Retour pergamena Stop Modalità automatica

Idraulica, eolica, geotermica, energia marina, biogas ...L'energia eolica: a favore o contro il vento?

Le fonti rinnovabili, ad eccezione (vedi sotto-forum dedicati al di sotto) elettrici o solari termici: eolica, energia marina, l'acqua e l'energia idroelettrica, biomasse, biogas, geotermia profonda ...
lilian07
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 465
iscrizione: 15/11/15, 13:36
x 34

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda lilian07 » 05/01/18, 22:52

Incredibile ... solo essere un'oscillazione perché la navicella e lame tonnellate 7 che già tonnellate 45 nell'aria ... se inizia ad oscillare per motivi di strano vento e "ben" Siamo nelle probabilità Esponente 10 -12 ... la cosa inspiegabile dai calcoli di dimensionamento 3D statici.
un po 'di fatica dei materiali, saldature imperfette e l'incidente unico ....
Quando penso a un 185 VESTAS (9,5 MW) di ultima generazione e 18 GWh / anno con 80 35 m lame per tonnellate ciascuna e un'altezza maggiore gondola alla Torre Montparnasse spaventoso ma non è cadere ....
Annunceremo per breve tempo turbine eoliche fino a 15 MW (pale su 100m lunghe ...) incomprensibili per me.
0 x

moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3399
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 284

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda moinsdewatt » 01/03/18, 22:24

(Francia) Energia eolica: riduzioni tariffarie nette per installazioni future

Da AFP il 28.02.2018

Il prezzo dell'energia elettrica generata dalle future installazioni di turbine eoliche onshore sarà "significativamente inferiore" rispetto al prezzo di acquisto precedente, secondo i primi risultati di un bando di gara pubblicato mercoledì dal governo, che illustra la crescente competitività dell'energia rinnovabile.

"I risultati sono inequivocabili: la maturità e la competitività dell'energia eolica e dell'energia rinnovabile sono una realtà", ha dichiarato il ministro della transizione ecologica e solidale Nicolas Hulot, citato nella dichiarazione.

Ventidue vincitori sono stati selezionati per installare turbine eoliche onshore con una capacità totale di 500 megawatt (MW) e un prezzo medio ponderato di 65,40 euro all'ora megawatt. L'ultimo prezzo di acquisto, definito in 2017, è stato fissato su ordinazione in euro 72 / MWh e riguarda solo installazioni con meno di 18 MW.

Per Marion Lettry, Vice Direttore Generale dell'Unione delle Energie Rinnovabili (SER), questi risultati dimostrano che l'energia eolica "può occupare un posto importante nel mix energetico francese", poiché il governo sta lavorando al Programma energetico pluriennale (PEE), road map delle ambizioni energetiche per i prossimi anni.

Il 500 MW assegnato mercoledì è solo la prima ondata di una gara globale per 3 GW che sarà distribuita su tre anni.

Questa procedura è la prima per il settore dopo la modifica del meccanismo di supporto per l'energia eolica onshore in Francia, avvenuta lo scorso anno.

In precedenza, l'elettricità così prodotta veniva acquistata da EDF ad un tasso definito dalle autorità pubbliche. Ora, sarà venduto al prezzo di mercato, al quale verrà aggiunto un supplemento di retribuzione garantito per vent'anni, i candidati che chiedono il complemento più basso è privilegiato.

Un terzo dei progetti riceverà un bonus per essere stato oggetto di crowdfunding.

- "Necessità di stabilità" -

Questi risultati "porteranno il governo a favorire questa procedura (gara d'appalto) per i progetti futuri ridefinendo la portata dei progetti ammissibili al sostegno sotto forma di bando di gara e prezzo di acquisto" (l ' ex sistema meno competitivo).

Per il SER come per l'energia eolica della Francia, l'associazione che riunisce il settore industriale, questo annuncio è un "segnale negativo" inviato al settore.

"Vogliamo che le cose vengano fatte gradualmente e in consultazione con il settore", ha detto la signora Lettry, ritenendola "importante mantenere questi due dispositivi per assicurare uno sviluppo armonioso del vento in tutto il paese", e non limitato alle regioni più ventose o più accessibili.

"Le parti interessate hanno bisogno di stabilità", ha aggiunto l'energia eolica della Francia, aggiungendo che le attuali normative avevano solo un anno. Secondo l'associazione, l'estensione del sistema di appalti a strutture più piccole rischia di "mettere a repentaglio una serie di progetti".

Queste critiche seguono reazioni più favorevoli a metà gennaio, quando il signor Hulot ha svelato le misure per sollevare i freni sul vento terrestre.

Tra le dieci misure sono state poi presentate, tra cui cambiare la distribuzione dei benefici fiscali, l'aumento della quota che va ai comuni che ospitano le turbine eoliche, e la rimozione di un livello di competenza per i ricorsi, che saranno gestite direttamente dai giudici amministrativi chiamare.

In 2017, le turbine eoliche 1.797 MW sono state collegate alla rete in base al "Panorama dell'elettricità rinnovabile" rilasciato agli inizi di febbraio. "Questo è il miglior anno di sempre", ha reagito all'AFP Jean-Louis Bal, presidente di SER.

https://www.sciencesetavenir.fr/nature- ... ons_121670
1 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5505
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 201

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda sen-no-sen » 17/04/18, 20:56

Aude: le turbine eoliche stanno sull'ultimo respiro di uno Zad

Accanto all'emblematica Notre-Dame-des-Landes, vengono aperte altre "zone da difendere" (Zad) in Francia. Nell'Aude, nel Bouriège e nel Tourreilles, una disputa più confidenziale, con un futuro incerto, ritarda la costruzione di un parco eolico.

I funzionari eletti e le autorità locali, decisi oppositori locali sull'orlo del collasso, e una manciata di zadistes attesa, posizionato al di sotto di un sito senza fiato, è il 6 vento edificio del teatro avviato fa quasi quindici anni. I villaggi di Aude Bouriège, abitanti 130 e Tourreilles, abitanti 125, vicino a Limoux, erano una lontana somiglianza di famiglia Notre-Dame-des-Landes, l'iconica "zona di difesa". La nascita di un piccolo parco eolico al vento con energie verdi è meno spaventosa di un aeroporto che pensa di decollare da una regione


http://www.midilibre.fr/2018/02/04/aude-des-eoliennes-buttent-sur-le-dernier-souffle-d-une-zad,1623619.php

Un soggetto in qualche modo micro-marciapiedi ma che offre una panoramica delle opposizioni future più o meno cittadini contro i progetti di transizioni ecologiche ... e che rimandiamo alle nostre contraddizioni.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Avatar de l'utilisateur
nico239
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1316
iscrizione: 31/05/17, 15:43
Località: 04
x 154

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda nico239 » 18/04/18, 16:09

Sì, ci chiediamo perché lo promuoviamo così tanto perché nessuno lo vuole ..... a casa (a casa del vicino nessun problema d'altro canto). : Mrgreen:
0 x
"Uno strumento che non consuma energia e rispetta il suolo che cosa è? Ben è uno strumento che non fa nulla "(conferenza citazione François Mulet)
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5505
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 201

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda sen-no-sen » 18/04/18, 19:48

Energy General Electric ha annunciato l'intenzione di avviare la produzione di una turbina eolica 12 MW. Sarà la macchina più potente sul campo. Chiamato Haliade-X, raggiungerà il picco a 260 metri di altezzae sarà costituito da un rotore di 220 metri, lame di 107 metri di lunghezza e avranno una superficie scansionata di 38.000 m2. Queste caratteristiche dovrebbero dargli un fattore di carico 5 nei punti 7 sopra le turbine attualmente disponibili sul mercato.

https://www.actu-environnement.com/ae/news/general-electric-eolienne-haliadex-30758.php4

Presto l'altezza della Torre Eiffel?

Interessante notare ancora una volta che le leggi della meccanica statistica si applicano al settore dell'energia eolica, una strategia r (molte piccole turbine eoliche) sviluppate da avviare ora passiamo a una strategia K (dispositivi molto grandi) trasportati dai monopoli dell'industria e dell'energia.
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3399
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 284

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda moinsdewatt » 07/05/18, 21:34

Mingyang installa "la più grande turbina eolica anti-tifone"

Pubblicato 07 / 05 / 2018 lemarin.fr

"La più grande turbina eolica al mondo resistente ai tifoni. Ecco come l'energia eolica di Mingyang qualifica la sua nuova turbina eolica MySE.5-155.

La turbina, con capacità 5,5 MW, è appena stata installata nella provincia del Fujian, in Cina. È la prima delle due turbine Mingyang ad aderire al parco eolico offshore 79,4 MW del Fujian Xinghua, secondo quanto riferito dai media locali. Secondo Mingyang, il design della turbina è ispirato all'industria aerospaziale. È più leggero e di dimensioni ridotte rispetto ad altre turbine eoliche di capacità simile. La lunghezza delle sue lame è di metri 76,60.

La stagione degli uragani in Cina va da giugno a ottobre. Il rischio del tifone è particolarmente importante nel sud del paese.

Immagine
La turbina, con capacità 5,5 MW, dovrebbe sopportare i cicloni. (Foto: energia eolica del Mingyang)

http://www.lemarin.fr/secteurs-activite ... contre-les
0 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3399
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 284

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda moinsdewatt » 20/05/18, 14:14

Les éoliennes Britanniques on fourni plus d' électricité au 1er trimestre 2018 que leur 8 centrales nucléaires !
Soit 18.8 % de la production électrique du T1, en seconde position derrière le Gaz


Wind power overtakes nuclear for first time in UK across a quarter

Maggio 16, 2018 evwind

Britain’s windfarms provided more electricity than its eight nuclear power stations in the first three months of 2018, marking the first time wind has overtaken nuclear across a quarter.

The renewable energy industry hailed the milestone as a sign the UK was well on its way to an electricity system powered by cheap, domestic green energy.

Across the first quarter, wind power produced 18.8% of electricity, second only to gas, said a report by researchers at Imperial College London.

At one point overnight on 17 March, wind turbines briefly provided almost half of the UK’s electricity. Wind power helped during the cold snaps, too, supplying 12-43% of electricity during the six subzero days in the first three months of the year.

Two nuclear plants were temporarily offline for routine maintenance, while another was shut because of seaweed in the cooling system.
................

https://www.evwind.es/2018/05/16/wind-p ... rter/63447
0 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3399
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 284

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda moinsdewatt » 31/05/18, 15:05

Une éolienne détruite suite à un éclair. en UK.

£1m wind turbine bursts into flames after lightning strike

30 maggio 2018

Immagine

Fire crews are at the scene of the blaze at Ransonmoor wind farm, near Doddington, following the lightning strike in the early hours of the morning.

Former fireman David Oldale, who woke up to receive a phone call from his daughter who lives in a farm house next door to the wind turbine, said: “I would leave it, it’s too dangerous, I’d let it go.

“It started in the motor room where the turbine is at several hundred feet.

“It’s gradually burning down the tower; all the bits are dropping off.

“The fire crews are still here and I think they are going to let it burnt out, because there’s nothing else they can do really.”

Ransonmoor wind farm is located in the Fens of Cambridgeshire. The Fenpower project generates enough power each year to supply the electricity needs of 6,600 UK homes and contributes annually to a community benefit fund to support a variety of valuable local initiatives.

http://www.edp24.co.uk/news/fens-wind-t ... -1-5539825

Immagine
http://www.itv.com/news/anglia/2018-05- ... idgeshire/
0 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3399
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 284

Re: Wind: a favore o contro il vento?

Messaggio non luda moinsdewatt » 15/06/18, 19:53

Valorem inaugure son nouveau parc éolien dans le Tarn

MARINA ANGEL le 15/06/2018 Usine Nouvelel

L'opérateur en énergies renouvelables Valorem inaugure son nouveau parc éolien à Albine, dans le Tarn. Un investissement de 29 millions d'euros pour une puissance installée de 16 MW.

Immagine
Le nouveau parc éolien à Albine : un ensemble de huit éoliennes, dressées sur une ligne d'un peu plus de 1,5 kilomètre pour une puissance totale cumulée de 16 MW.

Le groupe Valorem, dont le siège est à Bègles (Gironde), inaugure vendredi 15 juin son nouveau parc éolien à Albine, dans le Tarn : un ensemble de huit éoliennes, dressées sur une ligne d'un peu plus de 1,5 kilomètre, sur des terrains municipaux, pour une puissance totale cumulée de 16 MW. L'opération, dont le chantier a été engagé en juillet 2016, aura nécessité un investissement total de 29 millions d'euros. Il s'agit du second parc éolien mis en service par Valorem dans le Tarn, après le raccordement dès 2009 d'un parc à Arfons, qui compte 11 éoliennes pour une puissance de 22 MW.

De nouveaux projets dans l'Aude, la Haute-Garonne, le Tarn et le Tarn-et-Garonne.

Pour le parc d'Albine, il aura fallu plus de 17 ans de persévérance. Les premières études pour l'implantation de ce parc éolien remontent en effet au début des années 2000 et les autorisations administratives ont été obtenues dès 2007. Mais c'était sans compter les nombreux recours qui ont reporté le lancement du projet pendant près de 10 ans. Pas de quoi décourager Valorem qui prévoit de lancer un nouveau chantier dès 2019 dans le secteur de Limoux, dans l'Aude, pour un ensemble de 12 éoliennes (45 millions d'euros prévus pour une puissance totale de 28 MW). Dans la foulée, deux autres chantiers seraient déjà programmés pour 2020, l'un dans le Tarn et le second dans le Tarn-et-Garonne.

En parallèle, la société girondine, engagée depuis une dizaine d'année dans une diversification en direction d'autres ENR (petite hydroélectricité, photovoltaïque, méthanisation...), s'apprête aussi à lancer, dès juillet 2018, deux nouveaux chantiers de parcs solaires au sol en Occitanie, l'un à Alzonne, dans l'Aude, pour 4 MWc (4,5 millions d'euros) et le second à Noé, dans la Haute-Garonne, pour 2,5 MWc (3 millions d'euros). "Nous sommes également en attente des résultats du prochain appels à projets de la CRE, prévus pour juillet prochain, pour deux autres parcs solaires, de 5 MWc chacun, que nous souhaitons réaliser, l'un dans la Haute-Garonne et l'autre dans le Tarn-et-Garonne", confie Frédéric Petit, responsable de l'agence Valorem de Carcassonne (Aude), en charge des projets sur la région Occitanie.

Valorem a réalisé un chiffre d'affaires de 74,5 millions d'euros en 2017 et emploie un peu plus de 200 salariés, avec trois agences à Carcassonne, Amiens (Somme) et Nantes (Loire-Atlantique), deux centres de maintenance à Caen (Calvados) et Reims (Marne) et une implantation en Guadeloupe.


https://www.usinenouvelle.com/article/v ... rn.N707419
0 x


 


  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "idraulica, eolica, geotermica, energia marina, biogas ..."

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospiti 2

Ricerche più frequenti