mini centrale elettrica in cantina: la cella a combustibile, la soluzione del futuro?

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

L'uso di celle a combustibile stazionarie è una delle future soluzioni per teleriscaldamento: è una tecnica economicamente vantaggioso che rende un contributo significativo alla riduzione delle emissioni di gas serra. Ma questi non MINICENTRALES elettrici
divenire interessante solo quando possono permettersi di riscaldare l'acqua di impianti domestici tradizionali. E 'comunque lavorando David Hagar l'Istituto di Chimica industriale dell'Università di Dortmund (Renania - Westfalia).

I primi dispositivi realmente funzionali delle dimensioni di una macchina contiene
Lavaggio dovrebbe comparire sul mercato da 5 anni. Fino ad allora, queste piccole centrali fissi devono fornire un vantaggio simile alle installazioni tradizionali, vale a dire la durata della vita di fino a 40 000 ore. Per raggiungere questo obiettivo, il professor Agar svolge attività di ricerca con
con il suo studente di dottorato Anja Wick sull'economia dell'idrogeno nelle celle a combustibile: essi analizzare e migliorare continuamente i quattro catalizzatori coinvolte nel processo di trasformazione del gas naturale in idrogeno fino alla produzione di idrogeno può essere garantita per il lungo periodo di funzionamento richiesto. L'obiettivo della ricerca è quello di ottimizzare
la qualità di filtrazione del catalizzatore in modo che l'idrogeno utilizzato come fonte di energia è più puro possibile.

La struttura dispone di un combustibile stazionario cellule sono promesso un grande potenziale nel mercato, l'energia in eccesso che queste piccole piante producono potrebbe essere venduta sul resto della rete, che aumenta la redditività dell'impianto.

Contatti:
- Prof. Dr. David Agar, Tel: + 49 231 755 2694, E-Mail:
david.agar@bci.uni-dortmund.de
Fonti: Depeche IDW, Comunicato stampa dell 'Università di Dortmund,
21/03/2005

Editor: Nicolas Condette, nicolas.condette@diplomatie.gouv.fr

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *