Legge sulla transizione energetica: una legge pio desiderio?

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

La legge sull'energia di transizione è stata approvata in Francia.

L'Assemblea ha adottato il testo sulla transizione energetica

I deputati francesi hanno adottato Martedì da 314 219 votare contro il disegno di legge sulla transizione energetica che mira a ridurre la quota del nucleare nella produzione di elettricità 75 50% a% a 2025 (Reuters).

Che cosa significa questo? Sarà sostituire questi 25% da altre fonti di energia elettrica e per contribuire a farlo accadere (come calcolato sotto mostrerà): ridurre notevolmente il consumo di energia elettrica in Francia!

Come la Francia spera di arrivare?



Mistero a causa 25% della produzione francese (550 TWh) È di circa 140 TWh !!

Un 3MW vento incinta con un 120 fattura carico%, andare 20% di rendimento (Quelli mat 25m!): 3 * * 8.7 0.25 = 6.5 GWh all'anno ... in 10 anni dovrebbero quindi installare: 140 000 / = 6.5 21 500 vento quasi 6 3 MW di turbine AL GIORNO! Basti dire: anni 10 impossibile!

Mentre il nucleare 25% non sarà sicuramente essere sostituito da turbine a vento! Ma invece di sostituire questi 140 TWh nucleare può anche diminuire, 25 25% rimanente%!

Così sarà anche passare necessariamente attraverso il risparmio energetico attraverso l'isolamento, la messa al bando di riscaldamento elettrico, piccoli gesti ... ecc ecc ...

Questo accadrebbe può essere più sostenibile e anche altrove! Per meglio un kWh risparmiato un nucleari kWh kWh sostituiti da un fossile e anche il vento!

In tutti i casi l'effetto annuncio ... ma attenzione questo non è il voto da parte dell'Assemblea, il decreto attuativo non ha ancora votato ... in modo che possiamo temere una "legge pio desiderio"?

Un'altra soluzione per andare dal 75 50% a% la quota di nucleare sarebbe ... eh si ... per aumentare il consumo globale di energia elettrica e passare a 550 800 TWh TWh!

Questo è sicuramente la soluzione preferita EdF!

Maggiori idea sul forum: come passare la quota nucleare 75% al 50% in Francia?


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *