Intervista a Christophe Martz


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Intervista a Christophe Martz circa il doping acqua (1ere parte)

Il testo integrale di un colloquio con C.Martz sul doping acqua condotto da Katia Lefebvre e ha contribuito alla scrittura per azione Auto Moto mostrato questa pagina

Tutti i fatti e le cifre in questa pagina sono provati e pietà vero che l'articolo in questione non è stata discussa in modo più approfondito questa intervista.

È possibile utilizzare queste domande a pubblicazioni o trasmissioni future (orale o scritto) condizionalmente per ottenere il mio accordo scritto ( contattarmi ).

Inizio di intervista

Katia Lefebvre: Come si può spiegare un guadagno nei consumi senza perdita di potere?

Christophe Martz: Una certa quantità di acqua iniettata in determinate condizioni facilita la combustione di un motore a combustione interna. fenomeni di gioco sono molteplici in natura ed è certo che i costruttori hanno studiato da vicino la questione. Il Aquazole, che permette una riduzione significativa di particelle e NOx senza perdita di potenza, è l'esempio più concreto di questa ricerca ... peccato non è più diffusa ... (almeno ufficialmente)

KL: Quanti litri d'acqua per 100 km consuma un veicolo equipaggiato con il processo di Pantone?

CM: Questo è molto variabile ... dipende ovviamente dalla qualità del montaggio e del motore ... ma anche le condizioni operative del veicolo. Manca ancora crudelmente di feedback, ma i valori sono compresi tra 5 e 25% del consumo di carburante.

KL: Un veicolo munito di Pantone può funzionare "normalmente", come non c'è acqua?

CM: Sì beh, semplicemente prestare attenzione a mettere un filtro dell'aria prima che l'evaporatore altrimenti aria non filtrata potrebbe essere risucchiata.

KL: Qual è la durata di un motore dotato di Pantone?

CM: Non ne abbiamo idea, dal momento che non abbiamo ricordi per il momento, ma una cosa è certa: molti sperimentatori (in particolare sui trattori agricoli) hanno scoperto che il loro olio motore "sporca" meno rapidamente (questa è una prova evidente una migliore combustione) e che i loro motori "stanchi" hanno trovato prestazioni affidabili mentre inquinano molto meno di prima della lavorazione (almeno su fuliggine e fumo nero). Lo Zx-Td modificato di Olivier ha già raggiunto più di 20 000 km. In meccanica, quando un sistema modificato deve rompersi, di solito si rompe piuttosto rapidamente.



KL: Qual è il peso di un sistema Pantone?

CM: Anche in questo caso dipende dalla qualità di attuazione. In assenza di qualsiasi kit industriale sul mercato non possiamo rispondere con precisione. Fondamentalmente, una massa di circa dieci chilogrammi (senza acqua) ci si aspetterebbe in un sistema. Generalmente questo è l'argomento di critici del sistema: peso di un veicolo di ridurre il consumo e l'inquinamento. Questo argomento non è ovviamente accettabile se si considera che la massa media dei nuovi veicoli continua a crescere per, tra gli altri, le stesse ragioni. Un convertitore catalitico e tutta la gestione che va con incavo pesa poco più di una pentola tradizionale.

KL: Possiamo montare un veicolo più recente, vale a dire dotato di un convertitore catalitico e un turbocompressore?

CM: montaggi sono stati eseguiti su DCI: sono stati osservati 10 consumo% di guadagno. In termini di convertitori catalitici, per contro, il vapore acqueo in eccesso (o rallenta il motore a benzina incombusta quando l'acqua iniettata è troppo fredda o quando il sistema è impostato in modo errato) del rischio gas di scarico causare problemi durante la conversione. Ulteriori studi con i produttori potrebbero confermare o smentire questa ipotesi.

KL: In caso contrario, facciamo non riservare questo tipo di tecnologia in vecchi veicoli per il mercato del ricambio?

CM: I risultati saranno probabilmente più interessante per i veicoli più vecchi rispetto ai veicoli nuovi che sono meglio ottimizzati livello di combustione. Ma, come detto sopra, l'assemblaggio di veicoli con common rail sembra funzionare. Infine tutto è una questione di risorse e di ricerca saranno: che cosa sarebbe costruttori capaci se fossero interessati al sistema? Ma forse hanno già soluzioni migliori nella loro scatole? La prova: la Citroën ECO2000 che in 1983, consumando benzina 3L a 100 km.

KL: Nel caso dell'auto testata da TF1 15 lo scorso novembre, il consumo "naturale" dell'auto è anormalmente elevato (11,7 l 100 km). Dovremmo davvero considerare il suo declino dei consumi così spettacolare?

CM: In effetti questo consumo è elevato e ho detto nei commenti sul mio sito web durante la presentazione di questa relazione ( vedi questa pagina ). Tuttavia è il misurazioni comparative realizzate che sono importanti e che conferma, ancora una volta, riduzione dei consumi% 20. Le misure confermati dal tuo collega Auto Plus per una BMW nel corso 10 anni ( vedi questa pagina: articolo autoplus ). Ma la vera domanda è: se 20% può essere ottenuto da parte di individui, come potrebbe ottenere i costruttori?

Per saperne di più


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *