Gruppi di pressione nel settore dei trasporti


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

gruppi di pressione e rapporti di forza tra gli attori di trasporto.

Parole chiave: trasporti, la collusione, lobbisti, di lobby, interessi finanziari di Bruxelles del corporativismo.

Siamo in grado di sorridere alla menzione l'iniziativa francese di due parlamentari, in 1998, ha creato l'associazione "Highway Futures". Parlando dai loro coetanei, MM. Oudin, RPR senatore della Vandea e Inchauspé, ex membro dei Pirenei Atlantici anche un direttore del sud della Francia e banchiere Autostrade, ottenuto senza difficoltà una posizione chiara a favore del Senato Trasporti: secondo il relatore, J. Francois-Poncet "la necessaria apertura delle zone rurali prevede la costruzione di nuove strade."

Consegnato nel contesto del tempo, è stato in primo luogo a votare contro il progetto di legge quadro per la pianificazione e sostenibile Sviluppo territoriale (LOADDT) difeso dal ministro D.Voynet, non proprio il stesso colore politico, come la maggioranza al Senato. Ma ricordiamo anche la gustosa rapporto Brua scrivendo che "gli eletti (...) sottolineare la necessità di migliorare le condizioni per l'accessibilità esterna alla capitale del Dipartimento di Stato o di capitale. Questo requisito (...) corrisponde anche alle esigenze del personale move-ment eletti (...) ".

Nel settore dei trasporti, le lobby sono agitati da favorire lo sviluppo di nuove infrastrutture per sostenere che l'uso, tra gli altri, l'automobile. Essi lavorano in tutta la catena decisionale, facendo pressione sulle istituzioni e sostenendo a gran voce dalla stampa.

Questo è quando la Federazione Nazionale dei Lavori Pubblici (FNTP) impone allo Stato "uno sforzo particolare a favore degli investimenti stradali." O quando C. Gerondeau, tuonando presidente dell'Unione di strada francese, ritiene che "l'inquinamento atmosferico è un fenomeno del passato" e che "se ragionevolmente investito in mezzo alla strada, autostoppisti menti volontà diminuire ".
Le lobby sono attivi, e le loro abilità interpersonali ispirate corso di notevole peso economico che costituisce il settore dei trasporti alla sede di gabinetti ministeriali e influenzare la decisione pubblica.

E 'anche chiaro da parte della Commissione europea, che si circonda ormai istituzionalmente (e nella sua fiera) presenza e spesso lobbyeurs consulenza professionale. Così possiamo intervenire Bruxelles stima che circa 3 000 gruppi di interesse la cui nazionale o rappresentazioni regionali di 400 entrepri-it, coalizioni 750 europei di aziende, società di consulenza 500, associazioni 200, circa 13 000 persone a tempo pieno.



Risultato: la Commissione ha ritenuto che in 1992 400 su progetti di testi per lo studio, 100 solo il risultato dell'iniziativa della sua amministrazione. Ma attenzione, questi numeri sono trattati con cura in quanto si riferiscono a tutte le zone trattate assolutamente a Bruxelles, compresa la lotta contro i cambiamenti climatici e il trasporto sostenibile!

Non sognare comunque. Non è chiaro come Transport & Environment, ad esempio, l'European Environmental Bureau e Ufficio politica europea del WWF, tra le altre ONG che lavorano su questi temi con poche decine di membri, può eguagliare la potenza della Tavola rotonda europea degli gli industriali (ERT). Questa "quinta colonna", alti rappresentanti di una quarantina di aziende tra i più potenti in Europa, se non del mondo, e che in 1996 pari a un giro d'affari di miliardi di euro 550 3 milioni di posti di lavoro n ' non è mai stato a corto di consigli. E 'coinvolto al più alto livello delle istituzioni europee, vale a dire la presidenza della Commissione.

Thurifer di apertura del mercato e la deregolamentazione economica, l'entrata forzata dei fondi pensione in un risparmio dei dipendenti e la privatizzazione dell'istruzione scolastica per citarne alcuni delle sue aree di preferenza, di certo non trascura le questioni relative alla energia, mobilità e dei trasporti e, naturalmente, il cambiamento climatico.

Fieramente contrari a qualsiasi provvedimento normativo per la riduzione delle emissioni di gas serra, l'ERT si è trovata spalla a spalla con i suoi omologhi uniens-membri alla Conferenza dell'Aia sui cambiamenti climatici 2000, quando si trattava di difendere il principio di permessi di emissione.

In materia di trasporti, si ritiene di aver fortemente influenzato le decisioni di Bruxelles cauta sul consumo dei veicoli a benzina o standard di emissione CO2. È noto, tuttavia, che l'ERT ha svolto un ruolo centrale direttamente da J. Delors, all'epoca Presidente della Commissione europea nello sviluppo dei primi anni 90 di transeuropea rete di trasporto. Tuttavia, la rete non fornisce meno il raggiungimento di 12 000 km di autostrade supplementari (Francia aveva 10 771 2000 cominciando km) 11 nuove linee ferroviarie ad alta velocità, a scartamento largo una decina di canali di navigazione una spolverata di nuovi nuovi aeroporti internade aeroporti Interna-zionale, tutte diffuse dalla Scozia alla Turchia e Gibilterra a Varsavia.

Chi troviamo tra i membri della ERT? I leader del BP-Amoco, Fiat, Lufthansa, Pirelli, Renault, Royal Dutch Shell, Repsol, Mol ungherese Oil and Gas Company, Volvo, Total-Elf-Fina. Come quello che non si è mai servito meglio che da se stessi, non vi è solo scegliere la tabella di destra!

Questo è un estratto dal rapporto: Trasporti e cambiamenti climatici: Crocevia ad alto rischio pubblicato dal Climate Action Network nel mese di aprile 2004.

Per saperne di più

Scarica il rapporto completo


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *