Bush vuole introdurre agevolazioni fiscali soprattutto per i profili di energia convenzionali


Condividi questo articolo con i tuoi amici:

La Camera dei Rappresentanti ha approvato una legge volta ad introdurre sgravi fiscali per incoraggiare la produzione di petrolio, gas naturale, carbone, energia nucleare, ma anche raddoppiare l'uso di etanolo dal mais.

Il progetto di riforma della politica energetica dell'amministrazione Bush è stata approvata lo scorso Giovedi da 249 183 voti contro dalla Camera dei Rappresentanti. Bloccato più volte in Senato da democratici, esso sarà nuovamente trasmesso al Senato.

Il disegno di legge prevede agevolazioni fiscali per incoraggiare la produzione di petrolio, gas naturale, carbone, energia nucleare, e di raddoppiare l'uso di etanolo a base di mais come additivo della benzina. Gli Stati Uniti sono il più grande produttore di mais del mondo. Esso prevede inoltre la EXPLOITA
giacimenti di idrocarburi zione in una riserva naturale dell'Alaska, il cui Senato ha già approvato in linea di principio il mese scorso nel corso di un dibattito sul bilancio. Il disegno di legge concede un periodo di 9 anni per porre fine all'uso di etere ter-butil metil (MTBE in inglese), la cui presenza in acqua è cancerogeno, e premia due miliardi di dollari consentire ai produttori di affrontare possibile azione penale.

Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha accolto con favore il voto e ha detto in una dichiarazione, "Spero che il Senato agisca rapidamente, in modo che io possa firmare la legge prima di agosto." "Per oltre un decennio, il nostro paese non ha avuto una strategia chiara, equilibrata e completa in materia di energia", ha detto che a voi.

La leader dell'opposizione democratica Nancy Pelosi ha detto Giovedi che la riforma era "anticonsommateur, anticontribuable e antienvironnement" soprattutto se si considera troppo costoso e troppo favorevole all'industria.

Fonte


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *