Retour pergamena Stop Modalità automatica

Nuovo Trasporto: innovazione, motori, l'inquinamento, le tecnologie, le politiche, organizzazione ...Ho fatto un sogno: Parigi senza auto

Trasporto e trasporto nuovi: l'energia, l'inquinamento, le innovazioni del motore, concept car, veicoli ibridi, i prototipi, il controllo dell'inquinamento, le norme di emissione, imposta. non i singoli modi di trasporto: trasporti, organizzazione, carsharing o carpooling. Trasporto senza o con meno olio.
laurent_caen
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 113
iscrizione: 07/05/06, 12:41

Ho fatto un sogno: Parigi senza auto

Messaggio non luda laurent_caen » 21/02/12, 23:47

Quanto più tempo trascorro, più guardi alla città, più mi interessa la qualità della vita, più mi chiedo cosa possa migliorare, e più attraverso ... la macchina, assenza di auto ...
Non sono un tecnophobic, un anti-progressivo o addirittura anti-automobile, ma sono ancora giunto alla conclusione che l'uso delle automobili è un fattore importante nella scarsa qualità della vita in grandi città da parte di più aspetti!
Senza volere la morte della vettura, penso che sarebbe interessante prendere coscienza di tutte le implicazioni e le conseguenze che la sua utilità impoverita nella città comporta ...

1) Invasione dello spazio pubblico per l'utilizzo di una proprietà privata individuale ...
Anche se tende a diminuire (e dovrebbe essere accolto), il numero di parcheggi pubblici esterni a Parigi è molto importante: 154 100 (fonte: http://www.paris.fr/pratique/voirie-cha ... 2_port_653 )
Un tasso di 10 m² per sito (5mx2m), questo rappresenta più di 1,5 km² quasi 1,5% della superficie di Parigi (105 km²), e addirittura quasi 2% se il Bois de Boulogne e Vincennes eccezione . Quando si conosce la pressione di terra a Parigi, si può pensare che questo sia ben lungi dall'essere trascurabile! E non contare il manto stradale, a volte anche 3 4 canali (Champs Elysées è certamente uno dei più belli del mondo senza una macchina, ma è a mio parere il più orribile, con tutto quel traffico ora) .
A volte è difficile camminare sui marciapiedi stretti, piena di vetrine, pensiline, idranti, scooter parcheggiati, luci, dissuasori anti-parcheggio ... E oltre a questo, ciò che si fa: una fila di auto parcheggiate, che la larghezza è maggiore o uguale a quella del marciapiede.
Vedo queste macchine parcheggiate tutto il giorno, non muovere ... E durante questo tempo, camminatori dei pedoni!
In un certo senso è come se avessi deciso di lasciare un intero divano in strada, di andare a letto di volta in volta, se non toccare, è il mio divano e durante quel tempo egli squatte la strada! "
Poi, i miei pensieri si allontanavano. Guardando la mia strada e il mio quartiere, mi dissi: "Se dovessimo togliere tutto ciò che riguarda la macchina, come sarebbe spazio?"
Mentalmente, quindi ho rimosso:
- le auto parcheggiate nei parcheggi, certamente, ma anche:
- segni (spesso piantati in mezzo al marciapiede)
- i posti e le barriere anti-parcheggio selvaggio (che riducono un po 'la larghezza utile del marciapiede)
- macchine per pagare e visualizzare
- carreggiate riservate solo alle vetture
- ingressi e uscite di parcheggio
- stazioni di servizio
Quando facciamo tutto questo, ci rendiamo conto di quanto sia enorme!
Non ha alcun scopo di pestare contro i commercianti, i ciclisti ...
80% del posto in strada è devoluto alla macchina ...
2) Isolamento sociale nel suo quartiere
Chi ama camminare, incontrare persone, chiacchierare, fare acquisti nel rumore e nello smorfia, sul lato di una strada trafficata, su un marciapiede dove si deve stringere?
Nessuno ! Quindi troppo traffico porta la gente a rimanere rinchiusa a casa ...
Alcuni studi hanno dimostrato il legame tra il numero di amici, il tuo incontro nel tuo quartiere e la densità di auto e strade.
- i bambini che non hanno troppo spazio per giocare all'esterno, per spenderli
3) Inquinamento e malattie
L'inquinamento automobilistico uccide tanto, se non di più degli incidenti ...
Leucemia, tumori, studi mostrano un legame.
Il valore limite da non superare per l'impatto sulla salute è 40 micro g per m3.
Siamo tra 85 e 115. Queste micro-particelle penetrano in profondità nelle vie respiratorie.
Per Parigi, 40% delle particelle vengono emesse dal trasporto. fonte http://fr.wikipedia.org/wiki/Particules_en_suspension
La Francia (come altri paesi) è stata appoggiata dall'Europa in questo ambito, perché sorpassa da 2005. (Avviso di inquinamento visto sul sito Respira la periferia)
4) Incidenti stradali
Curiosamente, una tonnellata di acciaio lanciata a 50 km / h è più pericolosa di un ciclista a 30 km / h, specialmente per gli altri ...
5) Rumore
Per subire il rumore della strada, nel suo alloggiamento, porta alla stanchezza mentale.
Nei sondaggi di opinione sulla qualità della vita, la prima fonte di fastidio segnalato (e di gran lunga!) È il rumore generato dal traffico automobilistico.

6) e tempi di viaggio prolungati
Se la vettura è meno densa, può ridurre la distanza, ma non è il caso in grandi città e in particolare a Parigi: non solo la vettura è meno veloce della bicicletta, ma tutti coloro che praticano la moto in questa città sa che sono proprio le auto che rallentano le moto!
Le strade sono veramente ultra veloci? Ti fanno finalmente arrivare più velocemente in un posto, una volta arrivati, andate più lentamente (e non parlo di marmellate, tempo per parcheggiare ...).
Ciò nonostante:
- la mancanza di attività sportive degli automobilisti bloccati nella loro auto
- l'inquinamento degli automobilisti nella loro auto (respirano più dei residenti)
- lo stress della guida
- la perdita della bellezza della città, l'impatto estetico delle strade e dei luoghi troppo fatti per l'auto: immaginate un solo secondo viale di Champs Elysées senza veicoli a motore e senza rumore ... Inoltre sarebbe diventato possibile in questo caso a verde questo viale per renderlo ancora più bello, perché il 6 a 8 (il viale è approssimativamente largo come una superstrada !!!) le strade diventerebbero superflue).
Infine, e questa è la ragione principale, mi sembra che gli intramuro di Parigi siano particolarmente adatti ad un'assenza di automobili. Se c'è una città in cui sarebbe molto vantaggiosa per molti aspetti limitare l'uso della macchina, è Parigi, a causa delle sue caratteristiche:
- città denso: le distanze percorse sono generalmente molto basse poiché tutto è raggiungibile,
- piccola area: pedalando dolcemente, andiamo da un'estremità all'altra di Parigi in meno di 45 minuti in bici e sicuramente in meno tempo ancora se vietiamo il traffico automobilistico, poiché rallenta le bici .
- sotto forma di "patata" di Parigi è di per sé una notevole risorsa per limitare il traffico, mi spiego: il pericolo quando vietato vetture in una città è quello di avere una periferia traffico trasportare; oro oggi, data la forma di Parigi, quando nella periferia nord e si desidera visitare periferia sud, o quando nella periferia occidentale e vogliamo andare è non va bene a Parigi, ma la città è bypassato dal dispositivo (nella stragrande maggioranza dei casi, non sto dicendo che è sempre proprio così), in modo che ritardare il traffico in periferia sarebbe quasi trascurabile.

La percezione della città da parte dei suoi abitanti sarebbe completamente cambiata, e si patirebbe di più (o molto meno) quella sensazione di soffocamento che un abitante di Parigi potrebbe sentire un giorno. Perché se la città è innegabilmente molto densa, bisogna sottolineare che la sua percezione è del tutto soggettiva; rimuovere tutti i veicoli e limitare il traffico automobilistico e gli abitanti avranno una visione molto meno densa e meno soffocante della città! I vantaggi che una città come Parigi offre in termini di possibilità di attività, senza gli inconvenienti in sintesi!

Sarebbe ovviamente necessaria per consentire l'molti residenti suburbani di recarsi a Parigi (per il loro lavoro o hobby), costruire un sacco di parcheggio presso i punti periferici e in metropolitana, RER e stazioni degli autobus fuori di Parigi. Queste stazioni dovrebbero essere collegate a stazioni di bicicletta self-service e, in alcuni casi, ai parcheggi (monitorati) per biciclette personali; in questo modo, gli utenti avrebbero la possibilità di concludere il proprio viaggio, sia in bicicletta che in mezzi pubblici.

Ovviamente, sarebbe essenziale consentire il traffico a determinate categorie di utenti, ovvero: ambulanze, taxi, consegne ...

Sicuramente il blocco del traffico automobilistico certamente non solo beneficerebbe tutti, ma in generale mi sembra che ci siano più vantaggi rispetto agli svantaggi! Inoltre, fare la tesi opposta: immaginate che Parigi è sempre stato proibito ai veicoli a motore, e improvvisamente il governo decide di consentire: nessuno avrebbe accettato questo, soprattutto i residenti che avrebbero considerare questo come un follia! L'accettazione di veicoli a motore nella città densa è il risultato del fatto che è parte integrante della vita delle persone.

Comunque, al momento della creazione di questo ... autolib ', questo è un sogno ... Ma chissà, con un barile di petrolio regolarmente in aumento, tra un po' ...
0 x

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 47252
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 450
Contatto:

Ri: Ho fatto un sogno: Parigi senza una macchina

Messaggio non luda Christophe » 17/09/18, 09:58

Sollevo questo argomento da quando Hidalgo sogna un giorno europeo senza un'auto ...

E un promemoria:

0 x
Questo forum è stato utile o consigliabile? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!



  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna a "Nuovo trasporto: innovazioni, motori, l'inquinamento, le tecnologie, le politiche, organizzazione ..."

Chi è in linea?

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e gli ospiti 5