Retour pergamena Stop Modalità automatica

I combustibili fossili: petrolio, gas, carbone, nucleare (fissione e fusione)Torio: il futuro dell'energia nucleare?

Petrolio, gas, carbone, nucleare, PWR, EPR, fusione calda, ITER, termica, cogenerazione, trigenerazione. Peakoil, esaurimento, economia, tecnologie e strategie geopolitiche.
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 47079
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 415
Contatto:

Torio: il futuro dell'energia nucleare?

Messaggio non luda Christophe » 16/02/14, 14:14

abbondanti risorse con alto potenziale energetico, minore quantità e pericolosità dei rifiuti: torio potrebbe sostenere lo sviluppo di una nuova centrale nucleare, ma che il minerale visto dai suoi sostenitori come il "verde" nucleare non è necessariamente un proiettile d'argento.

Immagine

"Il torio è tre o quattro volte più abbondante nella crosta di uranio, in particolare nei paesi che potrebbero costruire reattori in futuro, come l'India, il Brasile e la Turchia", dice Marta Crawford -Heitzmann, direttore della ricerca, sviluppo e innovazione del gigante nucleare francese Areva.

"In caso di nuova costruzione del reattore, questi paesi potrebbero chiedere a noi per soluzioni a torio", aggiunge.

Areva ha firmato con il belga Solvay nel mese di dicembre, un accordo che prevede un programma di ricerca e sviluppo per indagare lo sfruttamento di questo potenziale minerali come combustibile delle centrali nucleari.

reattori torio sperimentali sono stati costruiti negli anni metà 1950, ma la ricerca tra parentesi a favore di uranio.

"Sono stati motivati ​​dal timore di una carenza di uranio. Poi hanno rallentato, in particolare in Francia, dove è stato in grado di chiudere il ciclo dell'uranio mediante l'attuazione di un sistema di riciclaggio del combustibile esaurito ", secondo la signora Crawford Heitzmann.

Se lo spettacolo di ricerca oggi è perché l'abbondanza della risorsa gioverebbe alcuni paesi, come l'India, con circa un terzo delle riserve mondiali, è chiaramente impegnata al percorso di torio parte del suo ambizioso programma di sviluppo nucleare civile.

Tuttavia, nessun sconvolgimento per la Francia in una nuclearizzato. "Molti paesi hanno investito miliardi e miliardi di euro in infrastrutture industriali che dipendono da uranio. Essi cercano di assorbire e non vogliono sostituirsi ad esse, "la signora Crawford Heitzmann.

I benefici non sono sufficientemente decisive per immergersi. "L'interesse di torio ha senso solo nei reattori molto innovative, come ad esempio sali fusi, che sono ancora in fase di studio di carta", come il leader del progetto Sylvain David CNRS, lavorando su un progetto del genere l'Istituto di fisica nucleare Orsay.

Evoluzione piuttosto che rivoluzione

svantaggio principale di torio non è fissile naturalmente, a differenza l'uranio 235 utilizzato nei reattori attuali. È solo dopo l'assorbimento di un neutrone produce un materiale fissile, l'uranio 233 necessaria per iniziare la reazione a catena nel reattore. Per avviare un ciclo di torio, quindi è necessario uranio o plutonio (dall'attività delle piante).

"Inoltre ci vorranno diversi decenni per accumulare materiale fissile sufficiente per essere in grado di avviare un ciclo", dice la Commissione per l'Energia Atomica (CEA).

I rischi non sono pari a zero. Certamente, il torio carburante fondono a una temperatura più elevata, ritardando il rischio di fusione del nocciolo del reattore in caso di incidente. "Ma non possiamo dire che questo è il ciclo di magia dove c'è più rifiuti, più rischio, più Fukushima", dice David.

L'uranio 233 è fortemente irradia, che richiederebbe "molto più complicata piante, con schermatura per soddisfare le norme di protezione dalle radiazioni", secondo il CEA.

Per quanto riguarda dicendo che il rifiuto è meno radioattivo, "questo non è vero: la radioattività è più basso in certi momenti, e più forte di altri. Non vi è un vantaggio assolutamente decisivo a questo proposito. "

Risultato: la produzione di energia industriale attraverso torio non è per domani.

"Non credo che ci sarà reattori prima 20 o 30 anni. E questo sarà graduale, oltre a ciclo chiuso ", prevede Martha Crawford Heitzmann. Soprattutto con il ciclo uranio-plutonio chiuso ", la risorsa nucleare è assicurato per secoli."

In questo contesto, il CEA sta sviluppando un prototipo di reattore a neutroni veloci di sodio raffreddato, chiamato "Astrid", che grazie alla dell'uranio 238 permette più volte e anche il plutonio per la produzione di più di lui consumata da "reattore autofertilizzante veloce".

L'oro, l'uranio rappresenta 238 99,3% del minerale di uranio e di "grandi quantità sono stati estratti dalle miniere, non sappiamo cosa fare", dice David.


http://www.20minutes.fr/planete/1300034 ... aire-futur
1 x
Questo forum è stato utile o consigliabile? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!

Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5575
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 211

Messaggio non luda sen-no-sen » 16/02/14, 14:36

Questa non è una novità, lo sviluppo delle 4 reattori generazioni torio è a lungo atteso, manca solo una crisi energetica e la scelta sarà presa al più presto ...
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
Avatar de l'utilisateur
Cuicui
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3547
iscrizione: 26/04/05, 10:14
x 1

Messaggio non luda Cuicui » 16/02/14, 15:16

sen-no-sen ha scritto:Questa non è una novità, lo sviluppo delle 4 reattori generazioni torio è a lungo atteso, manca solo una crisi energetica e la scelta sarà presa al più presto ...
Perché non la fusione dell'idrogeno-boro? Nessuno spreco, molto poco radiazioni, combustibile abbondante, la tecnologia rustico.
0 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5575
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 211

Messaggio non luda sen-no-sen » 16/02/14, 15:44

Cuicui ha scritto:
sen-no-sen ha scritto:Questa non è una novità, lo sviluppo delle 4 reattori generazioni torio è a lungo atteso, manca solo una crisi energetica e la scelta sarà presa al più presto ...
Perché non la fusione dell'idrogeno-boro? Nessuno spreco, molto poco radiazioni, combustibile abbondante, la tecnologia rustico.


Proprio perché questa tecnologia non è ancora sufficientemente matura!
Ma in realtà è previsto fusione ha termine sostituisce fissione.

Un piccolo schema
Immagine

Immagine

ITER nel anatra zoppa, ma di certo competere progetti fornirà risultati nel corso dei secoli (macchine ZR?)
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.
RégsB
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 67
iscrizione: 26/04/14, 13:33

Torio e RSF

Messaggio non luda RégsB » 26/04/14, 14:03

Buongiorno,

Sono interessato alla recente giorni torio. La tecnologia associata reattore sali fusi sembra essere un buon miglioramento rispetto alla corrente e anche la successiva tecnica (EPR).
Tra i vantaggi che conservano: RSF questi sono così stabile che non c'è bisogno di piano di evacuazione. Qualcuno potrebbe anche essere progettato per consumare una grande parte dei rifiuti "a caldo" di impianti esistenti.
Penso che non è affatto male!
0 x

Philippe Schutt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1520
iscrizione: 25/12/05, 18:03
Località: Alsazia
x 7
Contatto:

Messaggio non luda Philippe Schutt » 26/04/14, 20:10

Memoria Superphénix utilizzato sodio fuso ed è stato arrestato a causa di perdite di ripetere in questo circuito. Infine, a seguito del parere della pressione pubblica a causa di questi fallimenti.
Questi problemi di perdite erano apparentemente risolti lo scorso anno, e le conoscenze acquisite.

Tuttavia, rilanciare questo settore di sodio come liquido di raffreddamento sembra dubbio, date le caratteristiche di questo prodotto. Come minimo dovrebbe essere non infiammabile!
0 x
RégsB
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 67
iscrizione: 26/04/14, 13:33

Messaggio non luda RégsB » 26/04/14, 21:38

Buonasera,

Precisamente, questi RSF non utilizzare il sodio liquido che esplode a contatto con aria o acqua, ma il fluoro che è senza questi inconvenienti più a pressione atmosferica normale.
Quindi una padronanza molto più facile per il progetto ASTRID studiato dal CEA e AREVA ora.
0 x
Philippe Schutt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1520
iscrizione: 25/12/05, 18:03
Località: Alsazia
x 7
Contatto:

Messaggio non luda Philippe Schutt » 27/04/14, 09:13

ah? Io non sono al corrente, allora ...
Devo vedere cosa compound hanno usato, in quanto puro fluoro è piuttosto peggio.
0 x
RégsB
Capisco econologic
Capisco econologic
post: 67
iscrizione: 26/04/14, 13:33

Messaggio non luda RégsB » 27/04/14, 09:52

Ciao,

Da quello che ho letto, il sale fluoruro è bollente (circa 700 ° C), nel cuore del reattore. Un incidente come lo scioglimento del reattore se raffreddamento così poco non accada : Mrgreen:
Se il fallimento o lo svuotamento del cuore c'è, succede solo per gravità, lasciando una presa di sale fuso congelato da un dispositivo di raffreddamento. Il flusso è in molti bacini che rendono la ricerca del possibile reazione. Lì, il liquido si raffredda tranquillamente, solo solidificazione.

Un buon sito web sul tema:

http://energieduthorium.fr/
0 x
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5575
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 211

Messaggio non luda sen-no-sen » 27/04/14, 11:11

RégsB ha scritto:Ciao,

Da quello che ho letto, il sale fluoruro è bollente (circa 700 ° C), nel cuore del reattore. Un incidente come lo scioglimento del reattore se raffreddamento così poco non accada : Mrgreen:
Se il fallimento o lo svuotamento del cuore c'è, succede solo per gravità, lasciando una presa di sale fuso congelato da un dispositivo di raffreddamento. Il flusso è in molti bacini che rendono la ricerca del possibile reazione. Lì, il liquido si raffredda tranquillamente, solo solidificazione.

Un buon sito web sul tema:

http://energieduthorium.fr/



C'è anche la tecnologia PBMR o modulare reattore a letto di ciottoli.

bar uranio tradizionale sono sostituiti qui dalle sfere di grafite contenenti combustibile radioattivo, liquido di raffreddamento è un elio inerte o tipi di gas di azoto, che fornirà il massimo rischio di collasso del cuore.
La tecnologia è stata THTR degli anni 80, è attualmente riesaminato al MIT.
Ma questo non cambia il problema spinoso dei rifiuti!
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.


Torna "I combustibili fossili: petrolio, gas, carbone, nucleare (fissione e fusione)"

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospite 1