Lavoro Sviluppo sostenibile


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

fonte sostenibilità dei posti di lavoro in Europa?

Il potenziale di sviluppo delle FER in Europa e in particolare in Francia dovrebbe creare molti posti di lavoro. Le preoccupazioni dubbio solo rimanenti sostenere quello che le decisioni di politica valore di consolidare questa crescita.

Didier Mayer, presidente del Consiglio europeo dell'energia rinnovabile, aveva detto in un'intervista con News-Ambiente del mercato delle energie rinnovabili, il tasso di crescita ha raggiunto 40% all'anno per l'energia eolica e solare potrebbe generare 1 milioni di posti di lavoro in Europa da 2010. Per la Francia, le proiezioni sono tra 75 000 nuovi posti di lavoro, secondo il sindacato di fonti energetiche rinnovabili (FER) e 243.000 dalla relazione del MITRE (Monitoraggio e modellazione iniziativa sugli obiettivi per le energie rinnovabili). Oggi il numero di persone impiegate in questo settore ruota solo intorno alla 40.000.

L'energia rinnovabile è sia un'opportunità per rafforzare un'attività rurale minacciato restringimento (la metà dei piccoli agricoltori sono scomparse negli ultimi dieci anni) e l'opportunità di sviluppare nuove industrie di fronte al mondo, dice il presidente SER, André Antolini nella pubblicazione del marzo scorso SER.

L'energia eolica

L'energia eolica è l'energia prodotta dal vento sulle pale di un mulino. Quando il vento inizia a soffiare, le forze che agiscono sulle pale dell'elica inducono la rotazione del rotore. L'elettricità così prodotta può essere distribuita sulla rete elettrica tramite un trasformatore.

Il potenziale eolico francese è il secondo in Europa, dopo la Gran Bretagna. ma è attualmente la Germania, la Danimarca e la Spagna, che rappresentano quasi il 90% dell'occupazione europea nel settore delle costruzioni vento, dice SER. Il ministro spagnolo dell'Economia ha annunciato che i lavori quasi 60000 erano già stati creati in Spagna dal settore eolico tra il 1997 e 2003 si dice che.
Secondo le associazioni professionali europee EWEA AEBIOM, EPIA e ESIF, l'energia eolica contribuisce a creare 15 19 di posti di lavoro per MW di potenza installata.
Il SER ritiene che 2010 se la Francia riesce a guadagnare la fiducia degli investitori nel settore della politica di sviluppo (che può ancora dubitare), su 60% dei posti di lavoro creati dal fabbricazione e l'installazione di turbine eoliche nella zona, saranno posti di lavoro francesi.
Oggi, ci sono 2 000 posti di lavoro industriali che vengono creati o mantenuti in Francia attraverso lo sviluppo, anche se ancora modesto, l'energia eolica, soprattutto in costruttori di macchine francesi (Vergnet, il Monte di gioco, Cita ...), ma anche e soprattutto per produttori di componenti (Rollix, Leroy S Omer, Alstom ...).
Inoltre, nel corso di quest'anno 2010, gli investimenti del vento è stimato in circa 3 miliardi (corrispondente alla installazione di 1 758 660 MW MW terrestri e marini). Il SER ritiene che questo si tradurrebbe in una creazione netta di posti di lavoro complessiva 20000 2010 da qui.
Secondo BTM Consult, da 2010 industriali europei investirà almeno 50 miliardi nelle turbine eoliche che aggiungeranno al 25 miliardi già investiti. BTM Consult stime stessi come l'investimento annuo globale di 8 miliardi di euro 2003 2010 dovrebbe raddoppiare entro il raggiungimento di un livello equivalente a investimenti nucleari, stimato tra i 10 e 16 miliardi di euro all'anno in media del 2030 .
EurObserv'ER afferma che l'industria europea dà lavoro, direttamente e indirettamente, più di 80.000 persone nell'Unione europea e ritiene di aver creato più posti di lavoro tra 280.000 2000 e 2010.

Il settore energetico del legno

Recenti studi dello show soggetto che l'energia del legno rappresenta oggi alcuni posti di lavoro a tempo pieno 25.000 equivalenti. energia dal legno prodotto 9 milioni di tep / anno. Questa è la prima fonte di energia rinnovabile termica. i> Le prospettive di sviluppo di questo settore rappresentano circa la creazione di occupazione 20.000 nei prossimi anni, ha detto il presidente del SER, André Antolini

Il settore dei biocarburanti

I biocarburanti, considerati una fonte di energia rinnovabile, combustibili vegetali designare (colza esteri, per esempio). Ci sono due grandi classi di biocarburanti:
- Alcoli, ottenuti da colture ricche di zuccheri o di amido (sorgo, barbabietole): bioetanolo (etanolo), che può essere utilizzato per 100% per sostituire benzina. I maggiori utilizzatori di etanolo sono il Brasile e gli Stati Uniti.
- Gli oli ottenuti da semi oleosi (colza, soia, girasole): estere di olio vegetale. L'olio assottigliamento fornisce quello che alcuni chiamano il biodiesel, altri Diester® altri biodiesel. Tutti questi marchi coprono un unico prodotto: esteri metilici di olio. Oli e gli esteri di petrolio vengono a sostituire il diesel. Secondo la European Biodiesel Board (EBB), 1,7 milioni di tonnellate di biodiesel sono state prodotte in 2003 (+ 30%), tra cui 1,4 milioni di tonnellate di biodiesel a base di olio di colza. L'EBB breve o medio termine prevede un raddoppio della produzione e stimate 2,2 milioni di tonnellate di capacità produttiva esistente. La Germania è stato il primo produttore di biocarburante in 2003, 715.000 con tonnellate (+ 59%), seguita da Francia (360.000 tonnellate) e in Italia (210.000 tonnellate). L'Unione Francese del Petrolio Industries (UFIP) ha detto di essere d'accordo con la direttiva europea sui biocarburanti che impone loro di andare in 2005 2 2010% e al 5,75% del consumo totale di benzina e gasolio. Inoltre, si raccomanda di aumentare gli sforzi per lo sviluppo del biodiesel (diestere colza).

produzione europea (UE15) dei due canali, biodiesel (biocarburanti 82,2%) e bioetanolo (17,8%), rappresentati da 2003 1.743.500 tonnellate (equivalenti a 1.488.680 tep). Secondo i dati di solito portati a nuovo (lavori 10 1000 per tonnellata di biodiesel, posti di lavoro 6 1.000 per tonnellata di etanolo) il numero di posti di lavoro creati o mantenuti in 2010 sarebbe 19.500 33.000 nei seguenti scenari. Secondo la Commissione, una percentuale di 1% di biocarburanti nel consumo totale di combustibili fossili crea tra il 45.000 75.000 e nuovi posti di lavoro nelle zone rurali.

L'industria del solare termico

L'energia solare termica viene recuperata energia dalla luce del sole da un vetro solare termico per garantire il riscaldamento diretto dell'acqua e dei locali. Il calore concentrato dai pannelli viene trasferito ad un refrigerante. Quattro metri quadrati in grado di soddisfare le esigenze di acqua calda di una famiglia di quattro, per un investimento medio di EUR 3 000, e dieci a venti metri quadrati fornire il riscaldamento di una casa. Un ulteriore riscaldamento è ancora necessaria per i periodi climatiche più sfavorevoli.

La crescita di questo settore è stata finora basata principalmente su tre paesi, che rappresentano 80% del mercato: Germania, Austria e Grecia. La Francia è l'obiettivo di un milione di m2 installati annualmente da 2010.
In 2004, dovrebbe essere installato sul suo territorio di circa 75000 m2 di collettori solari termici, la metà nei dipartimenti francesi d'oltremare. I posti di lavoro totali creati in Francia nel 2010 sarebbero dell'ordine di 10500 per SER.

L'industria del solare fotovoltaico

L'energia solare fotovoltaica si riferisce all'energia recuperata e convertita in elettricità dalla luce solare da pannelli fotovoltaici. L'effetto fotovoltaico è stato scoperto da Antoine Becquerel nel 1839, nonno di Henri Becquerel, che ha scoperto in 1896 radioattività. Esso risulta dalla conversione diretta in un semiconduttore (silicio, CdTe, GaAs, CIS, etc.) di un fotone di elettroni. Oltre ai benefici per la mancanza di manutenzione di impianti fotovoltaici, questa energia risponde perfettamente alle esigenze di siti remoti e compreso il collegamento alla rete è troppo costoso.



Il Libro bianco dell'Unione europea raccomanda di realizzare tetti solari 500000 in Europa nel 2010, volume d'affari interesserebbe circa i lavori 60000. L'industria fotovoltaica è oggi in Europa circa i lavori 15000 e un fatturato di circa un miliardo di euro. l'obiettivo del Libro bianco che ammonta a 3000 2010 MW rimangono affare sfuggente con 572 MW installati oggi. Un obiettivo molto realistico 2000 2010 già rappresentano MW di circa 50000 posti di lavoro in Europa a quel tempo.
L'Associazione per le energie rinnovabili in programma di cautela intorno 2 500 nuovi posti di lavoro in questo settore prima 2010, notando che questa cifra potrebbe essere moltiplicato per cinque nel caso della politica più attiva.

Il settore del biogas

Biogas è gas prodotto dalla rottura di materiale organico (compresi i cartoni, carta e tessuti naturali) in assenza di ossigeno (anaerobico). Segnalato per tonnellata di rifiuti, le emissioni variano stima e la composizione dei rifiuti tra 100 400 a NM3 / t.
Biogas costituita da metano (in 50 65%), biossido di carbonio (circa 35 40%) e altri gas in tracce (soprattutto maleodoranti base di zolfo e mercaptano). La presenza di metano fornisce un alto PCI (potere calorifico) biogas (circa 0.25 PET). Secondo il Dipartimento britannico di energia calorifica, PCI metano è 38 MJ / NM3, i biogas da discarica è 15 21 a MJ / NM3.
Si può quindi servire il funzionamento dell'unità di energia o dopo il trattamento, il carburante per veicoli adattati, o essere integrato in una rete di distribuzione del gas naturale. Attualmente, due usi sono dimostrati combustione industrialmente in una caldaia (riscaldamento), o in un motore che produce elettricità o calore ed elettricità in caso di cogenerazione.

Gli obiettivi del Libro bianco dell'Unione europea o 15 2010 milioni di tep in, tuttavia, rimangono relativamente fuori dalla portata degli sforzi attuali. Se questo percorso è coinvolta per una quota significativa nel bilancio delle energie rinnovabili, crea alcuni lavori specifici, dice il sindacato.

settore geotermico

Geotermica o il calore dalla terra è sotto forma di serbatoi vapore o acqua calda o rocce calde. Quando il serbatoio geotermico è ad una temperatura moderata, questa risorsa viene sfruttata per la produzione di calore fornito da una rete di riscaldamento. Si sviluppa soprattutto nei bacini Aquitania e Parigi per il teleriscaldamento. Geotermico quando la temperatura del serbatoio è maggiore e viene utilizzato per produrre vapore, è possibile generare elettricità.

In 2010, siamo in grado di puntare ad un impianti 400000 - l'equivalente del parco 2001 Svedese - e un deposito di circa 10000 posti di lavoro permanenti diretti.

Il presidente del SER ha concluso che i vari settori delle energie rinnovabili è un potenziale di occupazione diversificata, che possono ospitare tutti i livelli di abilità in tutte le regioni della Francia.

Altro:
- Forum Sviluppo sostenibile
- http://www.enr.fr
- Actu-environnement.com


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *