Retour pergamena Stop Modalità automatica

Idraulica, eolica, geotermica, energia marina, biogas ...Flessibilità elettronucleare (escluso il vento soggetto)

Le fonti rinnovabili, ad eccezione (vedi sotto-forum dedicati al di sotto) elettrici o solari termici: eolica, energia marina, l'acqua e l'energia idroelettrica, biomasse, biogas, geotermia profonda ...
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5622
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 222

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda sen-no-sen » 22/01/18, 11:20

Parlare di destino è alquanto pericoloso, nel senso che induce una programmazione mentale, vale a dire l'accettazione di un modello di pensiero da impiantare nel nostro cervello da un insieme di meccanismi culturali.
In breve, significa che un complesso di pensieri (memeplex) determinare per noi il futuro in cui vivremo ... lasciandoci il compito di auto-persuasione dell'inevitabilità di questo futuro!
Dal punto di vista di presentismo il destino sarebbe la traiettoria che un'entità opera nel tempo dello spazio sotto l'effetto di determinismi.

Fuori è economicismo esponenziale e sono una dipendenza materiale il tecnologismo come il più efficace processo a breve termine per dissipare l'energia che è emersa come il modo di pensare dominante.
Pertanto, parlare del destino dell'umanità è alquanto divertente, poiché in uno scenario del genere, il nostro destino deve essere sostituito dall'ospite più efficiente di noi.
Il nostro destino in tal caso sarebbe di finire il processo di terraformazione (che cos'è il riscaldamento globale secondo te?) Prima di sparire ...


l'energia finale dell'universo sarà pari a zero nel lungo periodo. Solo sotto forma di fotoni persi nell'infinito freddo senza possibilità di attingere questa energia perduta per sempre "in questo universo determinato dai suoi parametri cosmologici".


Il livello di energia dell'universo sarà esattamente lo stesso all'inizio come alla fine, è la sua distribuzione nello spazio in vista dell'espansione dell'universo che varierà considerevolmente.
Lo scenario di grande gelo ti stai riferendo a è solo una delle molte ipotesi, il modello più coerente (derivato dalla gravità quantistica) è più in linea con Big Crunch / Big Bounce / Big Bang, cioè un universo in costante ridefinizione.
1 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6820
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 462

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda Ahmed » 22/01/18, 12:52

La nozione di "destino" deve essere manipolata con una pinzetta, perché oscura le cose più di quanto non le illumini. La tua idea, Lilian07, secondo cui "l'uomo" (un altro concetto pericoloso, perché troppo spesso, come qui, essenzializzato) avrebbe questa "missione" dissipare energia, nello stesso modo in cui le altre strutture (che è esatto) non tengono conto né la diversità del futuro umano (altre civiltà hanno scelto altri modi), né l'evoluzione storica, molto meno lineare di quanto suggerisca una retro-proiezione anacronistica.
Ciò che è importante è la rottura con l'economismo esponenziale, molto più dei punti di somiglianza prima di questa fase. Questo è il punto di svolta in cui le difficoltà di costruire una società su obiettivi comuni hanno portato alla rinuncia e alla sottomissione a un organismo esterno e neutrale: il mercato. D'ora in poi, gli uomini non avrebbero argomentato più che in base alla loro pretesa più o meno importante di servire questo feticcio e non avrebbero più dovuto discutere il tipo di stile di vita desiderabile: sono entrati in modalità automatica *. Questo tipo di funzionamento era già esistito in passato, nelle società "primitive", al fine di garantire una certa stabilità (Marcel Gaucher parla in "politiche), ma in questo caso il feticcio ha solo imposto l'osservazione della consuetudine. Ciò che è radicalmente nuovo nel feticcio moderno è che il suo fondamento è l'accumulazione, quindi il cambiamento perpetuo, quindi un dispendio energetico sempre maggiore. Fino a quando questo spiegamento distrugge le possibilità della vita sulla Terra, quella degli uomini, come di molte altre specie ...
Questo risponde, Lilian07, cosa scrivi:
L'uomo è soprattutto un predatore di energia e catturerà l'energia dell'universo per essere in grado di riempire la scatola di levin (Impastato, lievitato?) come un microbo. Com'è diverso dalla legge della selezione naturale e dalla competizione che gli organismi viventi conducono, dissipano sempre più energia.


Questo automatismo degli psicismi dovrebbe naturalmente portare alla macchina e alle sue estensioni. Rinunciando al pensiero, gli uomini moderni presupponevano quella che sarebbe diventata intelligenza artificiale: la macchina può facilmente copiare e superare un'intelligence che è auto-limitante all'espressione del determinismo.
0 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
lilian07
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 468
iscrizione: 15/11/15, 13:36
x 34

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda lilian07 » 22/01/18, 18:41

Scusate per gli errori che scrivo a volte uno smartphone.
Sì, il termine destino è spaventoso perché sottopone una nozione di automatismo programmato, ma consente di dare una spiegazione alla traiettoria evolutiva della specie che "vince" e sopravvive con il controllo dell'estrazione dell'energia del medium.
In questo senso, le specie in natura che risparmiano energia temporaneamente sono altrettanto fortunate di quelle che spendono troppo (la fine dell'era dei dinosauri), sopravvivono solo alle costrizioni temporanee più lunghe del suo avversario per essere in grado di per sfruttare meglio l'energia in seguito. L'economia è solo un mezzo per creare un sottogruppo più efficiente nella competizione "naturale" controllando più energia.
È probabile che le economie più potenti trovino la via prima di altre per avere più energia o per viaggiare nello spazio.
È anche chiaro che l'intelligenza artificiale e le macchine diventano un'estensione delle prestazioni umane al servizio dell'uomo (che è già iniziato con le prime macchine rudimentali) che finirà per essere un cervello. In breve, l'uomo non può fermare questa frenesia perché per lui è una fatalità "programmata" e vediamo anche gli effetti della negazione dei disastri causati dal consumo di energia.
Può anche darsi che in questa visione dei fatti ci siano a volte esempi contro-aneddotici e questo non metta in discussione la legge universale generale della predazione energetica, è un'eccezione che conferma la regola in breve.
Un carnivoro se ha troppa carne lo seppellirà in nome della sua sopravvivenza o meglio della sua stirpe, e non dirà mai che è meglio lasciarlo in piedi.
Per quanto riguarda l'universo, da parte mia, pensavo che ci stessimo muovendo verso un sistema aperto "un'espansione infinita", nel qual caso alla fine dei tempi non ci sarebbe più energia potenziale, quindi più interesse per esseri del Sistema. l'energia è soprattutto un potenziale ed è meglio associare in questo caso un lavoro di forza e quindi uno stato potenziale verso un altro che permetta di trasformare questa energia in elemento utile.

Il nostro destino in tal caso sarebbe quello di finire il processo di terraformazione (che cos'è il riscaldamento globale secondo te?) Prima di sparire ...


Sì, termineremo definitivamente il processo di estrazione di energia dal nostro pianeta per poter colonizzare un altro pianeta se non scomparremo prima, nel qual caso un'altra specie prenderebbe il sopravvento con una migliore disposizione per consumare meglio "resa migliore" alla fine, in breve, senza superare una certa soglia accettabile dall'ambiente.
Questo spiega cosa potrebbe essere il riscaldamento globale, una dissipazione troppo rapida di energia che inquina i suoi ospiti, che frena anche il processo di estrazione e quindi deve contribuire a cambiare il suo organismo parassita ad un migliore controllo della sua estrazione.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 8263
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 98
Contatto:

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda Remundo » 22/01/18, 19:04

per portare alcune idee sull'argomento, Jean Pierre PETIT ha avuto alcune riflessioni rilevanti sull'argomento



In sintesi, l'obiettivo di ogni vita intelligente è aumentare il suo campo di influenza e comunicazione.
1 x
ImmagineImmagineImmagine
sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2048
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 335

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda sicetaitsimple » 22/01/18, 19:11

Beh, Remundo aveva ragione, questo thread diventa tutto ...

Non potresti andare ad abbracciare altrove, intendo su un altro filo?

Bene, un nucleare moderatamente flessibile in questi giorni, ma ancora 48000MW nel buio della notte e il giorno di 56500 in giro.

Serdecznie.
1 x

Avatar de l'utilisateur
Remundo
modérateur
modérateur
post: 8263
iscrizione: 15/10/07, 16:05
Località: Clermont Ferrand
x 98
Contatto:

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda Remundo » 22/01/18, 19:16

Ho quasi sempre ragione, non sbaglio mai, questi sono i mali di 2 della mia vita. : Mrgreen:
0 x
ImmagineImmagineImmagine
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5622
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 222

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda sen-no-sen » 22/01/18, 22:26

sicetaitsimple ha scritto:Beh, Remundo aveva ragione, questo thread diventa tutto ...

Non potresti andare ad abbracciare altrove, intendo su un altro filo?

Bene, un nucleare moderatamente flessibile in questi giorni, ma ancora 48000MW nel buio della notte e il giorno di 56500 in giro.

Serdecznie.


Hai assolutamente ragione!
Ho creato un argomento dedicato:è il futuro dell'umanità davvero nello spazio?
https://www.econologie.com/forums/sciences-et-technologies/l-avenir-de-l-humanite-est-il-vraiment-dans-l-espace-t15522.html
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
sicetaitsimple
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 2048
iscrizione: 31/10/16, 18:51
Località: Bassa Normandia
x 335

Re: Flessibilità elettronucleare (non soggetta ad energia eolica)

Messaggio non luda sicetaitsimple » 22/01/18, 23:01

sen-no-sen ha scritto:
Hai assolutamente ragione!
Ho creato un argomento dedicato:è il futuro dell'umanità davvero nello spazio?


Grazie, è perfetto!

Non credo che questo thread (flessibilità elettro-nucleare) viva molto a lungo, ma quando si tratta di un figlio piuttosto "tecnico" o "fattuale", trovo un peccato ingannarli con entrambi divagazioni verso altri soggetti (Desertec un po 'sopra), sia per considerazioni certamente comprensibili, ma per poco legate al tema di base.

Questa è almeno la regola che cerco di rispettare, a volte imperfettamente!

Serdecznie.
0 x


Di nuovo a "idraulica, eolica, geotermica, energia marina, biogas ..."

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospiti 2