Retour pergamena Stop Modalità automatica

Rifiuti, riciclo e riutilizzo di vecchi oggettiLa plastica è (non così) grande!

L'impatto ambientale dei prodotti a fine vita: materie plastiche, prodotti chimici, veicoli, marketing agroalimentare. riciclaggio diretta e riciclaggio (upcycling o upcycling) e il riutilizzo di buoni articoli per la spazzatura!
Avatar de l'utilisateur
sen-no-sen
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 5615
iscrizione: 11/06/09, 13:08
Località: Alta Beaujolais.
x 221

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda sen-no-sen » 27/03/18, 17:58

Il grande vortice di rifiuti plastici del Pacifico settentrionale è molto più grande del previsto

Per anni, gli scienziati hanno seguito un grande accumulo di detriti, per lo più pezzi di plastica nel Pacifico settentrionale, chiamato Great Pacific Garbage Patch o "trash vortex" (gpgp in inglese per Great Pacific galleggiante Patch di immondizia). Quest'area, secondo le ultime ricerche, contiene molta più plastica di quanto suggerito nei precedenti sondaggi ... e continua a crescere.

Il gpgp contiene tonnellate 79 000 (tonnellate 87 000) di plastica, a 10 16 volte di più rispetto alle stime precedenti, secondo una nuova ricerca pubblicata questa settimana. Inoltre, l'inquinamento di plastica all'interno delle gpgp "aumenta in modo esponenziale e ad un ritmo più veloce in modo che le acque circostanti", dicono i ricercatori. Per i molti animali marini che abitano questa vasta regione oceanica, questo è uno sviluppo terribile.

Il vortice di rifiuti è un'area di 1,6 milioni di chilometri quadrati tra Hawaii e California. Lì, detriti galleggianti, che vanno da particelle microscopiche di plastica a pezzi di grandi dimensioni come corde e reti da pesca, sono trasportati dalle correnti e si accumulano. Aree simili esistono in altri oceani.

I ricercatori hanno raccolto dati da rilievi aerei e reti trainati da navi e li hanno integrati in un modello computerizzato. Quindi, hanno stimato che ci sia circa un chilogrammo di plastica per chilometro quadrato nelle regioni esterne e che raggiunga più di 100 kg / km2 vicino al centro.

http://www.gurumed.org/2018/03/23/le-grand-vortex-de-dchets-plastique-du-pacifique-nord-est-beaucoup-plus-important-que-prvu/
0 x
"Genius talvolta si compone di sapere quando smettere" Charles De Gaulle.

moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 09/04/18, 20:08

Il corpo di un capodoglio riempito con 29 di kg di rifiuti si arenata in Spagna

Da Anne-Sophie Tassart il 09.04.2018

La regione spagnola di Murcia ha riferito che un cetaceo si era arenato sulle sue rive. Secondo l'autopsia, l'animale ha consumato chili di rifiuti 29.
Il consumo di materie plastiche e inquinamento dell'ambiente marino ha fatto un'altra vittima. In una dichiarazione rilasciata aprile 4 2018, regione di Murcia nel sud-est della Spagna rivela che il corpo di un capodoglio (chiamato anche Grande cachelot, Physeter macrocephalus il suo nome scientifico) è stato trovato vicino al faro Cabo de Palos febbraio 27. "

Dopo essere stato rimosso dalla spiaggia, l'animale era autopsia "dice alle autorità spagnole. Sulla base della revisione, si trattava di un maschio metri 10 di lunghezza." Durante la revisione interna, è stato rilevato nel suo apparato digerente (stomaco e intestino) 29 kg di rifiuti marini ", tra cui sacchetti di spazzatura, pezzi di reti, o una lattina. Secondo gli esperti, la balena avrebbe ceduto alla presenza di questo tipo di rifiuti nella sua organizzazione. Questi materiali "potrebbe aver causato la sua morte a causa di una peritonite o occlusione del sistema digerente a causa della incapacità di espellerli", dice la nota.

Il capodoglio è una specie vulnerabile secondo IUCN

Il Ministero del Turismo, Cultura e Ambiente ha deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione per ridurre il consumo di plastica e la loro immissione in aree naturali. Da parte sua, Consuelo Rosauro, direttore regionale per gli ambienti naturali ha spiegato che "la presenza di plastica negli oceani e nei mari è una delle più grandi minacce per la conservazione della vita selvatica in tutto il mondo. Molti animali sono intrappolata da rifiuti o ingerire grandi quantità di plastica che finiscono per causare la loro morte. e la regione di Murcia non è estraneo al problema che ci troviamo di fronte con l'azione di pulizia e soprattutto attraverso la sensibilizzazione dei cittadini " . La specie Physeter macrocephalus è classificato come "vulnerabile" l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) e anche dal Real Decreto 139 / 2011.

https://www.sciencesetavenir.fr/animaux ... gne_122894
0 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 26/04/18, 22:48

Registrare il tasso di microplastica nell'Oceano Artico

I ricercatori hanno trovato fino a 12 000 particelle per litro congelate nel pack.

IL MONDO 25.04.2018 Di Sylvie Burnouf

Fino a 12 000 particelle microplastiche per litro: la cifra è così grande che difficilmente possiamo crederci, ma questo è quello che i ricercatori dell'Istituto Alfred-Wegener hanno trovato per la ricerca polare e marina (AWI, Germania) sciogliendo campioni di ghiaccio marino prelevati nella zona artica.

A bordo della Polarstern rompighiaccio loro ricerca, hanno condotto tra il 2014 e 2015 tre spedizioni, la raccolta di carote di ghiaccio lungo la deriva transpolar (un grande oceano corrente artica) e Stretto fram (all'incrocio tra la centrale artico e settentrionale), al fine di caratterizzare il contenuto e la composizione in microplastiche.

I loro risultati, pubblicati su 24 in Nature Communications di aprile, sono sbalorditivi: nessuna delle cinque aree analizzate erano contaminanti vergini. Come ad esempio i cocktail congelati, blocchi di ghiaccio contenevano residui di diciassette tipi di materie plastiche, tra cui polietilene e polipropilene (utilizzato soprattutto nella confezione), vernice, acetato di cellulosa (da filtri sigaretta), nylon e poliestere. Con un 1 100 per 12 000 microdebris totale per litro di acqua ghiacciata - di gran lunga superiori a quelle che si trovano più rate, anche se alcune differenze metodologiche limitano confronti diretti.

Settimo continente


Queste particelle sono state trasportate lì dalle correnti oceaniche, spiegano i ricercatori. E, "Con la produzione di plastica globale che si avvicina a 300 milioni di tonnellate all'anno, non c'è da meravigliarsi che non ci sia più spazio risparmiato", afferma Johnny Gaspéri, docente presso il laboratorio di acqua, ambiente ed energia. sistemi urbani (LEESU, Università Paris-Est-Créteil).

Il ghiaccio del branco si accumula, sia all'inizio della sua formazione che quando si espande mentre si sposta con le correnti artiche. Infatti, a seconda dell'area di campionamento, la composizione in microplastica variava, e anche la loro provenienza. Grazie a dati satellitari accoppiati a modelli di formazione di ghiacciai termodinamici, i biologi sono stati in grado di tracciare il percorso dei loro campioni e quindi identificare possibili fonti di inquinamento.

Ad esempio, gli alti livelli di polietilene osservati in alcune zone dell'Artico potrebbero, dicono, provenire dal settimo continente, la gigantesca massa di plastica che galleggia nell'Oceano Pacifico. I residui di vernice e nylon sembrano essere il risultato dell'inquinamento locale indotto dall'uomo - in particolare la decomposizione degli scafi dipinti di barche e reti da pesca - a suggerire che lo sviluppo di questi attività nell'Artico "lascia tracce", secondo i termini di Ilka Peeken, il primo autore dello studio.

Se le microplastiche sono definite da una dimensione inferiore a cinque millimetri, due terzi di quelli presi durante le spedizioni del Polarstern misuravano al massimo un ventesimo di millimetro. "Ciò significa che potrebbero facilmente essere ingeriti dai microrganismi artici, come i ciliati oi copepodi [il componente principale dello zooplancton]", afferma Ilka Peeken.

Quali sono gli impatti sull'ambiente e sulla salute? La ricerca sull'argomento è agli inizi. Per ora, "nessuno può dire con certezza quanto minuscole queste particelle di plastica possano essere pericolose per la vita marina più di quanto si possa sapere per gli umani", dice Ilka Peeken.

Tuttavia, piena Françoise Amélineau, biologo presso l'Istituto ambiente Littoral e le società (LIENSs, Università di La Rochelle), sappiamo che "la plastica tendono a fissare gli inquinanti" e che ci sia un fenomeno di cui "biomagnificazione" la concentrazione di inquinanti aumenta in ogni fase della catena alimentare. Tanto più che le microplastiche "congelate" non restano intrappolate nel ghiaccio del pack: finiscono per essere rilasciate dopo alcuni anni. Con, in un modo o nell'altro, un probabile ritorno ai nostri paesi.

http://www.lemonde.fr/pollution/article ... 52666.html
1 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 31/05/18, 21:39

In Europa, plastica usa e getta alla fine della vita

Olivier Cognasse Factory Nuovo il 31 / 05 / 2018

L'Europa ha deciso di affrontare l'inquinamento dei mari. La Commissione vuole vietare una dozzina di prodotti in plastica monouso da 2022. La Francia vuole andare ancora oltre.

L'Europa sta affrontando rifiuti di plastica che inquinano e asfissiano gli oceani e i mari. Si rivolge a dieci prodotti in plastica monouso che finiscono troppo spesso sulle spiagge, compresi i batuffoli di cotone, le posate, i piatti, le cannucce, i bastoncini per bevande e le bacchette di plastica. Dovranno essere fatti con materiali più durevoli. Per i contenitori per bevande monouso, saranno permessi solo se i loro coperchi e coperchi rimarranno attaccati al contenitore.

I rifiuti di plastica inquinano i nostri oceani e i nostri terreni.

Questi prodotti rappresentano ora il 70% di tutti i rifiuti marini. L'Europa vorrebbe applicare questa nuova direttiva in 2022.

La Francia vuole andare oltre

In Francia, alcuni di questi prodotti saranno vietati in Francia già a gennaio 1er 2020. E il governo intende andare oltre rimuovendo le microsfere di plastica nei cosmetici e impostando un obiettivo di 100 per imballaggi riciclabili 2025.

https://www.usinenouvelle.com/article/l ... ie.N700904
0 x
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 03/06/18, 13:42

Thailandia: la balena pilota muore dopo aver ingerito i sacchetti di plastica 80

2 2018 giugno

Una balena pilota (pilot whale) è morto dopo aver bevuto più di sacchetti di plastica 80 nel sud della Thailandia, hanno detto i funzionari, dopo un vano tentativo di salvare il mammifero.

Immagine
Una squadra di veterinari ha cercato di salvarla "ma alla fine la balena è morta". AFP

La Thailandia è uno dei maggiori consumatori di borse di plastica al mondo, uccidendo centinaia di creature marine ogni anno che vivono vicino alle affollate spiagge del paese.

Il cetaceo della famiglia Delphinidae, un giovane maschio, è l'ultima vittima trovata a malapena vivo vicino al confine con la Malesia, ha detto il Ministero delle risorse marine e costiere sulla sua pagina Facebook sabato.

Una squadra di veterinari ha cercato di salvarla "ma alla fine la balena è morta". Venerdì pomeriggio, il messaggio continua.

Secondo l'autopsia, l'animale aveva nello stomaco dei sacchetti di plastica 80 che pesavano circa otto chilogrammi, ha detto il ministero.

Il cetaceo aveva vomitato cinque sacchetti di plastica durante l'operazione di salvataggio.

Queste borse hanno impedito l'avanzamento dei mammiferi su altri alimenti nutrienti, secondo Thon Thamrongnawasawat biologo e docente presso Kasetsart University di Bangkok.

Alla animali marini meno 300 tra cui balene, tartarughe marine e delfini muoiono ogni anno in acque thailandesi dopo aver ingoiato plastica, dettagliata Thon Thamrongnawasawat.

http://www.liberation.fr/planete/2018/0 ... ue_1656202
0 x

Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 47151
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 434
Contatto:

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda Christophe » 24/07/18, 19:25

Alcune figure in un'immagine per (ri) mettere in ordine di grandezza ... la plastica non è affatto STATA, al contrario ...

https://www.novethic.fr/actualite/infog ... 46089.html


infog_plastique.png
0 x
Questo forum è stato utile o consigliabile? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 11/08/18, 14:30

La Nuova Zelanda vieta i sacchetti di plastica monouso

Agosto 10 2018

La Nuova Zelanda ha annunciato venerdì il graduale divieto di sacchetti di plastica monouso il prossimo anno, propagandato come un "passo significativo" per ridurre l'inquinamento.

"Centinaia di milioni" di questi sacchetti vengono usati ogni anno, ha detto il primo ministro Jacinda Ardern, ricordando le loro disastrose conseguenze ambientali, specialmente sulla vita marina.

"Abbiamo bisogno di essere molto più intelligenti nel modo in cui gestiamo i rifiuti, ed è un buon inizio", ha aggiunto.

"Stiamo iniziando il rilascio graduale di borse di plastica monouso per curare meglio il nostro ambiente e proteggere la reputazione pulita e verde della Nuova Zelanda", ha detto il Premier laburista, la cui coalizione include anche il Partito dei Verdi. .
.........


https://www.google.fr/amp/s/actu.orange ... 15AjE8.amp
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 47151
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 434
Contatto:

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda Christophe » 13/08/18, 15:59



Questo non è vero!
0 x
Questo forum è stato utile o consigliabile? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!
moinsdewatt
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 3546
iscrizione: 28/09/09, 17:35
Località: Isére
x 304

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda moinsdewatt » 14/08/18, 11:50

Burundi annuncia la fine dei sacchetti di plastica in un anno e mezzo
Di AFP, pubblicato 14 / 08 / 2018

"La produzione, l'importazione, la conservazione, la vendita e l'uso di tutti i sacchetti di plastica e di altri imballaggi di plastica sono proibiti", secondo questo testo firmato dal sig. Nkurunziza.

"Un periodo di grazia dei mesi 18 è garantito, dall'entrata in vigore del presente decreto, per disporre delle scorte disponibili e degli ordini già effettuati", afferma il testo.
......

https://www.google.fr/amp/s/www.lexpres ... 7.amp.html
0 x
Avatar de l'utilisateur
Christophe
modérateur
modérateur
post: 47151
iscrizione: 10/02/03, 14:06
Località: pianeta Serre
x 434
Contatto:

Re: La plastica è (non così) grande!

Messaggio non luda Christophe » 14/08/18, 14:33

Quando ero negli Stati Uniti in 2002, i sacchetti di plastica erano già quasi inesistenti, tutto era in un sacchetto di carta tipo "Kraft" ...

Questa pratica non è affatto recente: basta guardare alcuni film 80 con scene di corse (nessuna macchina eh..Ok esco) ...

In breve, sulle borse di plastica gli Stati Uniti mostrano il buon esempio (e per molto tempo supponiamo che abbiano usato un giorno ... non in!)
0 x
Questo forum è stato utile o consigliabile? Aiutalo anche lui così può continuare a farlo! Gli articoli, analisi e download da parte editoriale del sito, pubblicare il vostro! Esaurisci (in parte) i tuoi risparmi dal sistema bancario, compra le cripto-valute!


Di nuovo a "rifiuti, il riciclaggio e il riutilizzo di vecchi oggetti"

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospite 1