La potenza idroelettrica non utilizzata negli Stati Uniti

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Secondo il National Engineering and Environmental Laboratory Idaho (INEEL), gli Stati Uniti sarebbero quarto posto in paesi con risorse idroelettriche non sfruttate. Nell'ambito di un progetto finanziato dal Dipartimento per l'energia, gli scienziati del INEEL hanno compilato una mappa di tali risorse sul territorio degli Stati Uniti. L'obiettivo è quello di promuovere, invece di grandi dighe spesso dannosi per l'ambiente, l'installazione di piccoli generatori di meno di un megawatt su corsi d'acqua più piccoli. Escludendo i fiumi che attraversano le aree naturali protette vicino megawatt 170 000 potrebbe quindi essere prodotto, altre due volte rispetto a quella attuale. Infatti, il principale ostacolo allo sviluppo della idroelettrica è il suo costo. Ci vogliono cinquanta anni per recuperare un investimento in questo settore, uno svantaggio che solo
Gli incentivi fiscali possono compensare. In 1980 anni, l'attuazione di una politica di questo tipo ha contribuito a incrementare l'installazione del micro ma la fine del sistema nei primi anni 1990 fermato questa crescita. Oggi 7% del fabbisogno energetico degli Stati Uniti sono forniti da energia idroelettrica, che 85% da dighe.

BG 18 / 10 / 04 (scienziato prevede l'energia idroelettrica su piccola scala)

Leggi l'articolo completo

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *