Proposta di sviluppo verde in Gran Bretagna


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

La città di Silfiac (Morbihan) nel mese di giugno si trovava la prima pietra del suo sviluppo verde, l'originalità adottata da diverse città bretoni, per sedurre e soddisfare i nuovi arrivati ​​che cercano di sviluppare un nuovo progetto di vita.

"L'illuminazione pubblica sarà intelligente e si accenderà con un rilevatore di presenza, le lampade saranno a risparmio energetico e produrranno una luce d'atmosfera", afferma Serge Moëlo, il sindaco della città. "La strada sarà semi-porosa per consentire l'assorbimento di 40% di deflusso e serbatoi 7.000 litri sarà sepolto in ciascuna delle piazzole per garantire il recupero dell'acqua piovana, che andranno ad alimentare il lavaggio , scelto a due velocità per l'economia ". Il sindaco volle persino spingere ulteriormente l'esperienza lasciando che la falciatura dell'erba rasentasse la futura suddivisione in "pecore usanti". Diverse città bretoni ubicati principalmente nelle Rennes b assin e stavano perdendo slancio hanno lanciato operazioni simili sotto la guida di ADEME (Agenzia per lo Sviluppo e la gestione dell'energia).

Il comune situato intorno a Rennes progetta di costruire abitazioni individuali 22 e alloggi in affitto 10 sul modello ecologico. Per evitare la trappola di "dormitorio", questi progetti hanno incluso spazi comuni come giardini e luoghi per barbecue in comune, ma anche configurazioni stradali che favoriscono situazioni di stallo per evitare il flusso di traffico veicolare. Le città dozzina bretoni che hanno investito nello "sviluppo verde" vogliono anche queste case sono offerti a prezzi accessibili, come Langouet (Ille-et-Vilaine), che offre ai suoi acquirenti principali di prestiti a tasso zero. Il municipio di Silfiac dichiara di vendere queste case con la terra per gli euro 100.000, i prezzi che rimangono accessibili grazie al finanziamento di parte dell'operazione con le sovvenzioni delle autorità locali e Ademe.

La Gazette des Communes - 22 / 04 / 2005


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *