Retour pergamena Stop Modalità automatica

Agricoltura: problemi e l'inquinamento, le nuove tecnologie e soluzioniLe Potager du Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Agricoltura e suolo. controllo dell'inquinamento, bonifica dei terreni, humus e nuove tecniche agricole.
Avatar de l'utilisateur
Did67
modérateur
modérateur
post: 12936
iscrizione: 20/01/08, 16:34
Località: Alsazia
x 4391

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda Did67 » 21/09/18, 16:22

Non spingo per il "consumo" del libro - vende molto bene in questo modo. È ancora, in questo momento, i libri di giardinaggio più venduti nel giardinaggio e nella sezione co di Amazon ... Non avrei difficoltà a riassumere queste pagine 1 100, ma ho avuto un momento difficile per adattarsi alle pagine 300 del libro: il Potager du Sloth ("PP" per l'intimo) non è una ricetta. E ancor meno una semplice ricetta.

Per la tua domanda principale: vicino al tuo albero, e a fortiori di seguito, puoi fare quello che vuoi, rimarrà meschino. Il primo combustibile della vita è la luce. L'albero non è male (anche se i tuoi occhi ti ingannano, si "accontentano" e ti fanno pensare che sia chiaro). Il secondo è CO² e acqua, i materiali principali da cui è costruita la vita. Non manca il CO², ma sotto l'albero i funghi associati alle radici di quest'ultimo sono molto più potenti dei tuoi ortaggi ...

Quindi è gravemente escluso. E a questo, nessuna soluzione miracolosa. In ogni caso, da parte mia, non ti prometterò alcun miracolo. Puoi provare Lourdes!
1 x

Moindreffor
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1093
iscrizione: 27/05/17, 22:20
Località: confine tra Nord e Aisne
x 242

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda Moindreffor » 21/09/18, 17:37

Did67 ha scritto:Non spingo per il "consumo" del libro - vende molto bene in questo modo. È ancora, in questo momento, i libri di giardinaggio più venduti nel giardinaggio e nella sezione co di Amazon ... Non avrei difficoltà a riassumere queste pagine 1 100, ma ho avuto un momento difficile per adattarsi alle pagine 300 del libro: il Potager du Sloth ("PP" per l'intimo) non è una ricetta. E ancor meno una semplice ricetta.

Non spingo per l'acquisto del tuo libro, non ne ha bisogno, ma dato che questo thread è una piccola culla, hai la soluzione per leggere l'intero thread, quando l'ho fatto eravamo a Le pagine 500 mi hanno portato 3 mesi, piccoli bit, ora ha più di 1 100, può essere noioso, mentre tu ci hai fatto un bel libro, piacevole da leggere e molto completo
Lo vedo più come un consiglio per un amico, quando hai trovato una buona cosa, un buon ristorante, una buona birra, vuoi condividere
1 x
"Quelli con le orecchie più grandi non sono quelli che sanno meglio"
(di Me)
Avatar de l'utilisateur
essere Chafoin
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 423
iscrizione: 20/05/18, 23:11
Località: Gironde
x 18

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda essere Chafoin » 21/09/18, 22:25

Non conoscevo questo problema di CO2..Il penso anche a un problema di acidificazione del terreno sotto gli abeti, i pini, ecc ... Provate le fragole nelle vicinanze, i lamponi ...?
0 x
Ahmed
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 6816
iscrizione: 25/02/08, 18:54
Località: Borgogna
x 462

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda Ahmed » 21/09/18, 22:58

Questo non è quello Fatto significa: luce e CO² sono i due principali combustibili del vivente, ma solo la luce è influenzata dalla vicinanza della conifera, per CO² non cambia nulla dal momento che, come dice lui, "CO² non manca" ... La luce è quindi un importante fattore limitante.
Noto che per il giardinaggio ai margini dell'abete Douglas, anche le aree meridionali sono sterili, probabilmente a causa della rimozione di acqua e risorse minerali dalle radici periferiche.
1 x
"Non credere soprattutto che ti dico."
Avatar de l'utilisateur
nico239
esperto Econologue
esperto Econologue
post: 1774
iscrizione: 31/05/17, 15:43
Località: 04
x 180

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda nico239 » 22/09/18, 01:58

cham65110 ha scritto:Ciao e mi dispiace per la tua conversazione,
Nuovo su questo forum, cerco di imparare un po 'di più su questo metodo, ma le pagine 1197 mi porteranno un po' di tempo :P
Sono molto interessato al metodo e al principio. Da allora 2 ho da anni un giardino nei Pirenei, 800 m di altitudine.
Adoro passare il tempo nel mio giardino e raccogliere le mie verdure, ma sfortunatamente non ho abbastanza tempo per prendermene cura correttamente!
L'anno scorso è stato quindi il mio primo test ... ci sono state alcune difficoltà e ho perso! Quest'anno non è stato migliore, invaso da lumache, tutte le mie piantine sono state divorate! Quindi ho un sacco di lavoro da fare per salvare alcune colture ...
Naturalmente ho lavorato nel mio giardino restituendo la terra ... solo le mie patate erano a terra e coperte di erba tagliata e una specie di BRF recuperata presso la discarica verde.
Per il prossimo anno, vorrei passare al metodo senza voltare la terra.
Ma mi faccio domande:
- I miei raccolti quest'anno hanno avuto difficoltà a crescere: alcuni hanno mantenuto le stesse dimensioni dalla piantagione fino ad oggi (melanzane, peperoncino tra gli altri). Sai come può essere?
- Ho intenzione di fumare il mio giardino. E 'possibile e utile se finalmente metto fieno? e come posso procedere? (Voglio chiarire che il mio giardino si trova in parte sotto un albero ... e su un terreno o un orto era già presente qualche anno prima che acquistassimo la casa: la terra è povera?) .
In breve, pieno di domande che verranno come e quando, ma spero di intraprendere una cultura senza girare la terra;)
grazie


Il meglio sarebbe fare una bella foto di questo orto in modo che comprendiamo meglio la tua situazione ...
0 x
"Uno strumento che non consuma energia e rispetta il suolo che cosa è? Ben è uno strumento che non fa nulla "(conferenza citazione François Mulet)

Moindreffor
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1093
iscrizione: 27/05/17, 22:20
Località: confine tra Nord e Aisne
x 242

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda Moindreffor » 22/09/18, 08:47

Ahmed ha scritto:Questo non è quello Fatto significa: luce e CO² sono i due principali combustibili del vivente, ma solo la luce è influenzata dalla vicinanza della conifera, per CO² non cambia nulla dal momento che, come dice lui, "CO² non manca" ... La luce è quindi un importante fattore limitante.
Noto che per il giardinaggio ai margini dell'abete Douglas, anche le aree meridionali sono sterili, probabilmente a causa della rimozione di acqua e risorse minerali dalle radici periferiche.

lungo una siepe di cedro è lo stesso o peggio non cresce nulla, e lungo la mia scatola, ho messo un nucleo di cavolo l'anno scorso è ancora intatto dopo più di un anno trascorso sotto il fieno, il terreno è asciutto da casa secca e il fieno è intatto anche
quindi secondo me gli alberi prendono tutta l'acqua
0 x
"Quelli con le orecchie più grandi non sono quelli che sanno meglio"
(di Me)
Avatar de l'utilisateur
essere Chafoin
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 423
iscrizione: 20/05/18, 23:11
Località: Gironde
x 18

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda essere Chafoin » 22/09/18, 11:34

Questo è apparentemente il problema della pineta delle Landes: il terreno è ultra-secco, a causa delle potenti radici degli alberi.
Con l'acidità del terreno, la maggior parte delle piante che crescono lì sono Ericaceae: corbezzolo, erica. Ci sono anche piante rizomatiche come le felci.
0 x
Moindreffor
Gran Econologue
Gran Econologue
post: 1093
iscrizione: 27/05/17, 22:20
Località: confine tra Nord e Aisne
x 242

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda Moindreffor » 22/09/18, 11:53

per essere Chafoin ha scritto:Questo è apparentemente il problema della pineta delle Landes: il terreno è ultra-secco, a causa delle potenti radici degli alberi.
Con l'acidità del terreno, la maggior parte delle piante che crescono lì sono Ericaceae: corbezzolo, erica. Ci sono anche piante rizomatiche come le felci.

abbiamo piantato alberi di pino per asciugare le paludi e ha funzionato
0 x
"Quelli con le orecchie più grandi non sono quelli che sanno meglio"
(di Me)
Avatar de l'utilisateur
essere Chafoin
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 423
iscrizione: 20/05/18, 23:11
Località: Gironde
x 18

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda essere Chafoin » 22/09/18, 12:21

ChristianC ha scritto:Abbiamo fatto la raccolta delle patate; 15 m2, 45 kg.
a / - Nella trama "good hay", posizionata su 10 m2 con circa 75, la quantità è 33,5 kg, ovvero 3,3 kg a m2 e 440 grammi nell'impianto.
b / - Sulla trama "dry hay", piantata su 5 m2 con piante 30, è stato ottenuto 12 kg, cioè 2,4 kg a m2 e 330 grammi per pianta.
La resa è bassa, ma lo sforzo è stato ancora di più!
Ma vorrei poter fare confronti sul nostro sito. Come dice Didier, vogliamo raccogliere di più! Allora ? Le tue statistiche e osservazioni amici? Quali miglioramenti da apportare?
È alla fine della fiera che contiamo lo sterco.
Ultimo raccolto di pdt e piccoli calcoli approssimativi, per non sapere chi ha il più grande ma per sapere se il terreno / il metodo è buono / almeno per avere una vaga idea anche.

Un po 'più di 40kg per un po' meno di 110 piedi, una media di appena sotto 400g / piede.

Guardando rapidamente i rendimenti pubblicati su Internet, se siamo lontani da Charles Dowding, naturalmente, siamo anche lontani dai ritorni tradizionalmente annunciati ("1kg per piede") o sollevati per esempio qui: http://www.potager-et-jardin.fr/rendement-pomme-de-terre/. Cosa pensare? La mia terra è troppo povera, o grave mancanza di crescita a causa della mancanza di acqua ...?

Alcune distinzioni e osservazioni personali:
:freccia: La coltivazione su erba falciata e sotto fieno ha dato un rendimento molto meno buono in media (a 250g / piede) ma ho trovato il raccolto davvero bello (mentre per raccogliere il pdt sotto argilla secca ... !! :il male: )
:freccia: La coltivazione della torba interrata, testa a testa e poi pacciamata in ritardo ha dato un risultato leggermente meno buono in media (a 380 g / piede)
:freccia: La coltivazione della pasta leggermente seppellita e poi ricoperta da uno spesso strato di fieno ha dato la migliore resa
0 x
Avatar de l'utilisateur
essere Chafoin
buona Éconologue!
buona Éconologue!
post: 423
iscrizione: 20/05/18, 23:11
Località: Gironde
x 18

Re: The Kitchen Garden Sloth: giardinaggio senza fatica più di Bio

Messaggio non luda essere Chafoin » 22/09/18, 12:22

Moindreffor ha scritto:abbiamo piantato alberi di pino per asciugare le paludi e ha funzionato
sì, ma la monocoltura su larga scala ha anche rovinato
0 x




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Di nuovo a "Agricoltura: problemi e l'inquinamento, nuove tecniche e soluzioni"

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospiti 3