Retour pergamena Stop Modalità automatica

Media e notizie: spettacoli televisivi, saggi e libri, notizie ...Olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Libri, programmi televisivi, film, riviste o musica da condividere, consigliere di scoprire ... Parla con notizie che interessano in alcun modo la econology, l'ambiente, l'energia, la società, il consumo (nuove leggi o standard) ...
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5505
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 201

Olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda sen-no-sen » 22/05/18, 14:10

Luce verde totale sull'olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Peccato per il pianeta: per compiacere Total, ma anche in Malesia e Indonesia, il Ministro autorizza l'importazione di tonnellate 300.000 all'anno di questo prodotto decifrato.


Certamente è diventato un po 'troppo facile essere ironici sulla tribuna dei serpenti, che Nicolas Hulot, ministro della transizione ecologica, ha tenuto per un anno. Ma questo è troppo grande per lasciar passare, è un boa. Mercoledì, con il via libera del ministro, la prefettura di Bouches-du-Rhone ha autorizzato il gruppo Total a gestire una bioraffineria sul suo sito di Mède, vicino allo stagno di Berre. A partire da questa estate, Total importa almeno 300.000 tonnellate di olio di palma all'anno, il che rappresenta un aumento delle importazioni francesi di questo prodotto 36%.

A luglio 2017, presentando il suo piano sul clima, Nicolas Hulot ha proposto di "chiudere la finestra di opportunità che consente di incorporare l'olio di palma nei carburanti". Ma non appena fu nominato, il ministro dovette rapidamente tornare indietro.

Una mostruosa deforestazione

L'olio di palma ha molte qualità: è facile da coltivare e quindi economico; è un prodotto molto stabile, resistente al calore e all'ossidazione; è facile "lavorare" in un processo industriale. Ma come sappiamo, è un orrore. Non tanto per la salute, anche se i suoi grassi saturi non sono una panacea. Per estrarlo, uno indulge in Indonesia e Malesia (90% della produzione) in una mostruosa deforestazione, al fine di piantare olio di palma.

Tuttavia, chi dice che la deforestazione dice massacro degli ultimi oranghi e gibboni, distruzione della biodiversità, incendi estremamente inquinanti, espropri di villaggi ... Ma anche aggravamento del riscaldamento globale. Perché, come ha ricordato Nicolas Hulot prima di essere un ministro, "la deforestazione è responsabile del 10% delle emissioni globali di gas serra". Secondo uno studio commissionato a 2016 dalla Commissione Europea, l'olio di palma è tre volte più dannoso in termini di effetti serra rispetto ai combustibili fossili.

Le proporzioni di questa industria dell'olio di palma sono gigantesche. Non si tratta solo di aggiungere qualche grammo alla Nutella: l'olio di palma costituisce un quarto di tutto l'olio prodotto nel mondo. Patatine con maionese, questo grasso vegetale è presente in 80% di prodotti alimentari industrializzati e 20% di prodotti di bellezza. Viene utilizzato principalmente per l'industria dei carburanti: in Francia, il 75% dell'olio di palma importato finisce nei serbatoi dei veicoli.

La decisione di Nicolas Hulot sembra incomprensibile. È contrario agli interessi dei produttori francesi di semi di colza. È contrario agli interessi del pianeta - e non esiste un "pianeta B", per parafrasare Emmanuel Macron che giura di aver fatto della sua priorità la lotta contro il riscaldamento globale. È contrario all'opinione del Parlamento europeo, che a gennaio ha votato l'abolizione dell'uso dell'olio di palma nel carburante da parte di 2021. Infine, è contrario a ciò che il ministro stesso pensa nel profondo di se stesso. Interrogato su BFMTV-RMC, ha cercato di giustificarsi spiegando che era transitorio, che aveva negoziato con Patrick Pouyané, il capo di Total, in modo che la quota di olio di palma fosse limitata e ridotta ogni anno a oli usati ... Ma non abbastanza per calmare le organizzazioni ecologiche.
Pleasing Total, Indonesia e Malesia

Perché questa decisione? Due spiegazioni. Il primo è un lobbying efficace di Total, che cerca di salvare il sito di Mède. Patrick Pouyané, il capo, è un fan di Emmanuel Macron: potrebbe essere stato direttore del gabinetto di François Fillon, ha sostenuto l'avversario di quest'ultimo durante la sua campagna e non può smettere di elogiare questo presidente che, dice, fa fare alla Francia "un salto verso la modernità". Macron, d'altra parte, considera Total come uno dei gruppi più strategici in Francia.

Seconda spiegazione, ancora più cinica: la Francia vende armi e aerei in Indonesia e Malesia. E questi paesi minacciano di non acquistare queste macchine se Parigi danneggiasse le loro esportazioni. Per silurare un progetto francese di tassazione sull'olio di palma, l'Indonesia, in 2016, aveva minacciato di non ordinare il trasporto militare di Airbus A400M. E secondo la "New Factory", la Malesia sta facendo lo stesso oggi: minaccia di non comprare più 18 Rafale in discussione.

Dopo che il Parlamento europeo ha votato a favore del divieto di olio di palma nei carburanti a gennaio, la Francia aveva già indicato che si sarebbe opposta. Conferma oggi il suo focus molto poco "Rinnova il pianeta di nuovo", per citare l'ambizioso slogan di Emmanuel Macron. La "finestra delle opportunità" evocata in 2017 Nicolas Hulot rimane, ahimè, spalancata e le cerniere ben oliate.

Pascal Riché


https://www.nouvelobs.com/edito/20180517.OBS6826/feu-vert-a-total-sur-l-huile-de-palme-le-triste-renoncement-de-hulot.html


Ciò conferma il metodo Macron, l'istituzione di N.Hulot fungeva da schermo ecologico e con il rilascio di zavorra su questioni secondarie (abbandono del progetto aeroportuale di Notre Dame des Landes, chiusura di Fessenheim) il principio rimane lo stesso: continua nel peggiore ...
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6471
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 420

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Ahmed » 22/05/18, 14:46

Nihil novi sub sole... Questo è quello che era Totally (sic!) Prevedibile.
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5712
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 59

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Janic » 23/05/18, 09:25

Nihil novi sub sole ... Questo è quello che era Totally (sic!) Prevedibile.
come è quel totale ... uh -... Non possiamo più fidarci di nessuno!
0 x
"Noi facciamo la scienza con i fatti, come è una casa con pietre, ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
"L'assenza di prove non è prova di assenza" Exnihiloest
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6471
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 420

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Ahmed » 23/05/18, 10:42

Non possiamo più fidarci di nessuno!

Esattamente! Queste persone lavorano secondo una logica molto chiara, solo essere dannatamente ingenui nel credere alle loro affermazioni quando supportano argomenti che vanno contro la stessa logica. È proprio sotto l'apparenza di buone intenzioni mostrate che questi determinismi possono essere espressi: rassicurare con una mano e distruggere l'altro ...
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5712
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 59

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Janic » 23/05/18, 12:21

È proprio sotto l'apparenza di buone intenzioni mostrate che questi determinismi possono essere espressi: rassicurare con una mano e distruggere l'altro ...
il solito bastone da carota per far avanzare gli asini siamo troppo spesso! :Rotolo:
0 x
"Noi facciamo la scienza con i fatti, come è una casa con pietre, ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
"L'assenza di prove non è prova di assenza" Exnihiloest

Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5505
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 201

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda sen-no-sen » 23/05/18, 13:15

Non bisogna dimenticare che la politica è un nido di granchi ... e persino di vipere.
L'abbandono del progetto dell'aeroporto di Notre Dame des Landes sotto la guida di Nicolas Hulot * è costato relativamente alto, specialmente nella forma di una voce per molestie sessuali sulla persona di Pascale Miterrand incidentalmente la bambina dell'ex presidente con lo stesso nome.
Se fossi paranoico direi che è una vendetta o un "messaggio" inviato a calmare la sua possibile ecologia.



* Sotto sono d'impulso ma in realtà è principalmente alla corte dei conti che dobbiamo abbandonare questo progetto, anzi ci sono in Francia vicino agli aeroporti di 155 contro ... 45 in Germania (!) Quindi che quest'ultimo ha 82 milioni di abitanti (contro 66 in Francia) per un reddito medio pari.
In altre parole, la maggior parte degli aeroporti francesi non viene utilizzata per nient'altro che per garantire la rielezione di alcuni funzionari eletti ...
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Avatar de l'utilisateur
izentrop
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2734
iscrizione: 17/03/14, 23:42
Località: Picardie
x 146
Contatto:

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda izentrop » 23/05/18, 13:48

Non lo volevamo nella nutella, non lo avremmo nei nostri carri armati.
Non stiamo fermando i progressi e non impediremo neanche ai paesi emergenti di prendere la testa fuori dall'acqua. : Mrgreen: : Cheesy:

Inoltre, questa storia di deforestazione https://theconversation.com/non-lhuile- ... tion-76955
0 x
Hanno ragione di credere non significa che abbiamo ragione di credere.
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6471
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 420

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Ahmed » 23/05/18, 14:44

Non lo volevamo nella nutella, non lo avremmo nei nostri carri armati.

Intendi quello invece di prima ... : Mrgreen:
L'articolo citato ammette l'importanza dell'impatto di questo raccolto in Indonesia: è normale che ci sia più danno dove c'è la massima espansione di questa coltura (e quindi meno altrove *) ...

Ma per ragioni simili.
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5505
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 201

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda sen-no-sen » 23/05/18, 14:45

izentrop ha scritto:Non lo volevamo nella nutella, non lo avremmo nei nostri carri armati.
Non stiamo fermando i progressi e non impediremo neanche ai paesi emergenti di prendere la testa fuori dall'acqua. : Mrgreen: : Cheesy:

inoltre questa storia della deforestazione https://theconversation.com/non-lhuile- ... tion-76955


È un ragionamento del lobbista che tu tieni lì ...
Se è vero che l'olio di palma non può essere considerato responsabile per 40% della deforestazione globale, ciò non cambia in alcun modo che ciò rappresenti un disastro ecologico.
La deforestazione è legata all'estensione agricola, compreso il pascolo per la produzione di carne (diretta o indiretta), l'urbanizzazione, la vendita di legname e lo sfruttamento di idrocarburi.
In tutte queste piantagioni di palme da olio rappresenta circa il 2,5% (crescita di 8,5% annuo) della deforestazione globale, all'inizio può sembrare trascurabile (ed è un buon argomento per le lobby).
Sì, a parte il fatto che 2,5% della deforestazione globale rappresenta superfici assolutamente gigantesche, vicino agli ettari 350 000 solo che .. è metà della Corsica!

Immagine
E tutto questo in aree con un altissimo livello di biodiversità, sopra l'isola del Borneo ...
1 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5712
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 59

Re: olio di palma: la triste rinuncia di Hulot

Messaggio non luda Janic » 23/05/18, 15:18

Non stiamo fermando i progressi e non impediremo neanche ai paesi emergenti di prendere la testa fuori dall'acqua.
questo progresso è un suicidio collettivo. La principale fonte di produzione di ossigeno, dopo il mare, è foreste, un pozzo per il carbonio di cui tutti hanno paura.
ma hai parzialmente ragione. Non si può fare la morale agli altri solo quando si è senza rimproveri, anche qui e là la Francia non è certamente un modello di virtù.
Tuttavia, questa produzione non è fatta per l'uso delle popolazioni stesse, ma per fare affari a vantaggio esclusivo di paesi stranieri che prendono in giro il futuro di queste popolazioni e della loro terra.
Inoltre, questa storia di deforestazione https://theconversation.com/non-lhuile- ... tion-76955

Ah, ecco finalmente un documento davvero interessante e relativamente onesto, è estremamente raro.
Palm non è più responsabile per 40% della deforestazione globale ma "solo" di 40% della deforestazione a causa dell'agricoltura intensiva
secondo i dati della FAO.
Veniamo a sapere che mentre le aree forestali sono chiaramente in aumento nell'Unione europea, che ha "consumato" 10% della deforestazione globale tra 1990 e 2008 o 732 000 di ettari l'anno attraverso le importazioni. Questa deforestazione "importata" è 60% a causa del cibo importato dai paesi membri dai tropici: 18% per bestiame e prodotti a base di carne e 42% per prodotti alimentari e mangimi. Queste colture includono soia (60%), olio di palma (12%), cacao (8%), caffè (4%) e gomma naturale (3%). In 2004, la deforestazione "importato" da parte dell'UE è venuto a 48% del Brasile 9% dell'Indonesia, 5% del Camerun, 5% dell'Argentina e 4% della Malesia.
Il rapporto tecnico discute poi una valutazione complessiva, per paese e per causa della deforestazione. 239 milioni di ettari di foreste si apprende che sono stati tagliati nel corso del periodo di studio, per lo più nelle zone tropicali e subtropicali: 91 milioni di ettari in America Latina, 73 milioni nell'Africa sub-44 milioni nel Sud-Est asiatico est.
L'agricoltura è quindi la principale causa di deforestazione globale, con 24% per l'allevamento di bestiame e 29% per le colture. Il rapporto poi fornisce i dettagli di questi 29% della deforestazione a causa di colture, mettendo in evidenza le produzioni che maggiormente contribuiscono alla deforestazione: soia (19%), mais (11%), olio di palma (8 %), riso (6%) e canna da zucchero (5%).

Uno sguardo ravvicinato mostra che questa deforestazione è dovuta principalmente al bestiame (principalmente per l'esportazione, per nutrire carne proveniente dall'Europa e dall'Asia e naturalmente dagli Stati Uniti) e alla coltivazione di semi di soia (stessa cosa , non è destinato a sfamare le popolazioni di questi paesi, ma è destinato all'alimentazione animale destinato a nutrire la carne dell'Europa, ecc ...)
il consumo di soia in Francia è 90% per l'alimentazione del bestiame e rappresenta oltre quasi 4,7 milioni di tonnellate all'anno o 146 chili al secondo (contatore) La produzione di soia francese rappresenta una piccola parte di questo consumo, o 139 959 tonnellate all'anno, mentre le importazioni rappresentano 4,6 milioni di tonnellate. 4 su 10 ha acquistato prodotti di soia in 2015.
https://www.planetoscope.com/cereales/1 ... rance.html

Ehi, si! la maggior parte della deforestazione nel mondo è usata per riempire lo stomaco delle persone nei paesi ricchi. : Cry:
Sfortunatamente non è immorale, ma amorale che è molto peggio!
0 x
"Noi facciamo la scienza con i fatti, come è una casa con pietre, ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
"L'assenza di prove non è prova di assenza" Exnihiloest


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Media & News: spettacoli televisivi, saggi e libri, notizie ..."

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospiti 2

Ricerche più frequenti