Castor inghiotte CO2: nuova arma letale contro i gas serra?


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Ieri è stato il lancio in Danimarca la prima installazione al mondo per eliminare eventuali fumi di anidride carbonica in fuga da una centrale a carbone. Forse un significativo passo avanti nella lotta contro i gas serra.

E 'successo il 15 marzo in Danimarca, precisamente sul sito del centro di Esbjerg. L'evento è di importanza in quanto suggerisce una soluzione per contribuire a ridurre significativamente le emissioni di gas a effetto serra che causano il riscaldamento globale. ieri ha aperto, Castor, un pilota industriale denominata "cattura CO2" condotta sotto gli auspici della IFP (francesi Petroleum Institute) e dalla Commissione europea, è semplicemente il primo impianto di catturare l'anidride carbonica anche il fumo di una centrale elettrica per memorizzarlo nel seminterrato.

Obiettivo: seppellire 10% del prodotto in Europa CO2

Come limitare il volume di CO2 rilasciato da impianti industriali quali cementifici, centrali elettriche e raffinerie? Quest'ultimo sarebbe stato responsabile di oltre 60% delle emissioni globali di gas a effetto serra. L'idea è stata a lungo in panchina, è quello di recuperare il gas in cui sono prodotti, cioè direttamente alle fabbriche offendere e reiniezione in cantina prima rilasciato in atmosfera. Questo è noto come track "cattura e stoccaggio": "più promettente" da parte della IFP.

Ma se sulla carta è semplice, in realtà si versa in particolari problemi di costo, Castor sembra risolvere. Questo programma, lanciato nel 2004, porta trenta partner coordinati da IFP per progettare dalle tecnologie 2008 per catturare e memorizzare non meno 10% di CO2 rilasciato in Europa o 30% delle emissioni degli impianti di grandi dimensioni industriale.

Per saperne di più


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *