Risparmio energetico tramite stoccaggio a freddo

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

specialisti in calore e freddo di servizi a lunga distanza della città di Chemnitz e termodinamica ricercatori dell'Università Tecnica (TU) Chemnitz (Sassonia) sono presenti, e su richiesta del ministero federale dell'Economia e lavoro (BMWA), la ricerca per determinare se non devono essere utilizzati i pacchetti di ghiaccio
più grandi sistemi di approvvigionamento energetico. Il sistema freddo è lunga distanza della città di Chemnitz serve come unità di studio per la ricerca pratica.

I risultati dello studio potrebbero essere utilizzati in futuro su scala nazionale per la costruzione o la modernizzazione di sistemi di raffreddamento. I diversi partner del progetto stanno analizzando in che misura l'uso di impacchi di ghiaccio poteva permettersi di usare
macchine frigorifere ad assorbimento di modo più intenso. L'idea di base: l'accumulatore freddo viene caricato durante la notte e può quindi coprire il sistema di raffreddamento carico di picco ha distanza durante il giorno.

Per la città di Chemnitz, questo significherebbe che una maggiore quantità di calore in eccesso prodotto dal Chemnitz North Central verrebbe convertito al freddo e che in totale meno energia elettrica viene consumata. Questa soluzione è, dopo il parere di esperti non solo ecologici, ma
anche economicamente sostenibile, che non è sempre il caso nell'industria energetica.

I risultati attuali della fattibilità tecnica e la stima dei costi rende ricercatori ottimista. La cooperazione tra l'Università di Chemnitz e servizi della città è stato realizzato nel mese di dicembre 2004 con l'istituzione di un contratto tra i due partner.

Contatti:
- Ulf Uhlig - tel: + 49 371 525 4740 - e-mail:
ulf.uhlig@swc.de
- Thorsten Urbaneck - tel: + 49 371 531 2463 - e-mail:
thorsten.urbaneck@mb.tu-chemnitz.de - Internet: http://www.tu-chemnitz.de
Fonti: Depeche IDW, Comunicato stampa del TU Chemnitz, 07 / 02 / 2005
Editor: Nicolas Condette,
nicolas.condette@diplomatie.gouv.fr

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *