Natura in pericolo: fatti e cifre

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

L'uomo cambia la natura a un ritmo tale che la specie non possono più raggiungere regolare, con la chiave di una grave crisi di estinzione, dicono gli scienziati. Alcune cifre:
- Uno su quattro mammiferi, un uccello su otto, un anfibio su tre e quasi la metà di tutte le tartarughe d'acqua dolce sono minacciati, secondo la "Lista Rossa" della World Conservation Union (IUCN).
- Almeno 15.589 specie affrontano un rischio di estinzione, a seconda delle specie e delle specie di piante e licheni animali Lista rossa 2004 o 7.266 8.323.
- Il tasso di estinzione delle specie è di 100 1.000 volte superiore al tasso naturale (cioè il tasso misurato in tempo geologico a causa della normale rinnovo degli ecosistemi).
- In totale, specie 1500, 784 animali e vegetali sono considerati estinti, e ulteriore 60 sopravvivere in cattività o nella coltivazione.
- Lungo le specie iconici come il dodo (una sorta di grande piccione di volare), scomparso dopo l'arrivo dei primi coloni nelle isole dell'Oceano Indiano al 1740, il più grande pinguino nell'emisfero settentrionale, Galapagos tartarughe elefante o il lupo della Tasmania, migliaia di specie sconosciute scompaiono ogni anno.
- L'uomo è stato descritto come 1,75 milioni di specie su un totale stimato di 10 e 30 milioni.
- Per ogni pianta tropicale che scompare, si stima che le specie su 30 associate scompaiono. Per ogni albero tropicale, è 400 scomparendo specie.
- Un riscaldamento globale medio potrebbe portare alla scomparsa di 15 37% delle specie, in base alla modellazione condotto su un migliaio di piante e animali in 6 regioni particolarmente ricche di biodiversità del mondo (Thomas, Natura gennaio 8 2004).
- Tre quarti della popolazione mondiale guariranno con piante e 70% dei nostri farmaci sono derivati ​​da piante (Nicole Moreau, CNRS)
- I tassonomisti scoprono ogni anno più di 10.000 nuove specie, per lo più insetti, coleotteri e soprattutto che rappresentano quasi un quarto delle specie descritte.

fonti: Courrier International

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *