Le armi nucleari civili: gli Stati Uniti


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

L'anno scorso, il Senato degli Stati Uniti ha votato misure per rilanciare l'energia nucleare civile nel paese, compreso lo sviluppo di nuove centrali elettriche. Questa iniziativa sta prendendo forma oggi con l'annuncio degli sforzi compiuti dai consorzi Exelon, Entergy e Dominion Ressources con la Nuclear Regulatory Authority (NRC) per stabilire nuove unità produttive. Per giustificare questi progetti di installazione, che potrebbero finire con 2010, i promotori avanzano argomentazioni economiche. Gli attuali impianti 103, distribuiti su siti 65, non sono sufficienti a soddisfare una domanda crescente di energia elettrica e l'energia nucleare è una soluzione ideale per ridurre la dipendenza energetica dal petrolio.

Gli oppositori di estendere l'uso del punto dell'atomo a sua volta, le minacce del terrorismo, ogni reattore costituiscono un potenziale bersaglio, così come i problemi legati alla lavorazione e stoccaggio dei rifiuti, ancora senza risposta. La questione del costo del costo dei programmi di costruzione è anche percepita in modo diverso su entrambi i lati. Se i produttori si aspettano una energia surenchérissement in futuro che renderà l'energia nucleare sempre più redditizio, il movimento ambientalista crede che gli investimenti nelle energie rinnovabili (eolica e solare) potrebbero ugualmente soddisfare le esigenze del paese . E 'vero che gli studi ei lavori necessari per lo sviluppo dell'energia nucleare sono costosi e solo garanzie finanziarie del governo hanno finora contribuito a portare alla fine la realizzazione di tali progetti.

Fonte: USAT 26 / 09 / 04 (L'energia nucleare scivola di nuovo all'ordine del giorno)


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *