guerre per il petrolio


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Desideriamo sottolineare il file di Storia: Le guerre del petrolio (sept.2003).
Una prospettiva storica sulla crisi nel nostro mondo da 150 anni.

È 1859, a Titusville, in Pennsylvania, che nasce il primo pozzo per vocazione indusrielle per l'illuminazione. Il successo fu immediato e la speculazione, la corsa per la produzione e il trasporto sono già al lavoro. In 1870, Rockefeller fondò la Standard Oil Company e costruito un impero grazie ai suoi metodi radicali.

Alla fine del secolo, l'account Stati Uniti per due terzi della produzione, in vista di risorse Russia, Messico, Europa Roumanie.En sono relativamente scarse e prospezione è verso nuovi paesi, il Medio Oriente, Iran, Turchia. Elettricità sostituire gradualmente lampade a cherosene, ma il motore a combustione e il motore diesel darà nuove opportunità per lo sfruttamento del petrolio. I carri armati, aerei e sottomarini da guerra-1914 18 dimostrano la superiorità di questi motori su altri mezzi di trazione. Il consumo aumenterà ancora con l'accelerazione dell'industrializzazione dopo la guerra. Infine, con l'inizio di prodotti petrolchimici e diversificazione delle applicazioni, l'olio diventa inevitabile.

All'inizio della seconda guerra, già oggetto di tutte le questioni. Quando entrarono la guerra, la Germania e il Giappone sono svantaggiati in termini di accesso alle risorse di petrolio e questo è ciò che determina la strategia di Blitzkrieg, questa "guerra-lights", progettato per ottenere rapidamente la vittoria su paesi produttori. E 'il successo in Francia, Polonia e nei Balcani, ma la sconfitta di Stalingrado taglierà la strada ai tedeschi di giacimenti petroliferi del Caucaso.

Gli anni 50 vedono intensificare le lotte per l'influenza nei nuovi paesi produttori. Esempio: 1951, Dr. Mossadegh ha nazionalizzare lo sfruttamento delle risorse petrolifere in Iran finora sotto l'influenza britannica. Due anni più tardi, una "rivolta popolare" montata dalla CIA deposto e imprigionato, mentre il nuovo governo dice che l'estrazione e la raffinazione delle sue risorse ad un consorzio in cui gli americani sembrano 40%. La crisi di Suez nel 1956 segna la fine di influenza europea e il dominio in tutti gli Stati Uniti.

In Occidente, per tutti gli anni 50 e 60, mantiene i prezzi bassi ha permesso la crescita e il prelievo fiscale significativo. Ma il mondo industrializzato è quindi reso totalmente dipendente da questa risorsa unica e il risultato sarà meno gloriosa ... Doppia crisi del petrolio, l'OPEC costituzione, doppie évennements della Guerra del Golfo ... che sarà un articolo molto dettagliato a breve.

Altro:
- Nigeria e l'olio
- Il sito web della rivista


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *