Caisse des Dépôts et Consignations, Euronext e Powernext preparare una borsa europea dei permessi di emissione CO2


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

Comunità No. 2003 / 87 / CE stabilisce l'impegno europeo per la lotta contro il cambiamento climatico attraverso la definizione di un sistema di scambio di quote di emissione di gas a effetto serra nell'Unione. L'efficienza del sistema di scambio delle emissioni sarà verificata in termini di qualità del "segnale di prezzo" rilasciato dal mercato, sulla base di transazioni che saranno effettivamente eseguite e registrate esso. Il confronto tra domanda e offerta in un unico luogo assicurerà una maggiore liquidità in questo mercato.

E 'in questo contesto che la Caisse des Dépôts et Consignations, Euronext e Powernext voluto unire le loro competenze per sviluppare un quote spot o permessi di emissione CO2 basa su quattro principi organizzata:

• la garanzia di completamento delle transazioni sulla base di un meccanismo di regolamento di consegna armonizzato e sicuro che annulla i default di pagamento e i difetti di consegna di CO2,

• trasparenza dei prezzi e il loro attaccamento

• l'accesso non discriminatorio e l'anonimato per i partecipanti

• semplicità di un commerciale integrata sul sistema di erogazione, aperta a tutti i partecipanti che hanno un account in uno dei 25 registra emissioni CO2 in Europa.

Il dicembre 14 2004, Caisse des Dépôts et Consignations, Euronext e Powernext hanno firmato una lettera di intenti gettando le basi per questa collaborazione. Il lancio di questo mercato - i cui termini sono in fase di definizione - è prevista per marzo 2005.

Nota sull'econologia: se l'idea è un progresso interessante, perché dare un po 'più di responsabilità alle società "inquinanti", sarebbe più che auspicabile che alcuni di questi scambi vadano a beneficio della ricerca e sviluppo di soluzioni reali attraverso una tassa, ad esempio. Ma è molto probabile che questo sistema arricchisca solo i transumatori, i banchieri e altri goldenboys "ecologici" ... a detrimento del progresso ambientale!


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *