Calore: l'aria condizionata non è l'unica soluzione

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Sono il francese sta per dotare in maniera massiccia i condizionatori d'aria? La questione non è risolta. I produttori dicono che mettendo in evidenza le maggiori vendite di 30% tra 2002 e 2003 e contando sul proseguimento di questa tendenza in 2004. ADEME (Associazione Ambiente ed Energy Management) modera questa figura facendo notare che questo aumento si spiega con il basso livello di attrezzature dal parco residenziale. "Inoltre, non sappiamo esattamente quale percentuale di liberi professionisti nelle vendite, aggiunge Michel Carré ingegnere ADEME Nulla dice che ci sia davvero una mania da parte di individui per questi prodotti. "Secondo un sondaggio Sofres condotta dopo la canicola dell'estate 2003, 80% degli intervistati ha affermato di non voler dotare il sistema di aria condizionata.

La France pourrait donc demeurer une exception au sein des pays industrialisés qui connaissent des taux d’équipement beaucoup plus importants. L’hexagone représente ainsi seulement 2 % du marché mondial de la climatisation, contre 29 % pour les Etats-Unis. Et ce relatif sous-équipement est plutôt une bonne nouvelle pour l’environnement car les climatiseurs restent des systèmes très polluants, surtout s’ils ne sont pas traités convenablement. « Ce n’est pas tant l’énergie consommée par ces appareils qui reste relativement faible, remarque Michel Carré, que la présence de fluides frigorigènes à l’intérieur qui sont des gaz à effet de serre 1 500 fois plus néfastes que le CO2. »

Secondo lo specialista, non solo condizionatori soffrono quasi sempre da problemi di perdite (molto importante in auto), ma i fluidi spesso non vengono recuperati dalla fine di apparecchiature vita. Una carica scarto professionisti. "Il recupero dei fluidi è un obbligo di legge che risale al decreto del dicembre 7 1992 e installatori di soddisfare", spiega Pascal Folempin, vice delegato generale di un'associazione di produttori di aria condizionata.

Ancora ADEME consiglia alle persone di riflettere attentamente prima del montaggio. "L'aria condizionata non è inevitabile, anche nel sud della Francia", osserva la guida pratica "Estate Comfort", recentemente pubblicato dall'Agenzia e disponibile su Internet (vedi sotto). Lista esperti molte alternative e soluzioni molto concrete per proteggersi dal calore, mantenere la freschezza o creare freddo. di protezione laterali, finestre e persiane devono restare chiuse, protetto facciata ovest (ad esempio, gli alberi) e l'isolamento ben protetto tra le parti in vetro (ad esempio, conservatori) e il resto della casa. lato freddo, ADEME confessa il suo debole per appendere ventilatori a soffitto e invita le persone a non comprare condizionatore d'aria solo da professionisti.

La guida ADEME:
http://www.ademe.fr/particuliers/Fiches/confort_ete/index.htm

Fonte : http://www.novethic.fr/novethic/site/article/index.jsp?id=79594


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *