Un barile di petrolio in euro anni 380 10?

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

PARIGI (Reuters) - Il prezzo del petrolio potrebbe costare dollari 380 in dieci anni, quasi otto volte più di oggi, dice che la banca d'investimento Ixis-CIB in uno studio pubblicato Lunedi.

"Per analogia con gli shock petroliferi degli anni 1970, non sembra irragionevole prevedere un prezzo 380 dollari al barile per il petrolio in 2015", scrivono dello studio, Patrick Artus e Moncef Kaabi economisti autori.

Essi considerano il "molto conservatori" e altrimenti "del tutto irragionevole" ipotesi che il prezzo di un barile di greggio, che oscilla intorno oggi dollari 50, potrebbe tornare tra 30 e 40 di dollari in dieci anni.

Attualmente, il consumo mondiale di petrolio (84,3 milioni di barili al giorno) rimane al di sotto della capacità produttiva massima di nota (87 milioni di barili al giorno).



Estrapolando le attuali tendenze di consumo mondiale di petrolio, gli economisti Ixis-CIB credono che sarà in giro 108 2015 milioni di barili al giorno e sarà superiore al 8% della capacità produttiva stimata in 100 milioni di barili al giorno.

Diversi fattori spiegano questo nella loro evoluzione:

- Un piccolo aumento della capacità produttiva derivante da una continua riduzione delle riserve di petrolio ritrovata;

- Il consumo di petrolio è aumentato più rapidamente del PIL mondiale, in particolare con la prospettiva di un aumento significativo della domanda proveniente dalla Cina;

- Il relativamente lento sviluppo di fonti energetiche alternative.

"Nei prossimi dieci anni, si può considerare che i sostituti energetici per i combustibili fossili (ritorno del nucleare, idrogeno ...) non sono stati molto sviluppati", scrivono Patrick Artus e Moncef Kaabi. "Il mondo ancora dipenderà forme convenzionali di risorse energetiche. "

calcoli econometrici che citano, l'elasticità della domanda di petrolio in relazione ai prezzi del petrolio saranno nei requisiti molto bassi: un aumento del 25% del prezzo del greggio sarebbe riduzione solo 1% richiesta.

"Per ridurre 8 2015% della domanda globale di petrolio, dovrebbe quindi, in 2005 2015 ad una moltiplicazione per 6,9 il prezzo reale del petrolio", si aggiunge. Ciò che dà, tenendo conto di un'inflazione annua del 2,5% negli Stati Uniti, "un prezzo nominale di petrolio 380 dollari al barile in 2015."

Fonte: Reuters


commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *