Retour pergamena Stop Modalità automatica

Innovazioni per ridurre il consumo di combustibili fossiliLa legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Le innovazioni, idee o brevetti per ridurre il consumo di energia fossile, per esempio, vento nuovo, nuovi pannelli solari, impianto geotermico si è evoluto ...
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5622
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 222

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda sen-no-sen » 21/04/18, 17:19



Ha poco senso confrontare i paesi senza tener conto di alcune disparità.

Il Portogallo è un paese che ha 10 milioni di abitanti contro 66 milioni in Francia, e il cui PIL pro capite è di circa 16000 contro Euro 29900 con noi quasi la metà del tempo ... non siamo del tutto nello stesso ordine di grandezza!
Vi lascio quindi la cura di invitare i francesi a dividere per due il loro stipendio e quindi i loro poteri di acquisto (1) e hanno riproposto ... :)
Ciò conferma semplicemente l'idea che le ENR sono possibili solo in una società a basso consumo energetico, il che non è il nostro caso.

In effetti, è la pressione popolare che farà cambiare le cose, soprattutto se una centrale elettrica francese esplode o perde abbastanza per stabilire le cose in modo diretto.


Non c'è niente da aspettarsi da una possibile pressione popolare e anche da meno politicanti poiché è molto più un'opinione basata sulle emozioni che un'analisi seria.
Fai questo piccolo test intorno a te e chiedi al tuo entourage quante turbine eoliche sarebbero necessarie per sostituire una centrale nucleare, riderai! (2)


Per il momento, i timori instillati dalle autorità e dai media si sono concentrati sul riscaldamento globale e sull'influenza del consumo di combustibili fossili, come un albero che nasconde la foresta dai rischi del nucleare, invisibile, senza colori, né odori.


Sì, giustamente, anche se le implicazioni nascoste sono lungi dall'essere ecologiche, tuttavia la RCA minaccia tutte le forme di vita complesse, che fortunatamente non sono il caso del settore elettro-nucleare.
Ciò non ripristina il blasone di questo settore, che è in definitiva una singolarità industriale specifica per i paesi ricchi e il cui impatto sullo stesso riscaldamento è più che marginale.



(1) e quindi la loro capacità di dissipare energia.
(2) l'ultimo in data un amico che mi ha detto le turbine eoliche 50! : Lol:
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

Bardal
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 242
iscrizione: 01/07/16, 10:41
Località: 56 e 45
x 85

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Bardal » 21/04/18, 17:34

Janic ha scritto:Non si tratta di smantellare solo le piccole strutture irradiate, ma anche i cuori, che non sembrano essere stati ancora realizzati e possono costare somme pazzesche se non per seppellirli come per gli scarichi dei nostri rifiuti dei consumatori.
... / ...
In effetti, è la pressione popolare che farà cambiare le cose, soprattutto se una centrale elettrica francese esplode o perde abbastanza da stabilire le cose in modo diretto.
Per il momento, i timori instillati dalle autorità e dai media si sono concentrati sul riscaldamento globale e sull'influenza del consumo di combustibili fossili, come un albero che nasconde la foresta dai rischi del nucleare, invisibile, senza colori, né odori.
... / ...
Lo stesso isolamento ridurrebbe drasticamente il conto con le energie fossili, come avviene oggi per le cosiddette case passive sovraisolate, riducendo quasi a zero il costo del riscaldamento necessario.
Pertanto non attribuisce al nucleare una soluzione migliore.
... / ...
lei è buona questa, ma un po 'e anche molto indossata ... ginocchia : Cheesy: il fattore di collegamento è valido anche per i materiali estratti dal terreno e quindi non abbiamo una fonte nazionale e il rubinetto può anche chiudere, forse anche prima delle energie fossili. Ma nessuno parla di una cessazione improvvisa, perché quasi impossibile, compreso lo smantellamento delle centrali elettriche in questione. Ma molti risparmi possono essere fatti cessando molti rifiuti per iniziare con la vigilia degli elettrodomestici, la diminuzione degli elettrodomestici come i robot domestici senza molto uso come scatole elettriche e altri mixer come una miriade di altri prodotti e questo non ci riporta al Neanderthal! Lo stato ha incoraggiato l'uso dell'economizzatore di illuminazione, la diminuzione dell'illuminazione pubblica non necessaria nel cuore della notte, ecc ...
L'esempio di Remondo (anche se tutti non possono o non vogliono farlo) mostra la possibilità e sempre più modi eco-compatibili si sviluppano individualmente: piccoli corsi d'acqua finiscono sempre per riempire il mare!


Per la vostra guida, quindici piante sono state completamente smantellate negli Stati Uniti, compreso il cuore, ovviamente, in quantità corrispondenti ai fondi, e molto vicino a EDF stima ... In ogni caso, vi costerà meno di costruiscili, sotto 100 Mds ...

Ed è necessario smettere di agitare lo spauracchio delle "esplosioni di centrali nucleari"; per il momento, e dopo l'esperienza di 50, l'energia nucleare è l'industria energetica più sicura, e di gran lunga ... A Fukushima, è la "paura istintiva" di un rischio nucleare che non ha nessuna vittima fino ad oggi che è riuscita a nascondere la foresta dello tsunami morto 20 000, molto reali. Il lupo, lo spauracchio, l'uomo nero e le fate malvagie, è per i bambini piccoli; sei scusato di scuoterli qui, abbiamo superato l'età ...

L'eventuale isolamento delle case sarebbe stato migliore se fosse stato altrimenti, ma per ora, la nostra eredità di case isolate è elettrica. Per il futuro, abbiamo in particolare 30 milioni di filtri termici degli edifici "per tornare, per quello che se aspettiamo per le nuove costruzioni case passive, si deve aspettare per un centinaio di anni al ritmo attuale (io sono bello).

Per quanto riguarda il conteggio dei risparmi di risparmiatori elettrici, rubinetti chiusi o apriscatole manuali, è davvero uno scherzo; siete completamente fuori strada in termini di grandezza ... completamente un fattore ^ 10 6 o 9 ... Ciò che è grave è che non sei l'unico confuso caahouètes un pacchetto con la produzione di semi oleosi globale, e una lampadina con tutte le variazioni di energia in atto nel XX secolo ... attenzione però, tutti siamo abituati, e invertirà percorso pasun ...

La domanda Remundo merita un'intera discussione; Direi semplicemente che le migliori intenzioni del mondo conducono molto facilmente all'inferno ...
0 x
Bardal
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 242
iscrizione: 01/07/16, 10:41
Località: 56 e 45
x 85

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Bardal » 21/04/18, 17:43

Oops, ho dimenticato ... Il Portogallo ha la particolarità che l'energia idroelettrica produce 55% di energia elettrica, con due vantaggi decisivi:

1- è un'energia rinnovabile, ma non è generalizzabile ad altri paesi
2- è un'energia di scorta, che regola allo stesso tempo la questione dell'intermittenza fatale del vento e del solare ...

Pochi paesi possono beneficiare di tali condizioni favorevoli (c'è Norvegia, Islanda, Svizzera ...), e nonostante ciò le sue emissioni di CO2 / abitante sono più o meno quelle dei francesi ...
1 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5622
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 222

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda sen-no-sen » 21/04/18, 18:03

bardal ha scritto:Oops, ho dimenticato ... Il Portogallo ha la particolarità che l'energia idroelettrica produce 55% dell'elettricità, con due vantaggi decisivi (...)



Dello stesso ordine del Canada (56%) che non è un modello di ecologia ....
I paesi possono essere confrontati solo considerando una moltitudine di parametri, al tempo stesso geologici, sociologici ed economici.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6079
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 73

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Janic » 21/04/18, 20:07

janic ha scritto: La prova che se!
https://www.euractiv.fr/section/energie ... -isolato /
Ha poco senso confrontare i paesi senza tener conto di alcune disparità.
Il Portogallo è un paese che ha 10 milioni di abitanti contro 66 milioni in Francia, e il cui PIL pro capite è di circa 16000 contro Euro 29900 con noi quasi la metà del tempo ... non siamo del tutto nello stesso ordine di grandezza!
Vi lascio quindi la cura di invitare i francesi a dividere per due il loro stipendio e quindi i loro poteri di acquisto (1) e hanno riproposto ...
Non vedo come la decisione politica e industriale del Portogallo non sarebbe adattabile al nostro paese. Quindi il reddito più basso in Portogallo dovrebbe piuttosto rallentare gli investimenti in ENR! cosa dice Ahmed?
Ciò conferma semplicemente l'idea che le ENR sono possibili solo in una società a basso consumo energetico, il che non è il nostro caso.
Ovviamente non siamo sobri, influenzati dal modello americano. Ma non dobbiamo pensare solo al modello attuale, che deve imperativamente cambiare per volontà o forza dalla situazione mondiale, che non può e non vuole adottare il nostro modello di spreco. (come il modello alimentare e sanitario indicato in precedenza).
In effetti, è la pressione popolare che farà cambiare le cose, soprattutto se una centrale elettrica francese esplode o perde abbastanza per stabilire le cose in modo diretto.
Non c'è niente da aspettarsi da una possibile pressione popolare e anche da meno politicanti poiché è molto più un'opinione basata sulle emozioni che un'analisi seria.

Solo fino a un certo punto. Chernobyl come Fukushima hanno fatto più di una riflessione e questi "quelli" in questione votano!
Fai questo piccolo test intorno a te e chiedi al tuo entourage quante turbine eoliche sarebbero necessarie per sostituire una centrale nucleare, riderai! (2)
Stessa cosa, non pensare solo all'energia eolica! La quota di ENR è in costante aumento e sta anche diversificando. Quindi la quota di energia idroelettrica sull'acqua potrebbe aumentare notevolmente.
Basta chiedere in giro voi quanto "vento" rimarrà pericolose per migliaia di anni e che questi diventano rifiuti sepolto fuori dalla vista, ma nell'ignoranza di quello che diventerà in pochi anni, anche su 24.000 anni, come vediamo che i meteorologi stanno lottando per vedere oltre qualche decennio.
Per il momento, i timori instillati dalle autorità e dai media si sono concentrati sul riscaldamento globale e sull'influenza del consumo di combustibili fossili, come un albero che nasconde la foresta dai rischi del nucleare, invisibile, senza colori, né odori.
Sì, giustamente, anche se le implicazioni nascoste sono lungi dall'essere ecologiche, tuttavia la RCA minaccia tutte le forme di vita complesse, che fortunatamente non sono il caso del settore elettro-nucleare.

In effetti, ciò che conta per la maggioranza delle persone e dei politici è il momento presente, non un futuro nemmeno vicino ... a meno che non sia un boouuummmm!
Supponendo che il nostro consumo di combustibili fossili diminuisce mondiale pro-capite, è già troppo tardi per evitare che la macchina imballata per continuare, anche se solo a causa della esplosione demografica e il desiderio di accesso paesi non-abbienti gli stessi privilegi energetici di noi.


Per la vostra guida, quindici piante sono state completamente smantellate negli Stati Uniti, compreso il cuore, ovviamente, in quantità corrispondenti ai fondi, e molto vicino a EDF stima ... In ogni caso, vi costerà meno di costruiscili, sotto 100 Mds ...
e lanciare una bomba in un impianto è ancora più economico; ma a quale costo nelle vite umane!

Cosa nasconde lo smantellamento nucleare
Nessuno sa oggi come valutare il costo dello smantellamento-ritrattamento. "Questa proiezione non viene da un attivista ambientalista, ma Emmanuel Macron. Lo smantellamento dei reattori e la gestione dei rifiuti sono davvero il grande sconosciuto nel settore nucleare. Ci sono reattori 450 in funzione in tutto il mondo e 110 fermo. Solo una ventina di unità sono state decostruite, metà delle quali negli Stati Uniti. Nessuno in Francia. Un paradosso. Il nostro paese ha il secondo parco nucleare più grande del pianeta. Ma non riesce a smantellare le nove centrali di prima generazione oggi ferme.

https://www.challenges.fr/entreprise/en ... ire_477559

Ed è necessario smettere di agitare lo spauracchio delle "esplosioni di centrali nucleari"; per ora, e dopo l'esperienza di 50, il nucleare è l'industria energetica più sicura, e di gran lunga ...
Fortunatamente data la pericolosità del prodotto, che non impedisce alcuni insuccessi ... fino alla catastrofe "impossibile da prevedere".
A Fukushima è la "paura istintiva" di un rischio nucleare chi non ha avuto finora nessuna vittima che è riuscito a nascondere la foresta del 20 000 morto dello tsunami, molto reali.
È lo stesso discorso pronucleare che è stato tenuto per Chernobyl e ovviamente falso.
Il lupo, lo spauracchio, l'uomo nero e le fate malvagie, è per i bambini piccoli; sei scusato di scuoterli qui, abbiamo superato l'età ...
non meglio per coloro che credono ancora in Babbo Natale!
L'eventuale isolamento delle case sarebbe stato migliore se fosse stato altrimenti, ma per ora, la nostra eredità di case isolate è elettrica.
La stessa politica di isolamento avrebbe potuto essere mantenuta per gli altri metodi di riscaldamento, ma il sovrapprezzo non era alla portata di tutte le borse valori, il che è meno vero oggi con le prestazioni dei materiali e il loro costo inferiore. .
Per il futuro, abbiamo in particolare 30 milioni di filtri termici degli edifici "per tornare, per quello che se aspettiamo per le nuove costruzioni case passive, si deve aspettare per un centinaio di anni al ritmo attuale (io sono bello).
È un dato di fatto che il patrimonio edilizio non è stato progettato per far fronte al riscaldamento globale che gli ottimisti del tempo non consideravano urgente, nonostante gli avvertimenti degli informatori.
Fai attenzione, tutti ci sono abituati
So che il mondo, in Francia, si è abituato a sprecare e dovrà rivedere la sua copia.
e non farà il contrario
Certo, probabilmente no! Ma la Francia, come altri paesi ricchi, dovrà allinearsi con un consumo globale ridotto per ciascuno dei suoi abitanti
La domanda Remundo merita un'intera discussione; Direi semplicemente che le migliori intenzioni del mondo conducono molto facilmente all'inferno ...
Per prova hai, a quanto pare, le migliori intenzioni del mondo nei confronti del nucleare che porta all'inevitabile inferno! : Cry:
0 x
"Noi facciamo la scienza con i fatti, come è una casa con pietre, ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
"L'assenza di prove non è prova di assenza" Exnihiloest

Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6820
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 462

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Ahmed » 21/04/18, 21:04

Ammetto che non conosco la situazione energetica in Portogallo, ma la disponibilità di energia idroelettrica è un chiaro vantaggio in termini di rinnovabili, poiché flessibile (quindi ospita un po 'di vento).
Sullo smantellamento, il costo sembra molto dipenda dalle condizioni ei requisiti qualitativi ... Esiste il rischio forte e stabilite compromesso tra costo e "pulizia" (incidenza "accettabili" sulla salute delle popolazioni).
Il riscaldamento elettrico ha influito sugli standard di isolamento (per rendere accettabile il costo extra dell'elettricità, come da note Janic), certamente positivo, ma se considero gli ultimi risultati, teoricamente molto più esigenti, trovo che ottenere bolle d'aria temperate non sia certamente l'opzione migliore.
Sulla questione cruciale dello "spreco", c'è poca speranza, poiché lo spreco è la forza trainante del funzionamento delle nostre società. È anche il ruolo della transizione energetica per incoraggiare nuovi investimenti; la preoccupazione è che siano redditizi solo a livello microeconomico e in una configurazione piuttosto artificiale. Se così non fosse, anche con una crescita stagnante, i fondi sarebbero disponibili per cambiamenti su larga scala, ma investire per ridurre il flusso finanziario ... :Rotolo: : Lol:
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5622
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 222

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda sen-no-sen » 21/04/18, 21:13

Janic ha scritto:Non vedo come la decisione politica e industriale del Portogallo non sarebbe adattabile al nostro paese. Quindi il reddito più basso in Portogallo dovrebbe piuttosto rallentare gli investimenti in ENR! cosa dice Ahmed?


Non funziona in questo modo.
La situazione geografica del Portogallo non è la stessa che in Francia, metà della produzione elettrica è di origine idraulica e ciò rende le cose molto più semplici.
In Francia l'energia idroelettrica rappresenta 11% della nostra produzione, e non possiamo aspettare di più (1) contro il 55% in Portogallo; 56% in Svizzera; 57% in Canada, 68% in Venezuela, e il campione in Norvegia con circa 96%, non tramite referendum, ma semplicemente perché un paese del genere ha aree montane adeguate.
Per il resto il Portogallo produce ancora quasi il 30% della sua elettricità tramite il calore contro il 6% in Francia ...

Ora il consumo di elettricità per abitante non è lo stesso e improvvisamente gli investimenti sono inferiori a 6930 kwh / per persona in Francia contro 4660 in Portogallo.
Meno si consuma e tanto meno è necessario installare le turbine eoliche CQFD ...

Solo fino a un certo punto. Chernobyl come Fukushima hanno fatto più di una riflessione e questi "quelli" in questione votano!


Né l'Ucraina né il Giappone hanno ancora deciso l'uscita del nucleare ... I paesi che lo hanno abbandonato lo hanno fatto perché potevano farlo senza che avessero un impatto economico sul paese, in realtà perché sviluppare un settore così costoso mentre le risorse ENR possono fare altrettanto (nel caso della Svizzera)?

Stessa cosa, non pensare solo all'energia eolica! La quota di ENR è in costante aumento e sta anche diversificando. Quindi la quota di energia idroelettrica sull'acqua potrebbe aumentare notevolmente.


Per voi di dimostrare ... che non è un piccolo progetto che cambierà il futuro mix energetico, la tendenza in Francia è piuttosto la decostruzione di alcune dighe a ragione considerati nocivi per la fauna selvatica.

(1) tranne che per sviluppare STEP in grandi numeri, il che aumenterà il rating ENR.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Bardal
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 242
iscrizione: 01/07/16, 10:41
Località: 56 e 45
x 85

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Bardal » 21/04/18, 21:29

Bof ... l'idroelettrico sull'acqua ... Potremmo provare la Loira (beh, se gli adoratori dell '"ultimo fiume selvaggio" lo accettano); in totale, con dighe lungo tutto il corso medio, saremmo in grado di produrre l'equivalente di una fetta ... oltre a un danno ecologico ...

Tragitti jannici sul potenziale delle rinnovabili, come all'altezza dei bisogni ...
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6820
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 462

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Ahmed » 21/04/18, 22:16

Sì, penso che non dovremmo commettere l'errore di confondere il "fai da te" (anche un po 'serio) con la dimensione industriale.
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Janic
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6079
iscrizione: 29/10/10, 13:27
Località: Borgogna
x 73

Ri: La legge sulla transizione energetica o il carro davanti al cavallo.

Messaggio non luda Janic » 22/04/18, 09:06

Ahmed
Generalmente sono d'accordo con la prima parte della tua risposta, ma meno su di essa.
Sulla questione cruciale dello "spreco", c'è poca speranza, poiché lo spreco è la forza trainante del funzionamento delle nostre società.

O meglio lo è stato e il resto in molti casi nelle nostre società di abbienti abituati a questo rifiuto nella più profonda indifferenza per le sue conseguenze ambientali e sulla salute: troviamo tracce di plastica negli stampi e altri prodotti del mare, cosa consumano gli umani! (un altro motivo per diventare VG !!!!!)
Ma la consapevolezza della popolazione sta aumentando di fronte ai rifiuti in questione e sempre più iniziative vengono prese per limitare o addirittura ridurre questi rifiuti, ad esempio riciclando, ad esempio, materiali, rifiuti domestici, prodotti alimentari meno inquinati, la bio, dalla medicina soft, ecc ... sono certamente piccoli flussi, ma che aumentano progressivamente rispetto ai risvegli e ai mezzi sviluppati in questo senso e gli industriali sono, quindi, obbligati seguire il movimento.
È anche il ruolo della transizione energetica per incoraggiare nuovi investimenti; la preoccupazione è che siano redditizi solo a livello microeconomico e in una configurazione piuttosto artificiale.

Esatto, ma le riforme sono sempre in fondo perché senza consumatori non ci sono industrie! È da notare, nelle pubblicità che esprimono gli orientamenti industriali, che l'alluminio, i parabeni e altri coloranti e ammendanti sono stati rimossi dai prodotti per l'igiene, (eccetto nei vaccini, che è contraddittorio, ma l'industria la farmaceutica è la più potente delle industrie su questa terra e gioca sulla paura delle popolazioni con la complicità dei governi) nello stesso modo in cui la bio è installata ovunque (altri mezzi anti-spreco) anche se è con la velocità di una lumaca corse.

Sen no sen
Per il resto il Portogallo produce ancora quasi il 30% della sua elettricità tramite il calore contro il 6% in Francia ...
Ovviamente, qualsiasi transizione energetica può essere fatta solo al ritmo dei mezzi messi in atto e al desiderio di cambiamento. La Francia cammina piuttosto all'indietro o frena entrambi i piedi, non fa avanzare lo schmilblick. Quindi non dobbiamo accontentarci di vedere solo il momento presente, ma proiettarci nel futuro e la quota di combustibili fossili sarà ridotta sempre di più. Ma non è necessario sognare finora, la termica non scomparirà per nulla, lo sforzo è piuttosto quello di ridurre l'inquinamento individuale e industriale.
Ora il consumo di elettricità per abitante non è lo stesso e improvvisamente gli investimenti sono inferiori a 6930 kwh / per persona in Francia contro 4660 in Portogallo.
Meno si consuma e tanto meno è necessario installare le turbine eoliche CQFD ...

Stessa cosa, non pensare solo all'energia eolica! La quota di ENR è in costante aumento e sta anche diversificando. Quindi la quota di energia idroelettrica sull'acqua potrebbe aumentare notevolmente.

Per voi di dimostrare ... che non è un piccolo progetto che cambierà il futuro mix energetico, la tendenza in Francia è piuttosto la decostruzione di alcune dighe a ragione considerati nocivi per la fauna selvatica.

Queste dighe non erano state studiate per lasciare un passaggio alla fauna e di conseguenza alla relativa flora. Allo stesso modo le dighe sono state progettate per la massima efficienza per essere più economicamente connesse alla rete, come i pannelli solari industriali.
Sì, penso che non dovremmo commettere l'errore di confondere il "fai da te" (anche un po 'serio) con la dimensione industriale.
È qui che il problema sta nel vedere solo un'economia energetica basata sulla redditività industriale. Il fai-da-te (a livello di una comunità di villaggio, città, regione) è il futuro grazie a un mix energetico più coerente che a dipendere da un sistema di smaltimento centralizzato dalle sue perdite di energia. Tuttavia, e inevitabilmente, la popolazione deve adattarsi a questo nuovo modello, anche se implica un cambiamento di "comfort" troppo facile.
Ma, ultimo ma non meno importante, non dobbiamo più pensare a uno schema egoistico della società, ma a un livello globale se il nostro modo di vivere e il nostro consumo eccessivo è e rimarrà percorribile con una popolazione ben oltre 10 miliardi di abitanti senza causare un rivoluzione dei meno abbienti che sono già e saranno i più numerosi su questa terra.
0 x
"Noi facciamo la scienza con i fatti, come è una casa con pietre, ma un accumulo di fatti non è più una scienza che un mucchio di pietre è una casa" Henri Poincaré
"L'assenza di prove non è prova di assenza" Exnihiloest




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Le innovazioni per ridurre il consumo di combustibili fossili"

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospite 1