Prezzi rotti e basso costo. Benedizione economica o pericolo?

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Basso costo aiutato da un notevole progresso tecnologico per due secoli, strategie economiche lasciarsi guidare dalle sfide "capitalisti insaziabile sempre più esigente nei profitti e sempre giustificato l'intervento della mano invisibile (1) "sensibile per ottimizzare il numero più grande è il risultato della scelta che risponde agli interessi individuali ...

Come corollario, la legge del mercato è emersa come benefattore, liberatore, liberale, in grado di regolare tutto al meglio ... determinante dei prezzi ottimizzati.

Quindi, basandosi su teorie economiche per giocare con i volumi al fine di abbassare i prezzi, il funzionamento di questo mercato ha generato la società dei consumi, accettata dal maggior numero, conquistata dai benefici di un "sempre più" beni materiali consumati "... ma usando sempre più risorse naturali non rinnovabili per produrre, trasformare, trasportare, vendere ... e produrre sempre più rifiuti che degradano l'ambiente ...

Strategia a basso costo

Presupposti "dimenticati" che ci hanno condotto a una dura realtà ...

En effet,

  1. la teoria economica ha dimenticato di considerare che il nostro pianeta era un medio finito,
  2. la teoria economica ha dimenticato che era basata su quantità limitata di risorse naturali e soprattutto le energie fossili che ha trascurato di apprezzare il "giusto valore economico" (2,3),
  3. teoria economica ha dimenticato di prendere in considerazione l'impatto dell'attività economica sulecosistema (2)
  4. la teoria economica si mette immediatamente al servizio del "capitale", dimenticandolo l'uomo dovrebbe essere al centro delle sue preoccupazioni (4)
  5. la teoria economica non l'ha immaginato ilingiustizia della condivisione della ricchezza prodotto aumenterebbe con la crescita economica, mettendo a rischio la stabilità del mondo e la coesione sociale degli Stati,
  6. la teoria economica non ha immaginato la comparsa di una pausa tra un'economia finanziaria "soda", virtuale, generatore di bolle e l'economia reale (5) ...

No, non possiamo più credere nell'intervento virtuoso della "mano invisibile" così ampiamente sfruttato dagli economisti per giustificare la fiducia assoluta nella capacità del mercato per ottimizzare il punto di vista dell'interesse generale comportamento individuale: un sbagliare paragonabile a quella fatta per il costo ambientale delle attività economiche.

Con la società dei consumi sono nati i Gruppi di difesa dei consumatori a favore di un consumo a basso prezzo e sempre più basso ...

Con la crisi che conosciamo oggi, le autorità pubbliche hanno sostenuto questa ricerca per soddisfare il desiderio dei consumatori di "Più potere d'acquisto"...

In entrambi i casi abbiamo dimenticato che, essenzialmente, i consumatori e gli impiegati erano la stessa popolazione, erano uno ...! Che la corsa per i prezzi bassi era stata rapidamente dannosa per i dipendenti e l'occupazione ... e quindi causa seri squilibri sociali.

Il problema sociale di basso costo, prezzi rotti e altri sconti ...

... in un contesto di globalizzazione

Nel contesto della "globalizzazione" del commercio, che oggi interessa quasi tutto ciò che viene consumato, la riduzione dei prezzi sta certamente supportando lo sviluppo della delocalizzazione, sostenendo le importazioni dai paesi a basso costo del mondo. lavoro ... (almeno finché i costi di trasporto delle merci non vengono scoraggiati).

Quindi consumare a prezzi bassi è dannoso per l'occupazione locale o nazionale in tutti i settori della produzione: un'ovvietà!

C'è molta speranza in attività alternative come il "servizio personale" ... Quindi dobbiamo stare attenti che questo tipo di attività è probabile che si sviluppi solo se il tasso di partecipazione in altri settori, in particolare nel settore della produzione, rimane sufficienteIn caso contrario, la mancanza di risorse e disponibilità trovato all'interno di ogni famiglia sarà improbabile lo sviluppo di questo nuovo servizio. ... Inoltre, in modo chiaro e il più probabile a partecipare l'equilibrio della bilancia dei settori del commercio estero restano quelli di produzione!

... in un contesto di "grande distribuzione"

In un contesto di accanita concorrenza tra grandi marchi, c'è un crollo dei prezzi che sta mettendo in detonazione i prezzi nei negozi specializzati nello "sconto", con gravi conseguenze per l'occupazione in tutto il settore commerciale e impatto drammatico sui fornitori.

Con le ultime innovazioni tecnologiche, ben presto le grandi e medie imprese che vogliono ridurre i loro costi operativi, non offriranno più posti di lavoro come "cassiere" ... Con la pratica dei "margini arretrati" le grandi catene e i loro acquisti centrali negoziano con i loro fornitori, a pena di "referencing", sconti ... che secondo F. Rullier, direttore degli studi presso l'Institute of Liaison e Consumer Studies Studies (ILEC) hanno rappresentato il 32% dei prezzi netti praticati in 2003 (mentre altre fonti citano in alcuni casi percentuali superiori al 60%!).

... in un contesto di equilibri quasi permanenti

Sempre più spesso i consumatori si aspettano saldi (che diventano anche permanenti in quanto sono necessari per la gestione delle scorte e il fatturato dei commercianti!) Per impegnare i loro acquisti non alimentari.

I consumatori che si sentono quasi offesi dai prezzi "pubblicati" potrebbero venire a sfidarli. Inoltre, non vediamo la "mercanteggiata" riapparire! In questo modo, il baratto non ha nuove possibilità ... via internet! Di LeMonde.fr, 17 / 09 / 09: Secondo l'Istituto IRI-France (Information Resources, Inc.), dall'inizio dell'anno le vendite sotto promozione rappresentavano il 17,2% del fatturato del grande distribuzione. Mai visto! ...

... in un contesto deflazionistico

Prezzi bassi generalizzati, durevoli, è la deflazione ...

Poi la crisi finanziaria e bancaria minaccia, tanto più grave quanto la deflazione si accompagna alla disoccupazione che si sviluppa, l'una che sostiene l'altra per amplificarla.

Se ricordiamo la concomitanza delle crisi energetiche, ecologiche ed economiche, finiamo con una crisi della società (che altri chiameranno "civiltà") che costringe cambiamenti profondi nel funzionamento del mercato e richiede nuovi approcci, ordine filosofico e politico ... dell'economia (6) ...

Alcune nuove tracce ...

ilequità al centro del dibattito

L'attività economica produce valore aggiunto. Di solito è espresso come la somma di salari e profitti netti (imposte e investimenti dedotti).

In altre parole, il valore aggiunto è la somma della remunerazione del lavoro e della remunerazione del capitale. Perché la macchina economica funzioni in modo corretto deve esserci una condivisione armoniosa ed equa del valore aggiunto tra "capitale" e "lavoro".

Se dal punto di vista macroeconomico questa armonia non viene trovata, la produzione non può fluire (tradizionalmente gli economisti assimilano il consumo e il compenso dei dipendenti, i risparmi e la remunerazione del capitale).

Quindi, se l'armonia inizia con un'equa condivisione del valore aggiunto all'interno dell'azienda (7), deve continuare con una altrettanto equa distribuzione del valore aggiunto lungo le catene (canali) che vanno da produttori della materia prima ai consumatori finali!

La strategia a basso costo

Equitable condivisione del valore aggiunto in azienda

Abbiamo avuto l'opportunità di sviluppare un modello di condivisione equa e negoziata di valore aggiunto all'interno dell'azienda. Questo modello è stato presentato in un libro e in numerosi articoli pubblicati dalle edizioni Harmattan (7).

Secondo questo modello, nello stesso tempo in cui la remunerazione dei dipendenti è costituita da salari e partecipazione agli utili, la remunerazione degli azionisti è costituita da dividendi e un premio indicizzato sul libro paga (chiamato "premio di fedeltà alla società"). ") ...

È quindi essenziale sottolineare qui che queste modalità di remunerazione, che agli occhi di tutti e l'altezza del salario come utili, annulla quindi la tradizionale ostilità degli azionisti nei confronti della retribuzione dei dipendenti e azionisti in condizioni che sono in linea di principio favorevoli a buone trattative.

Il risultato di questi negoziati è l'espressione di un valore equo della relazione tra la remunerazione del capitale e del lavoro. Il che significa anche il riconoscimento da parte degli attori che esiste una relazione equa tra il "margine di profitto" e la remunerazione del lavoro ... vale a dire con la capacità di consumare, con il "potere d'acquisto" portato dal lavoro.

L'applicazione prevista del modello nei supermercati



Come in altre aziende, applicate ai supermercati, il modello sopra menzionato distribuisce equamente il valore aggiunto prodotto dal supermercato, tra i suoi azionisti e i suoi dipendenti.

In un momento in cui l'occupazione in questo settore è minacciata da una concorrenza esacerbata tra i juggernauts di distribuzione, prima tra loro, ma anche con i discount, in un momento in cui le nuove tecnologie di incasso stanno entrando il percorso della condivisione equa e negoziata del valore aggiunto merita di essere studiato ... in particolare perché porta a margini e altri profitti contenuti, perché indicizzati alla remunerazione del lavoro ... possono crescere solo se c'è crescita correlativa di quest'ultimo.

Un prezzo equo per i materiali "grezzi"

Per attenerci alle notizie, evocheremo il caso dei produttori di materie prime alimentari ...

L'inequo equilibrio di potere tra i produttori, soprattutto i più piccoli, ei colossi del trattamento, la distribuzione con i loro centri di acquisto ei loro "margini posteriori", rovina i produttori, il primo anello della catena alimentare (oggi Questi sono i produttori di latte, domani altri produttori del settore agricolo probabilmente faranno la notizia), in Francia, in Europa ....

Si può persino affermare che i produttori di materie prime sono catturati tra i loro stessi fornitori, più spesso nei settori petrolifero e chimico (senza contare l'arrivo di fornitori di monopolio di OGM!) E i loro clienti, come molti colossi prima di chi hanno il ruolo del vaso di terra, con poche speranze di beneficiare di eventuali margini arretrati o altri sconti!

La strategia a basso costo

Piuttosto che essere supportati da aiuti spesso vissuti come degradanti, è possibile prevedere altri modi per ripristinare la loro piena dignità a questi professionisti ... Ad esempio, e in linea con il nostro modello azionario di condivisione del valore aggiunto all'interno la società, noi proponiamo che è negoziata tra professionisti e autorità pubbliche, e rivisto per quanto necessario, un "piano" di prezzo per una produzione adeguata alla domanda, ma un prezzo indicizzato sull'intero valore aggiunto a valle generato in lo stesso settore, compresa la lavorazione della materia prima, l'imballaggio, lo stoccaggio, il trasporto, la commercializzazione ... al consumatore finale.

Secondo la proposta, dalla catena aperta (con il suo primo anello debole), si passerebbe quindi a una catena chiusa in cui ogni collegamento avrebbe le migliori possibilità di raccogliere una remunerazione degna del valore aggiunto intrinseco apportato dal suo lavoro e in coerenza con quella degli altri parti interessate nel settore!

Resta inteso che il termine "low cost" che appare nel titolo di questo articolo è lì per richiamare il caso dello "sconto aereo" ... un caso di sconto che costituisce un oltraggio all'ecologia per tutti coloro che sono sensibilizzati al necessità di preservare le risorse energetiche fossili e il nostro ambiente ... e di sapere quale "costo" di trasporto aereo per il pianeta (3) ...

Rémi Guillet


Questo articolo è stato scritto da Rémi Guillet ora in pensione. Ingegnere presso l'Ecole Centrale di Nantes (ex ENSM promuovere 1966) è anche un dottorato di ricerca in Meccanica e Energia (Università di Henri Poincaré di Nancy 1-2002) e una laurea in Business / Economics (DEA Université Paris-13 2001).

La sua attività professionale lo ha portato a lavorare principalmente nella ricerca applicata nel campo della combustione. Era particolarmente conosciuto per il suo lavoro combustione a umido Riceve un premio "Montgolfier" per le arti chimiche in 2002 (premio assegnato dalla National Industry Incentive Society). Era responsabile del settore energetico / edilizio presso la sede di OSEO tra 1995 e 1998 ...

 

(1) Metafora del filosofo scozzese e economista A. Smith
(2) Vedi l'articolo "Crescita ed energia: un breve riassunto" di R. Guillet
(3) Vedi l'articolo "Advocacy for another growth" di R. Guillet
(4) Vedi la prefazione del libro "Per una maggiore solidarietà tra capitale e lavoro o nuove opportunità di impiego" di R. Guillet (L'Harmattan)
(5) La relazione della commissione Stiglitz suggerisce "nuovo PIL"
(6) Allusione al libro "I made HEC and I apologize" di Florence Noiville
(7) Vedi il libro "Per una maggiore solidarietà tra capitale e lavoro o nuove opportunità di impiego" di R. Guillet (pubblicato in 2004 + versione 2009 in e-book) e altri articoli pubblicati da l'Harmattan .
commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *