L'energia grigia della costruzione, la faccia nascosta del settore!

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

L'energia grigia della costruzione e le componenti "grigio CO2", la faccia nascosta del settore dell'edilizia e delle costruzioni.

Gli orientamenti della politica europea sull'energia grigia della costruzione.

I nuovi dati sul cambiamento climatico ci obbligano a ridurre significativamente il consumo di energia fossile, in particolare nel settore delle costruzioni, che rappresenta il 40% dell'energia totale utilizzata nell'Unione europea e quasi un quarto di emissioni di gas serra (GHG).

L'Unione Europea ha emesso una direttiva 19 May 2010 per migliorare il rendimento energetico degli edifici, che all'epoca era già salutato come un grande passo. Questa direttiva prevede la generalizzazione degli edifici "passivi" o produttori di energia sull'orizzonte 2020, con l'obbligo per gli edifici pubblici di implementare questa politica da 2018. Questo testo stabilisce che in un quarto di secolo, almeno il 25% dei nuovi edifici è neutro o positivo sul bilancio energetico del loro consumo.


Ma il bilancio energetico di una costruzione dovrebbe fermarsi alla semplice nozione di dispendio energetico d'uso?

Questa nuova soglia di prestazione energetica richiesta dalle autorità pubbliche ci porta, di fatto, a perseguire una logica coerente di integrazione di tutte le energie presenti in un progetto al fine di migliorarne le prestazioni ambientali. Tuttavia, se viene proposta la nozione di consumo d'uso (riscaldamento, acqua calda sanitaria, illuminazione, ventilazione, aria condizionata), la considerazione dell'energia grigia nell'implementazione degli edifici e delle attrezzature a bordo è stata , ad oggi, piuttosto sottovalutato.


È ormai inevitabile che la politica di consumo molto basso decisa per le future normative termiche evidenzi l'importanza del fattore energetico grigio.
Come sottolinea Alain Maugard (Presidente di Qualibat) in una delle sue colonne sul sito Web di Xpair:

"In passato per una casa che utilizzava 80 Kg eq CO2 / m2.an, avevamo bisogno di 5 anni di funzionamento per coprire l'energia grigia utilizzata nella costruzione. Ora dobbiamo renderci conto che un edificio a basso consumo che richiederà solo 5Kg eq CO2 / m2.an per i suoi usi metterà 70 80 anni per compensare questo post »

energia grigia della costruzione: confronto di energia grigia e uso per i tipi di edifici 4
Confronto di energia grigia e utilizzo per i tipi di edifici 4

Per impostare un ordine di grandezza, lo sappiamo la quantità di carbonio grigio necessario sviluppare una costruzione di circa 300 per 500 kg eq CO2 / m2 per una casa, di 300 a 600 kg eq CO2 / m2 per un piccolo gruppo e 500 800 CO2 Kg / m2 per uffici.


Ma qual è l'energia grigia della costruzione ?

The ICEB (Istituto per il design Eco Responsible for Buildings - allegato 1) propone una definizione che integra due tipi di energie:

  • energia grigia non rinnovabile chiamata energia di processo (input di energia richiesti nel processo di implementazione durante il ciclo di vita),
  • Energia grigia rinnovabile per l'intero ciclo di vita della vita non lavorativa.


Questo concetto è vicino alla EN 15 978 la cui unica differenza di integrare, in aggiunta, la stazione di manutenzione. Per semplificare, energia grigia è l'energia "perso": il debito di energia, mentre l'energia (chiamato anche "materia prima") è piuttosto di energia stock mobilitato temporanea. L'energia materiale può essere recuperata alla fine della sua vita mediante riciclaggio o recupero di energia.

Di seguito, un esempio di confronto tra un telaio in acciaio e un telaio in legno laminato di FDES (fogli di dichiarazione ambientale e sanitaria) su 100 ans:



energia grigia della costruzione: confronto energetico di un telaio in metallo e legno
Confronto energetico di un telaio in metallo e legno

Questo confronto dimostra che mentre l'energia primaria totale della struttura in acciaio è più interessante, troviamo che il proprio bilancio di cons quindi fatto di energia "persa" è molto sfavorevole per quanto riguarda la struttura in legno che ci permette di un'economia di 46% di energia grigia nel significato della definizione ICEB.

Quali sono le opzioni per ridurre la quota di energia grigia ?

Le principali aree di miglioramento possono essere viste in diverse fasi:

  • alla scala di programmazione architettonica da un mix funzionale di attuazione, la scelta di un sito idoneo, l'ottimizzazione dell'architettura dalla compattezza e semplicità;
  • a livello di edificio, dovremo concentrarci sull'implementazione materiali equivalenti a basso consumo energetico basandosi sulla LCA più bassa possibile (analisi del ciclo di vita), articolo per articolo;
  • a livello di sito, dobbiamo applicare lo stesso approccio analitico a risparmiare acqua, carburante e concentrarsi su risorse vicine, gestione dei rifiuti, viaggi sostenibili per il personale ...
  • nella fase dello sfruttamento, possiamo ridurre energia incorporata attraverso le varie stazioni di servizio, manutenzione, sostituzione di attrezzature, sobrietà, informazioni buona pratica per gli utenti ...
  • gestire la fine della vita del progetto nel modo più ottimale possibile, pensando al riutilizzo in loco o in un settore vicino, riciclaggio, recupero di energia.

Sta iniziando una nuova visione della costruzione energetica!

Febbraio 18 2016, l'associazione per lo sviluppo di bassa BBCA di carbonio, il centro edificio scientifico e tecnico CSTB e la sua certificare CERTIVEA corpo ha presentato la prima etichetta Low Carbon.

Jean Christophe Visier, Energy Director presso CSTB, spiega che:


"Questa etichetta si basa su metodi scientifici (LCA per esempio) che hanno portato allo sviluppo del repository BBCA
(vedi allegati 2 e 3) che si basa sul lavoro collettivo del settore e dello Stato (in particolare le prestazioni dell'HQE) ".


Ségolène Royal inoltre accolto con favore l'istituzione di questa etichetta che contribuisce, nelle sue parole, "per la realizzazione di edifici esemplari che parteciperanno alla realizzazione degli obiettivi della transizione energetica alla crescita verde e la continuazione degli impegni gli accordi di Parigi sul clima adottati al COP 21 ".


Articolo scritto da Philippe Lefèvre, consulente certificato European Passive House

Articolo pubblicato su a seguito di una richiesta di pubblicazione sul sito, non esitare a proporre le tue pubblicazioni e noi le studieremo!

Riferimenti e allegati:

Il sito ICEB
BBCA a basso tenore di carbonio
Archivio BBCA in .pdf


Andare oltre: discussioni tecniche sull'energia grigia della costruzione

commenti Facebook

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *