Energie rinnovabili: le onde della pista

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Uno studio condotto dalla Electric Power Research Institute (EPRI) in collaborazione con, tra gli altri, il National Renewable Energy Laboratory (NREL) del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE), suggerisce che
produzione di energia elettrica dalle onde e correnti marine negli Stati Uniti potrebbe essere economicamente sostenibile nel prossimo futuro, nell'ordine di quattro anni, a condizione che gli investimenti
seguire.

Il principio è quello di utilizzare i movimenti ondulatori per pressurizzare un fluido poi per produrre elettricità che viene instradato attraverso un cavo sottomarino.
Secondo l'organizzazione, il potenziale delle coste degli Stati Uniti sarebbe 2100 Terrawatt.heure all'anno, quasi quanto l'elettricità da carbone o dieci volte l'energia totale generata da centrali idroelettriche del paese.

La valutazione si basa infatti su una equazione J uguale 0,42 x (Hs) exp2 x Tp (in cui J è energia disponibile,
Hs è l'altezza d'onda significativa nel luogo e ha studiato il loro periodo Tp durante i periodi di altezza del picco), applicato ai siti per i quali sono stati misurati i parametri. EPRI ha ottenuto i suoi capacità disponibili stime che tengano conto delle ipotesi di ritorno di dispositivi di cattura. Attualmente gli Stati Uniti, due aziende hanno sviluppato prototipi di conversione di energia: Ocean Power Technologies (New Jersey), che comprende il suo sistema PowerBuoy alle Hawaii un megawatt per la US Navy (la messa in prevista per 2006) e il gruppo AquaEnergy, in attesa di permessi federali per un test della sua AquaBuoy off Stato di Washington.

Tuttavia, alcuni sono preoccupati per l'evidente mancanza di volontà dell'amministrazione Bush per sviluppare questa soluzione tecnologica e la paura che gli Stati Uniti non si tirano indietro. Ed infatti, il primo collegamento di prova ad una rete elettrica è stata condotta nell'agosto 2004 dall'altra parte dell'Atlantico, in Orkney, Scozia, utilizzando Pelamis convertitore della società Ocean Power Delivery (on EPRI che si basava anche sul suo studio).

WSJ 08 / 04 / 05 (Ocean Power combatte il pensiero corrente)

Fonte: http://www.epri.com/

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *