Ecobilan etanolo messa in discussione dello studio Price Waterhouse Coopers


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Mettere in discussione lo studio Price Waterhouse Coopers da David Lefebvre

Un nuovo studio sul bilancio energetico delle industrie di barbabietola bioetanolo, mais e grano sarà fatto, come un certo numero di esperti hanno messo in dubbio le modalità di calcolo dello studio della Price Waterhouse Coopers ADEME-DIREM 2002 che ancora la base per lo sviluppo di settori bioetanolo.

bilanci energetici di barbabietola bioetanoli canali, mais e grano biocarburanti sono contestati da una serie di esperti. Hanno accusato la Price Waterhouse Coopers studio ADEME-DIREM 2002, che è stata la base per lo sviluppo del settore del bioetanolo, di Non tenendo conto di tutti i costi energetici imputabili alla produzione di biocarburanti. Un nuovo, un'analisi più contraddittorio è prevista. I punti di contesa affrontano anche la tassazione e quindi il costo per le finanze pubbliche e sul futuro dei co-prodotti in primo luogo per le proteine ​​mangimi animali.

A prima vista, lo sviluppo dei biocarburanti consentirebbe di ridurre le emissioni di gas serra e la nostra dipendenza energetica dal petrolio. E la produzione di biocarburanti potrebbe avere conseguenze positive di creazione di nuovi posti di lavoro 24 000 2010 verso l'orizzonte, di aprire nuovi mercati per il frumento, barbabietola da zucchero e colza, e sostituire 5,4 milioni di tonnellate di farina di soia che Francia importa ogni anno da co-prodotti proteici (Bollati e panelli). Ben presentato, biocarburanti pone dunque l'entusiasmo.

l'efficienza energetica in discussione

Eppure, lo sviluppo dei biocarburanti e bioetanolo, in particolare, è in discussione da alcuni esperti. Il primo punto di chiave contesa per l'efficienza energetica è il rapporto tra l'energia restaurata dal biocarburante quando la combustione e l'energia non rinnovabile necessaria per la produzione di primario. Lo studio di ADEME - DIREM e Price Waterhouse Coopers (PWC), pubblicato nel 2002, ritiene che bruciano etanolo dal grano e barbabietola emerge 2,05 volte più energia del necessario energie non rinnovabili per la loro produzione, un bilancio così favorevole.

Ma un'altra analisi, l'associazione Eden (Sustainable Energy in Normandia) e una rete di associazioni
specializzato sull'effetto serra, ritiene che questo rapporto più vicino a 1,43. E sarebbe anche mais 0,98 per il bioetanolo, il che significherebbe che l'etanolo di mais richiede energia fossile tanto o più può generare quando viene bruciato.

costi energetici di produzione

Perché una tale differenza di analisi? I metodi di calcolo sono diversi. Il bioetanolo è 43% di sostanza secca totale prodotto nel settore. Bioetanolo viene effettivamente prodotta solo da amido, ma la pianta è composto anche in particolare di cellulosa, proteine, che sono destinati a prodotti alimentari. Lo studio PWC ha quindi accusato che 43% dei costi energetici fossili per la produzione totale. O associazione Eden stima che i biocarburanti devono recare la totalità dei costi energetici, ridotto solo il risparmio energetico generati dal recupero del prodotto nell'alimentazione degli animali in sostituzione di farina di soia.

Queste differenze di valutazione dell'efficienza energetica è anche lampante della barbabietola bioetanolo 2,05 1,31 di ADEME e Eden, come l'estere metilico di olio vegetale, 2,99 2,19 contro. Secondo l'associazione Eden, il recupero di bioetanolo in ETBE - un prodotto di reazione chimica di bioetanolo e benzina, sostenuta da olio - piuttosto che il bioetanolo, riduce ancora di più l'efficienza energetica. Si sarebbe ridotto a 1,10 per il bioetanolo di grano, 1,03 per la barbabietola e 0,88 a quella di mais! Nota infine, l'efficienza energetica valutato dall'Associazione Eden su olio vegetale grezzo: sarebbe 3,80.

Competitività contro il bioetanolo brasiliano

Che dire della canna da zucchero brasiliana? Secondo Eden e secondo Milton Maciel, un giornalista brasiliano specializzato in questione, l'efficienza energetica del brasiliano bioetanolo della canna da zucchero sarebbe superiore 4, questo a causa della canna da zucchero in energia elettrica e valutata a causa della canna da zucchero richiede pochissima azoto. Di qui anche, un bioetanolo brasiliano molto più competitiva della nostra, che solleva la questione della competitività del nostro bioetanolo nel mercato globale.
Ribatte che il volto die queste differenze? Con biocarburanti di seconda generazione, vale a dire il recupero non solo dell'amido ma anche paglia e altri rifiuti cellulosici in bioetanolo, e con il recupero dei co-prodotti proteici in un'altra energia piuttosto che mangimi la quota di energia recuperata solidi rappresenteranno molto di più di quello attuale 43%, con conseguente efficienza energetica sarà notevolmente migliorata. Ma un tale scenario implica lo sfruttamento di difetti e quindi l'esportazione di materia organica richiede esaminare soluzioni preventive per abbassare la fertilità organica e stabilità strutturale del suolo e in ogni caso alla resa monocoltura. Come per bruciatura "pulito" caldaia proteine, questo pone per il momento il problema di ossido di azoto (NOx) molto impatto sull'effetto serra.



Bill per le finanze pubbliche

I punti di differenze come inciampando il costo fiscale di bioetanolo. Ricordiamo che la tassazione di € 0,37 / l di bioetanolo e 0,59 € / litro di benzina senza piombo. Ciò implica quindi un deficit per le finanze pubbliche.

Per gli operatori del settore, "la catena di produzione del bioetanolo porterà quasi quanto in tasse, contributi previdenziali, risparmi di spesa sanitaria, sussidi di disoccupazione e il trattamento di inquinamento, ecc ... che costerà l'ICT esenzioni (tassa interna sui consumi, come ad TIPP). " Ma per l'Associazione Eden, il costo della esenzione fiscale è come entrate fiscali tanto che di default allo stato, si cercherà di compensare altrove. E le famiglie dovranno sopportare un onere fiscale aggiuntivo che non genererà alcun
occupazione Net. Per quanto riguarda gli esperti governativi, si precisa che l'esenzione fiscale è fatto per diminuire le prestazioni di produzione sarà migliorata. Il tema della performance sta per chiedere alcune piante e un po 'meno per gli altri.

Esempio, impianto Roquette in Beinheim che attirerà la sua energia da energia geotermica può essere particolarmente competitivo. che cosa
è per gli altri impianti in Champagne normale o Picardie?

Per una proteina mercato saturo?

Il piano del governo prevede 2010, la produzione 3 milioni di tonnellate di biodiesel, e 1,1 milioni di tonnellate di etanolo. Il biodiesel da semi di colza e girasole dovrebbe generare l'equivalente di proteine ​​di 3,4 milioni di tonnellate di farina di soia. Oltre i grani di proteine ​​derivanti dalla produzione di etanolo. Che a priori dovrebbe ridurre le nostre importazioni di soia Amazon.

Ma, secondo l'associazione Eden, il 5,4 milioni di tonnellate di soia importati, solo tre sono sostituti, gli altri due milioni di tonnellate, in cifra tonda, non sono come lo sono per mangime per polli e questo Produzione bisogno di una fonte proteica concentrata che non può venire dal grano o farina trascorso. La soluzione più elegante dal punto di vista energetico sarebbe secondo l'Associazione Eden methanised questi co-prodotti, piuttosto che bruciare, soluzione che sarebbe altrimenti il ​​merito di restituire azoto al suolo - via effluenti biogas - piuttosto che l'atmosfera e redisséminer minerali. Per fare ciò richiederebbe il éthanoleries sono più piccoli rispetto a quello attualmente previsto per il dimensionamento corrente richiedono una diffusione raggio di effluente 100 km, che è troppo costoso da gestire.

Il dibattito sul bilancio energetico e di biocarburanti di gas serra si riapre come altrove negli Stati Uniti e in Gran Bretagna che in Francia. L'offerta sarà lanciata a nominare una società di consulenza responsabile per la fissazione che il metodo di calcolo riflette meglio l'impatto dei nuovi settori di produzione di energia sulle emissioni di gas a effetto serra e il consumo di carbone fossile .

Scarica la versione pdf di questo articolo


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *