiva consumati dal corpo che espelle i resti dai polmoni sotto forma di acido carbonico.
I residui di proteine ​​vegetali sono quindi più facili da eliminare rispetto ai residui di proteine ​​animali. L'altro aspetto su cui le proteine ​​vegetali si oppongono a quelle animali è che sono alcalinizzanti, cioè antiacidi. Dobbiamo quindi cercare ilEquilibrio fisico-chimico del corpo equilibrando i nostri pasti tra proteine ​​animali e vegetali. Le proteine ​​vegetali, tuttavia, sono meno digeribili delle loro controparti animali.

Oltre ad essere ricchi di fibre per alcuni di loro, le proteine ​​vegetali sono anche ricche di vitamina C, ferro, vitamine del gruppo B, beta-carotene e persino di calcio che di solito sono traboccanti prodotti lattiero-caseari. Le proteine ​​vegetali contengono anche forme di grasso che sono un'alternativa alle carni grasse essenziali a volte fonte di malattie.

Il fatto che alcune proteine ​​vegetali possano fornire proteine ​​animali al corpo, anche se in proporzioni minuscole, le rende alternative perfette, soprattutto per i casi frequenti di allergia ai prodotti animali. Per fare questo, in una dieta vegetariana o vegana, bisogna combinare un legume e un cereale per avere tutti gli amminoacidi essenziali.

È ancora più semplice e raccomandiamo di procedere invece a una dieta vegetariana ovolatta oa quella peso-vegetariana. Il primo combina latticini e uova con proteine ​​vegetali, uova mentre il secondo combina il pesce con proteine ​​vegetali per coprire tutte le esigenze.

La tabella seguente illustra l'alto contenuto proteico di alcuni alimenti vegetali.

Proteine ​​di origine vegetale, contenuto comparativo in% in peso

La posta ambientale delle proteine

La nutrizione è il modo per gli esseri umani di fornire al corpo le sue macromolecole essenziali, che sono proteine. Sebbene l'industrializzazione lo stia già producendo, come nel caso degli snack ricchi di proteine, sono gli agricoltori e gli allevatori che producono la maggior parte delle razioni proteiche consumate nel mondo.
Per soddisfare le esigenze di più di miliardi di individui 7 (numero di 2012 di marzo) e una domanda crescente di diete ad alto contenuto proteico questa produzione purtroppo non è senza conseguenze sull'ambiente.

Questioni ambientali di proteine ​​vegetali

Le fonti di proteine ​​vegetali sono i frutti dell'agricoltura, del giardinaggio e della raccolta. L'agricoltura è certamente tra i modi di produzione delle proteine ​​vegetali quello che pone un problema ecologico poiché è fatto sia intensamente che ampiamente. Inoltre, le colture in crescita non consumano abbastanza carbonio, non tanto quanto le foreste degli alberi a scapito del quale i campi sono sviluppati. Stimato a quasi 49 milioni di km² in 2015 (Banca Mondiale), il L'area agricola globale occupa circa il 37% della superficie.



Oltre al fattore di superficie, la natura intensiva della produzione porta a un uso sproporzionato e inquietante dei fertilizzanti. La media mondiale è di circa 138 kg di fertilizzante per ettaro di terreno vegetale in aumento di 22% rispetto a questi ultimi 16 anni. Questi fertilizzanti sono regolarmente implicati nell'infertilità del suolo a medio termine. Sono anche alla base di molte malattie, perché a volte modificano l'eredità genetica dei semi nella preoccupazione di un'ottimizzazione. I fertilizzanti chimici sono anche la base dell'estensibilità del terreno, poiché a volte richiedono il recupero del terreno e l'uso in un ciclo.

A parte la perdita di 50 1950% delle foreste per la produzione di proteine ​​vegetali ha ancora un effetto positivo sull'ambiente in quanto memorizza carbonio e mitigare il cambiamento climatico.

Come abbiamo detto prima, le alghe sono proteine ​​a base vegetale altrettanto ricche e complete delle proteine ​​animali. Rappresentano quindi un'alternativa credibile alle proteine ​​animali, in particolare che potrebbero alleviare la terra in termini di riscaldamento globale. Valutiamo tra 15 e 25 tonnellate di proteine ​​che potrebbero fornire per ettaro all'anno.

Questioni ambientali di proteine ​​animali

La posta in gioco nella produzione di proteine ​​animali solleva considerevoli problemi di ecologia. Le fonti di proteine ​​animali sono i frutti di zootecnia in qualsiasi forma. Per rispondere all'enorme pressione demografica, l'allevamento di bestiame è diventato un'attività quasi industriale e mobilita risorse enormi con gravi ripercussioni sull'ambiente. Le figure che verranno presentate di seguito sono statistiche prodotte da INRA e fondamentalmente mettono in dubbio la nostra modalità di alimentazione. Ricorda che la Francia è uno dei paesi in cui consumiamo più proteine ​​animali che vegetali, in un rapporto di 1 per 3.

In primo luogo, è importante sapere che per produrre 90 milioni di tonnellate di proteine ​​animali del mondo, è necessario fare consumare agli animali 550 milioni di tonnellate di proteine ​​vegetali. Gli animali quindi consumerebbero 5 volte più proteine ​​vegetali degli umani il cui consumo è 110 milioni. In sintesi, la pressione ambientale per la produzione agricola è dovuta in parte alla produzione di proteine ​​animali.

Pollo arrosto

Il secondo aspetto ecologico che solleva la produzione di proteine ​​animali è quello delle emissioni di gas serra. In effeti, il bestiame sarebbe responsabile per circa il 18% delle emissioni globali. Queste emissioni consistono in 9% di CO2, 37% di metano e 65% di N2O. È un fenomeno quindi non trascurabile.

Restando nello stesso registro di quello delle emissioni di gas, dobbiamo considerare il costo energetico delle proteine ​​animali. In effetti, mobiliterebbe le chilocalorie 25 di energia fossile (gasolio, benzina, carbone, elettricità anche attraverso l'altro di cui sopra ... ecc.) Per la produzione di una kilocaloria. In confronto con la produzione di proteine ​​vegetali, le proteine ​​animali sollecitano 10 volte più energie fossili.

Per finire con l'impatto della produzione di proteine ​​animali sull'ambiente, esamineremo la questione del consumo di acqua di questa attività. Per lo stesso chilogrammo di proteine, l'animale richiede la mobilizzazione di 100 volte più acqua della pianta.

Pertanto, nell'interesse di un mondo più sostenibile, dobbiamo cercare soluzioni ecologicamente valide come le alghe anziché le proteine ​​animali.


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *