Retour pergamena Stop Modalità automatica

Il cambiamento climatico: CO2, warming, serra ...Carbon footprint di energia elettrica

Riscaldamento e cambiamento climatico: cause, conseguenze, analisi ... Dibattito sulla CO2 e di altri gas ad effetto serra.
Argilla
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 46
iscrizione: 23/03/10, 10:24

Carbon footprint di energia elettrica

Messaggio non luda Argilla » 26/04/10, 13:22

Bonjour.
Mi piacerebbe sapere che è il fattore di emissione per la generazione di elettricità da gas naturale (ciclo combinato).

Ho fatto delle ricerche e ho messo le mani su questa figura: 430 g CO2 / kW.h.
Fonte : Jean-Pierre BOURDIER. Purtroppo il suo articolo non è più disponibile, mi infastidisce perché non so se questo calcolo tiene conto:
- emissioni relative alla fornitura di questa energia primaria alla centrale elettrica
Electric.
- emissioni che sono state generate dalla costruzione dell'impianto di produzione.
- perdite online.
?
Quanto aumenterebbe questa cifra (430) se si prendessero in considerazione altri gas serra emessi durante la produzione?


Merci par avance.
0 x

Avatar de l'utilisateur
Capt_Maloche
modérateur
modérateur
post: 4544
iscrizione: 29/07/06, 11:14
Località: Ile de France
x 26

Messaggio non luda Capt_Maloche » 26/04/10, 16:31

La quantità di CO2 prodotta dalla combustione di gas naturale è di circa 230g / KW.h di energia primaria (circa 100L gas o 0.1 m3)

Se l'elettricità viene prodotta da un alternatore + postcombustore sulla turbina a gas e ciclo con vapore prodotto dai gas di scarico combinato, la resa può raggiungere 60%, che è molto buono (molto meglio la nucleare)

Il risultato sulla produzione di elettricità (escluso il trasporto) sarebbe quindi 230 / 0,6 = 380 g di CO2 / Kw.h di energia elettrica prodotta

Le perdite di trasformazione e le perdite di trasporto a lungo raggio devono essere espresse in 10%, ovvero 380x1.1 = 420 g CO2 / Kw.h di energia elettrica finale

da confrontare con 500g CO2 / Kw.h dell'energia finale prodotta dal FESR in inverno (Eh si ...) voir https://www.econologie.com/forums/comparatif ... t7776.html
0 x
"Il consumo è simile a una consolazione di ricerca, un modo per riempire un vuoto esistenziale in crescita. Con la chiave, un sacco di frustrazione e un po 'di senso di colpa, aumentando la consapevolezza ambientale." (Gérard Mermet)
OUCH, Ouille, OUCH, Aahh! ^ _ ^
Argilla
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 46
iscrizione: 23/03/10, 10:24

Messaggio non luda Argilla » 26/04/10, 18:17

Capt_Maloche ha scritto:La quantità di CO2 prodotta dalla combustione di gas naturale è di circa 230g / KW.h di energia primaria (circa 100L gas o 0.1 m3)

Capt_Maloche ha scritto:Se l'elettricità viene prodotta da un alternatore + postcombustore sulla turbina a gas e ciclo con vapore prodotto dai gas di scarico combinato, la resa può raggiungere 60%, che è molto buono (molto meglio la nucleare)

In generale, l'efficienza per un ciclo combinato ruota intorno a questo valore 60%?
Capt_Maloche ha scritto:Le perdite di trasformazione e le perdite di trasporto a lungo raggio devono essere espresse in 10%, ovvero 380x1.1 = 420 g CO2 / Kw.h di energia elettrica finale

Non è lontano dalla figura che ho anticipato quindi secondo il tuo approccio questa cifra non tiene conto:
-le emissioni legate alla fornitura di questa energia primaria alla centrale elettrica.
- le emissioni generate dalla costruzione dell'impianto di produzione.

420 g CO2 / Kw.h , gli altri gas a effetto serra sono trascurabili? quindi cerchiamo di parlare piuttosto di eq g CO2 / kW.h.
0 x
Avatar de l'utilisateur
Capt_Maloche
modérateur
modérateur
post: 4544
iscrizione: 29/07/06, 11:14
Località: Ile de France
x 26

Messaggio non luda Capt_Maloche » 26/04/10, 21:14

60% per apparecchiature recenti, sì

altri gas serra?
Dovrebbe essere noto che il CO2 ha un'implicazione, ma meno del vapore acqueo, e molto meno del metano per esempio

Qualunque sia la natura dei gas serra rilasciati, è il fuggiasco che bisogna temere

d'altra parte, la fonte primaria di riscaldamento del nostro pianeta è il sole, e non è una costante
Ad esempio, in questo momento è 3 anni che non abbiamo più eruzioni o compiti solari e stranamente, gli inverni sono più freddi e freddi

vedere ad esempio la piccola era glaciale verso 1600
guarda qui: http://www.dinosoria.com/periode_glaciaire.htm
0 x
"Il consumo è simile a una consolazione di ricerca, un modo per riempire un vuoto esistenziale in crescita. Con la chiave, un sacco di frustrazione e un po 'di senso di colpa, aumentando la consapevolezza ambientale." (Gérard Mermet)
OUCH, Ouille, OUCH, Aahh! ^ _ ^
Argilla
Imparo econologic
Imparo econologic
post: 46
iscrizione: 23/03/10, 10:24

Messaggio non luda Argilla » 27/04/10, 11:17

altri gas serra?

Sì, come parte del ciclo combinato.
Dovrebbe essere noto che CO2 ha un'implicazione, ma inferiore al vapore acqueo
Le emissioni di vapore acqueo e metano sono incluse nel valore che hai avanzato.

Qualunque sia la natura dei gas serra rilasciati, è il fuggiasco che bisogna temere

Cosa intendi per fuga?
0 x

Avatar de l'utilisateur
Capt_Maloche
modérateur
modérateur
post: 4544
iscrizione: 29/07/06, 11:14
Località: Ile de France
x 26

Messaggio non luda Capt_Maloche » 18/05/10, 22:27

Eh bene,

Più gas serra ci sono, più la temperatura "dovrebbe" aumentare

se il T ° aumenta, rilascia altri gas serra, come il Permafrost, questi gas rilasciati dallo scioglimento delle terre in Russia per esempio

Il problema è che, in tutti gli 70 000 anni che abbiamo trovato i picchi di temperatura equivalgono al livello del nostro attuale T °

questi picchi durano solo la media 10 000ansan
Voir ici http://www.climat-evolution.com/article-19612173-6.html
e siamo alla fine del nostro

Oltre a questi "picchi" la temperatura media è inferiore a 7 ° C !! è enorme !! e questo è il solito T ° medio della terra

In generale, con 7 ° C in media, non c'è più terra arabile, perché l'intero pianeta è sotto la galea e il livello del mare 30m inferiore (L'acqua è sulla terra)

Vedi anche, il ruolo dell'attività solare: http://www.dinosoria.com/soleil-cycle.html
È noto che si è diffusa una chiara degradazione climatica tra 1550 e 1850. La piccola era glaciale ha sperimentato diversi picchi, in particolare tra 1691 e 1709.


È abbastanza divertente notare che l'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) ritiene che il Sole non abbia alcun ruolo nell'attuale riscaldamento del clima.

Gli astronomi non sono di questa opinione perché si scopre che l'attività solare è tutt'altro che costante.
Si potrebbe quasi parlare di attività caotica che rende ogni previsione molto difficile.
0 x
"Il consumo è simile a una consolazione di ricerca, un modo per riempire un vuoto esistenziale in crescita. Con la chiave, un sacco di frustrazione e un po 'di senso di colpa, aumentando la consapevolezza ambientale." (Gérard Mermet)
OUCH, Ouille, OUCH, Aahh! ^ _ ^




  • argomenti simili
    réponses
    Visto
    messaggio dernier

Torna a "cambiamenti climatici: CO2, il riscaldamento, l'effetto serra ..."

Chi è in linea?

Visitano il forum: Nessuno e ospiti 3