Gli ecosistemi minacciati


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Gli esperti suonano l'allarme: i cambiamenti negli ecosistemi continuano a peggiorare e compromettere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo globale

Comunicato stampa del World Resources Institute, 30 / 03 / 05

Londra, marzo 2005 - Uno studio fondamentale pubblicato oggi rivela che circa il 60% dei servizi forniti dagli ecosistemi e che la vita sulla Terra sostegno - come la fornitura di acqua dolce, gli stock ittici, la regolazione della l'aria e l'acqua, la regolazione del clima regionale, i rischi naturali ei parassiti - sono degradati o utilizzati in modo non sostenibile. Gli scienziati avvertono che gli effetti negativi di questo degrado potrebbe peggiorare in modo significativo in 50 anni a venire.

"Qualsiasi progressi compiuti nello sradicare la povertà e la fame, migliorare la salute umana e tutelare l'ambiente rischia di essere sostenuta se la maggior parte dei servizi forniti dagli ecosistemi in cui l'umanità si basa continuerà ad essere degradare "annuncia la relazione di sintesi sulla valutazione del Millennium Ecosystem (MA) derivante dalla studio condotto da esperti 1300 95 paese. Lo studio stabilisce in particolare che il degrado in atto dei servizi forniti dagli ecosistemi è un ostacolo sulla strada degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, obiettivi a cui i leader del mondo hanno accettato di Nazioni Unite 2000.
Anche se non abbiamo ancora tutti i dati, gli esperti possono già dire che il degrado osservato di 15 24 dei servizi forniti dagli ecosistemi affrontati dallo studio aumenta la probabilità di bruschi cambiamenti e che può compromettere seriamente il benessere degli esseri umani. Ad esempio, l'emergere di nuove malattie, sbalzi di qualità delle acque, la creazione di "zone morte" lungo le coste, la distruzione delle zone di pesca, o cambiamenti climatici attraverso le principali regioni il mondo.

La relazione di sintesi mette in luce quattro risultati principali:



• Gli esseri umani hanno modificato gli ecosistemi più rapidamente e completamente negli ultimi anni 50 che in qualsiasi momento della loro storia. Lo hanno fatto in primo luogo per soddisfare le crescenti richieste di cibo, acqua dolce, legname, fibre e combustibile. Altro terreno è stato convertito all'agricoltura dal 1945 come 18ème e 19ème secoli combinati. Più della metà dei fertilizzanti azotati di sintesi - sviluppata in 1913 - utilizzato per l'agricoltura sono stati dal 1985. Secondo gli esperti, la conseguenza è una perdita sostanziale e in gran parte irreversibili nella diversità della vita sulla Terra, dove 10 30% dei mammiferi, uccelli e specie di anfibi sono ora in via di estinzione.

• cambiamenti dell'ecosistema che hanno contribuito utili netti sostanziali benessere umano e lo sviluppo economico hanno il più alto ottenuto un prezzo e più alto in termini di degrado di altri servizi. Solo quattro servizi forniti dagli ecosistemi hanno visto un miglioramento negli ultimi anni 50: guadagni di produzione per le colture, bestiame e prodotti dell'acquacoltura, e una maggiore sequestro del carbonio per la regolazione del clima globale . Due servizi, produzione di risorse ittiche e la fornitura di acqua dolce, sono ora resi ad un livello ben al di sotto delle necessità attuali, per non parlare di futuro ha bisogno. Gli esperti dicono che questi problemi diminuiranno sensibilmente i benefici che le generazioni future possono aspettarsi.

• Il degrado dei servizi forniti dagli ecosistemi dovrebbe peggiorare in modo significativo nel corso della prima metà del secolo, che è un ostacolo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Ognuno dei quattro scenari futuri esplorati dagli scienziati durante lo studio fornisce buoni progressi nello sradicare la fame nel mondo, ma tale progresso è troppo lento per ridurre della metà per il numero di 2015 le persone che soffrono la fame. Gli esperti ricordano l'altro che i cambiamenti negli ecosistemi, come la deforestazione influenzano l'abbondanza di agenti patogeni che colpiscono l'uomo, come la malaria e il colera, così come il rischio di insorgenza di nuove malattie. La malaria, ad esempio, rappresenta 11% degli oneri di salute in Africa; Se questa malattia era stata debellata lì 35 anni, il prodotto interno lordo dell'Africa oggi sarebbe 100 miliardi superiore.

• La sfida è quella di invertire la tendenza del degrado degli ecosistemi nel rispetto crescenti esigenze possono essere soddisfatte in alcuni scenari che comportano cambiamenti significativi nelle politiche e delle istituzioni. Tuttavia, è di cambiamenti e tendenze significative non puntare in quella direzione. Il rapporto cita le opzioni disponibili per mantenere o migliorare alcuni servizi forniti dagli ecosistemi, riducendo gli effetti negativi o aumentare gli effetti positivi su altri servizi. Ad esempio, la protezione delle foreste naturali salvaguardare la fauna e la flora, fornendo acqua potabile e riduce le emissioni di anidride carbonica.

"La conclusione principale di questa valutazione è che le società umane hanno il potere di alleviare le tensioni che mettono sui servizi naturali del pianeta, pur continuando a usare loro per ottenere una vita migliore per tutti", spiega Consiglio MA direzione in un comunicato dal titolo Vivere oltre i nostri mezzi - patrimonio naturale e benessere umano. "Il raggiungimento di questo, tuttavia, richiederà cambiamenti radicali nel modo in cui trattiamo la natura in tutte le fasi del processo decisionale e nuove forme di cooperazione tra governo, imprese e società civile. I segni premonitori ci sono per chi vuole vederli. Il futuro è nelle nostre mani. "

La relazione di sintesi MA rivela, inoltre, che sono le persone più povere che soffrono la maggior parte dei cambiamenti negli ecosistemi. Le regioni che hanno grossi problemi di degrado degli ecosistemi - Africa sub-sahariana, Asia centrale, parti dell'America Latina, parte dell'Asia meridionale e sud-orientale - sono anche quelli che hanno la più grande difficoltà nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio stabiliti dalle Nazioni Unite. In Africa sub-sahariana, per esempio, si prevede che il numero dei poveri di aumentare a 315 404 milioni di persone entro 2015.
"Solo attraverso la comprensione dell'ambiente e come funziona, possiamo prendere le decisioni necessarie per proteggerlo. Solo contando al fair value tutte le nostre preziose risorse naturali e umane possiamo sperare di costruire un futuro sostenibile ", ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, in un messaggio che accompagna il rilascio di rapporti MA. "La valutazione del Millennium Ecosystem è un contributo senza precedenti per la nostra missione globale per lo sviluppo, la sostenibilità e la pace."

Sulla valutazione degli ecosistemi del millennio relazione di sintesi è il primo di una serie di sette relazioni di sintesi e quattro volumi tecnici che valutano lo stato degli ecosistemi globali e il loro impatto sul benessere umano. Questo rapporto è pubblicato con una dichiarazione da parte del consiglio di amministrazione MA dal titolo "Vivere al di là dei nostri mezzi -. Patrimonio naturale e benessere umano"

La valutazione effettuata nel corso di quattro anni, è stato progettato da un partenariato di agenzie ONU, organizzazioni scientifiche internazionali e agenzie di sviluppo, con la guida del settore privato e rappresentanti della società civile. Il finanziamento è principalmente fornito dal Global Environment Facility, la Fondazione delle Nazioni Unite, il David and Lucile Packard Foundation e la Banca mondiale. La Segreteria Master è coordinato dal Programma delle Nazioni Unite (UNEP).
Il Master è riconosciuto dai governi come un meccanismo per soddisfare parte di quattro trattati ambientali internazionali di valutazione: la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, la Convenzione di Ramsar sulle zone umide, la Convenzione delle Nazioni Unite contro la desertificazione e la Convenzione sulle specie migratorie. Il Master ha il sostegno di 22 delle più grandi organizzazioni scientifiche in tutto il mondo, tra cui la Royal Society del Regno Unito e l'Accademia delle Scienze del Terzo Mondo.

Il lavoro del MA opera sotto il controllo di un membri del consiglio di gestione di 45, presieduto congiuntamente dal Dr. Robert Watson, Chief Scientific Advisor per la Banca Mondiale, e il dottor AH Zakri, direttore dell'Istituto di Studi avanzati dell'Università delle Nazioni Unite. Il gruppo di valutazione, che sovrintende il lavoro tecnico della MA comprende 13 dei principali scienze sociali e naturali del mondo. È presieduto congiuntamente da Angela Cropper della Fondazione Cropper, e il dottor Harold Mooney della Stanford University. Dr. Walter Reid è il direttore della Valutazione del Millennium Ecosystem.


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *